Giovanni Gentile. Tra teoria e prassi

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Ancora oggi, l’idealismo, in genere, e quello italiano, in particolare, sono considerati stereotipi di un paradigma speculativo, privo di riscontro pratico, come se il sostenitore della filosofia dello spirito fosse profondamente convinto della inutilità della filosofia pratica. Indubbiamente un filosofo,convinto del proprio ruolo e del proprio modello speculativo, non riconoscerà mai la primalità della prassi sulla teoria; ma sostenere la primalità della teoria non significa misconoscere la prassi. A qualunque corrente di pensiero ci si richiami, teoria e prassi sono sempre stati due aspetti strettamente connessi della filosofia; si può anche dire che la filosofia, in quanto tale, non mira al soddisfacimento di beni materiali; ma non si può ignorare che da sempre la categoria del vero corrisponde a quella del bene. Nel caso di Gentile, desideriamo sottolineare che il suo sistema filosofico risulta già elaborato con l’apparizione del primo volume del Sistema di logica nel 1917; e che, per quanto possa essere considerata filosofia astratta, il suo attualismo non risulta disgiunto dalla prassi.
Lingua originaleItalian
EditoreQanat
Numero di pagine66
ISBN (stampa)978.88.96414.59.0
Stato di pubblicazionePublished - 2010

Serie di pubblicazioni

NomeStoria della Cultura contemporanea

Cita questo

Di Giovanni, P. (2010). Giovanni Gentile. Tra teoria e prassi. (Storia della Cultura contemporanea). Qanat.

Giovanni Gentile. Tra teoria e prassi. / Di Giovanni, Pietro.

Qanat, 2010. 66 pag. (Storia della Cultura contemporanea).

Risultato della ricerca: Book

Di Giovanni, P 2010, Giovanni Gentile. Tra teoria e prassi. Storia della Cultura contemporanea, Qanat.
Di Giovanni P. Giovanni Gentile. Tra teoria e prassi. Qanat, 2010. 66 pag. (Storia della Cultura contemporanea).
Di Giovanni, Pietro. / Giovanni Gentile. Tra teoria e prassi. Qanat, 2010. 66 pag. (Storia della Cultura contemporanea).
@book{1a8da64cae19454996a8b95ce1fe1a15,
title = "Giovanni Gentile. Tra teoria e prassi",
abstract = "Ancora oggi, l’idealismo, in genere, e quello italiano, in particolare, sono considerati stereotipi di un paradigma speculativo, privo di riscontro pratico, come se il sostenitore della filosofia dello spirito fosse profondamente convinto della inutilit{\`a} della filosofia pratica. Indubbiamente un filosofo,convinto del proprio ruolo e del proprio modello speculativo, non riconoscer{\`a} mai la primalit{\`a} della prassi sulla teoria; ma sostenere la primalit{\`a} della teoria non significa misconoscere la prassi. A qualunque corrente di pensiero ci si richiami, teoria e prassi sono sempre stati due aspetti strettamente connessi della filosofia; si pu{\`o} anche dire che la filosofia, in quanto tale, non mira al soddisfacimento di beni materiali; ma non si pu{\`o} ignorare che da sempre la categoria del vero corrisponde a quella del bene. Nel caso di Gentile, desideriamo sottolineare che il suo sistema filosofico risulta gi{\`a} elaborato con l’apparizione del primo volume del Sistema di logica nel 1917; e che, per quanto possa essere considerata filosofia astratta, il suo attualismo non risulta disgiunto dalla prassi.",
keywords = "Gentile, teoria, prassi",
author = "{Di Giovanni}, Pietro",
year = "2010",
language = "Italian",
isbn = "978.88.96414.59.0",
series = "Storia della Cultura contemporanea",
publisher = "Qanat",

}

TY - BOOK

T1 - Giovanni Gentile. Tra teoria e prassi

AU - Di Giovanni, Pietro

PY - 2010

Y1 - 2010

N2 - Ancora oggi, l’idealismo, in genere, e quello italiano, in particolare, sono considerati stereotipi di un paradigma speculativo, privo di riscontro pratico, come se il sostenitore della filosofia dello spirito fosse profondamente convinto della inutilità della filosofia pratica. Indubbiamente un filosofo,convinto del proprio ruolo e del proprio modello speculativo, non riconoscerà mai la primalità della prassi sulla teoria; ma sostenere la primalità della teoria non significa misconoscere la prassi. A qualunque corrente di pensiero ci si richiami, teoria e prassi sono sempre stati due aspetti strettamente connessi della filosofia; si può anche dire che la filosofia, in quanto tale, non mira al soddisfacimento di beni materiali; ma non si può ignorare che da sempre la categoria del vero corrisponde a quella del bene. Nel caso di Gentile, desideriamo sottolineare che il suo sistema filosofico risulta già elaborato con l’apparizione del primo volume del Sistema di logica nel 1917; e che, per quanto possa essere considerata filosofia astratta, il suo attualismo non risulta disgiunto dalla prassi.

AB - Ancora oggi, l’idealismo, in genere, e quello italiano, in particolare, sono considerati stereotipi di un paradigma speculativo, privo di riscontro pratico, come se il sostenitore della filosofia dello spirito fosse profondamente convinto della inutilità della filosofia pratica. Indubbiamente un filosofo,convinto del proprio ruolo e del proprio modello speculativo, non riconoscerà mai la primalità della prassi sulla teoria; ma sostenere la primalità della teoria non significa misconoscere la prassi. A qualunque corrente di pensiero ci si richiami, teoria e prassi sono sempre stati due aspetti strettamente connessi della filosofia; si può anche dire che la filosofia, in quanto tale, non mira al soddisfacimento di beni materiali; ma non si può ignorare che da sempre la categoria del vero corrisponde a quella del bene. Nel caso di Gentile, desideriamo sottolineare che il suo sistema filosofico risulta già elaborato con l’apparizione del primo volume del Sistema di logica nel 1917; e che, per quanto possa essere considerata filosofia astratta, il suo attualismo non risulta disgiunto dalla prassi.

KW - Gentile, teoria, prassi

UR - http://hdl.handle.net/10447/55913

M3 - Book

SN - 978.88.96414.59.0

T3 - Storia della Cultura contemporanea

BT - Giovanni Gentile. Tra teoria e prassi

PB - Qanat

ER -