GIUSTA RETRIBUZIONE E CONTRATTO COLLETTIVO

Risultato della ricerca: Other contribution

Abstract

Commentando la pronuncia esaminata l’Autore sottolinea che la questione della qualificazione del rapporto, da sempre risolta in base ai tradizionali principi dell'onere della prova e degli indici rivelatori della subordinazione, si indirizza verso nuovi orizzonti alla luce delle modifiche apportate con la legge n. 92 del 2012, che introduce una presunzione di non autonomia della prestazione lavorativa in assenza dei requisiti espressamente indicati nel testo legislativo. Il riconoscimento della natura subordinata del rapporto pone l'ulteriore problema dell'applicazione, parziale o integrale, del contratto collettivo che, anche alla luce della predetta riforma, sembra assurgere al rango di fonte normativa del trattamento retributivo minimo in attuazione del precetto di cui all’art. 36 Cost.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Cita questo