Giovanni Gentile nell'Ateneo di Palermo (1906-1914)

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Quando Giovanni Gentile giunse a Palermo, per assumere la titolarità della cattedra di Storia della filosofia nella Facoltà di Lettere e filosofia, a partire dall’anno accademico 1906-07, trovò un ambiente che aveva già consolidato una certa tradizione sia sul versante della cultura umanistica che su quello della cultura scientifica. Per ciò che attiene alla filosofia in senso stretto, occorre sottolineare che ad inizio del Novecento, a Palermo, la cattedra di Filosofia teoretica era tenuta da Cosmo Guastella, mentre quella di Filosofia morale da Francesco Orestano. All’arrivo di Gentile, Guastella si era già distinto con la pubblicazione, presso l’editore Sandron di Palermo, dei due volumi di Saggi sulla teoria della conoscenza, con i quali aveva, rispettivamente nel 1898 e nel 1905, elaborato il suo fenomenismo recuperando la filosofia della tradizione anglosassone risalente, oltre che all’empirismo e al positivismo dei secoli XVIII e XIX, al neopositivismo promosso al Trinity College di Cambridge da Eduard Moore e da Bertrand Russell. Al termine della sua carriera accademica, Guastella avrebbe composto Le ragioni del fenomenismo, date alle stampe a Palermo nel 1921-22 per i tipi dell’editore e tipografo Priulla.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)560-569
Numero di pagine10
RivistaGiornale Critico della Filosofia Italiana
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo

@article{40f399e22cd04c53b23f9043332703fa,
title = "Giovanni Gentile nell'Ateneo di Palermo (1906-1914)",
abstract = "Quando Giovanni Gentile giunse a Palermo, per assumere la titolarit{\`a} della cattedra di Storia della filosofia nella Facolt{\`a} di Lettere e filosofia, a partire dall’anno accademico 1906-07, trov{\`o} un ambiente che aveva gi{\`a} consolidato una certa tradizione sia sul versante della cultura umanistica che su quello della cultura scientifica. Per ci{\`o} che attiene alla filosofia in senso stretto, occorre sottolineare che ad inizio del Novecento, a Palermo, la cattedra di Filosofia teoretica era tenuta da Cosmo Guastella, mentre quella di Filosofia morale da Francesco Orestano. All’arrivo di Gentile, Guastella si era gi{\`a} distinto con la pubblicazione, presso l’editore Sandron di Palermo, dei due volumi di Saggi sulla teoria della conoscenza, con i quali aveva, rispettivamente nel 1898 e nel 1905, elaborato il suo fenomenismo recuperando la filosofia della tradizione anglosassone risalente, oltre che all’empirismo e al positivismo dei secoli XVIII e XIX, al neopositivismo promosso al Trinity College di Cambridge da Eduard Moore e da Bertrand Russell. Al termine della sua carriera accademica, Guastella avrebbe composto Le ragioni del fenomenismo, date alle stampe a Palermo nel 1921-22 per i tipi dell’editore e tipografo Priulla.",
author = "Genna, {Caterina Maria}",
year = "2016",
language = "Italian",
pages = "560--569",
journal = "Giornale Critico della Filosofia Italiana",
issn = "0017-0089",
publisher = "Casa Editrice le Lettere",

}

TY - JOUR

T1 - Giovanni Gentile nell'Ateneo di Palermo (1906-1914)

AU - Genna, Caterina Maria

PY - 2016

Y1 - 2016

N2 - Quando Giovanni Gentile giunse a Palermo, per assumere la titolarità della cattedra di Storia della filosofia nella Facoltà di Lettere e filosofia, a partire dall’anno accademico 1906-07, trovò un ambiente che aveva già consolidato una certa tradizione sia sul versante della cultura umanistica che su quello della cultura scientifica. Per ciò che attiene alla filosofia in senso stretto, occorre sottolineare che ad inizio del Novecento, a Palermo, la cattedra di Filosofia teoretica era tenuta da Cosmo Guastella, mentre quella di Filosofia morale da Francesco Orestano. All’arrivo di Gentile, Guastella si era già distinto con la pubblicazione, presso l’editore Sandron di Palermo, dei due volumi di Saggi sulla teoria della conoscenza, con i quali aveva, rispettivamente nel 1898 e nel 1905, elaborato il suo fenomenismo recuperando la filosofia della tradizione anglosassone risalente, oltre che all’empirismo e al positivismo dei secoli XVIII e XIX, al neopositivismo promosso al Trinity College di Cambridge da Eduard Moore e da Bertrand Russell. Al termine della sua carriera accademica, Guastella avrebbe composto Le ragioni del fenomenismo, date alle stampe a Palermo nel 1921-22 per i tipi dell’editore e tipografo Priulla.

AB - Quando Giovanni Gentile giunse a Palermo, per assumere la titolarità della cattedra di Storia della filosofia nella Facoltà di Lettere e filosofia, a partire dall’anno accademico 1906-07, trovò un ambiente che aveva già consolidato una certa tradizione sia sul versante della cultura umanistica che su quello della cultura scientifica. Per ciò che attiene alla filosofia in senso stretto, occorre sottolineare che ad inizio del Novecento, a Palermo, la cattedra di Filosofia teoretica era tenuta da Cosmo Guastella, mentre quella di Filosofia morale da Francesco Orestano. All’arrivo di Gentile, Guastella si era già distinto con la pubblicazione, presso l’editore Sandron di Palermo, dei due volumi di Saggi sulla teoria della conoscenza, con i quali aveva, rispettivamente nel 1898 e nel 1905, elaborato il suo fenomenismo recuperando la filosofia della tradizione anglosassone risalente, oltre che all’empirismo e al positivismo dei secoli XVIII e XIX, al neopositivismo promosso al Trinity College di Cambridge da Eduard Moore e da Bertrand Russell. Al termine della sua carriera accademica, Guastella avrebbe composto Le ragioni del fenomenismo, date alle stampe a Palermo nel 1921-22 per i tipi dell’editore e tipografo Priulla.

UR - http://hdl.handle.net/10447/237029

M3 - Article

SP - 560

EP - 569

JO - Giornale Critico della Filosofia Italiana

JF - Giornale Critico della Filosofia Italiana

SN - 0017-0089

ER -