Giacomo Serpotta nella chiesa di Sant'Orsola di Palermo. Studi e restauro

Risultato della ricerca: Book

Abstract

La monografia affronta in maniera interdisciplinare un'opera meno nota di Giacomo Serpotta, realizzata tra il 1695 e il 1696, all'interno della chiesa palermitana di Sant'Orsola. A dispetto dell'apparente consistenza come apparato minore, lo studio e il restauro, intersecando le conoscenze acquisite durante il cantiere, hanno posto in evidenza aspetti meno divulgati sia relativi alla tecnica, che all'iconografia (anche relativamente ad inediti modelli di riferimento), che all'interpretazione delle immagini simboliche. La ricerca, anche con il rinvenimento di documentazione inedita d'archivio, ha fissato le coordinate cronologiche dell'apparato plastico, in relazione al sito e alla produzione serpottiana, distinguendo con precisione gli interventi nelle due cappelle di S. Orsola e delle Anime Purganti, finora assimilati. L'incrocio metodologico tra le notizie documentarie e le osservazioni durante il cantiere di restauro ha consentito di confermare alcuni dati relativamente ai restauri precedenti nonché, per la prima volta in maniera chiara ed incontrovertibile, in relazione ad un aspetto preciso della tecnica serpottiana, la cosiddetta "allustratura", sfatando errate interpretazioni presenti finora nella letteratura artistica di settore. Contestualmente è stata presa in esame, per la prima volta, l'attività di cantiere, che ha consentito di fare alcune considerazioni sulla modalità di realizzazione delle opere , in sede o in bottega. L'individuazione di alcuni disegni inediti autografi ha arricchito il lavoro che è stato condotto tramite una disamina originale dell'iconografia dell'apparato e presentando l'interpretazione iconologica, che riporta una lettura del tutto nuova e non scontata, legata al Giudizio Universale.
Lingua originaleItalian
EditoreCongregazione Sant'Eligio - Museo Diocesano di Palermo
Numero di pagine80
ISBN (stampa)978-88-904238-5-7
Stato di pubblicazionePublished - 2011

Serie di pubblicazioni

NomeMUSEO DIOCESANO DI PALERMO. STUDI E RESTAURI

Cita questo

Palazzotto, P. (2011). Giacomo Serpotta nella chiesa di Sant'Orsola di Palermo. Studi e restauro. (MUSEO DIOCESANO DI PALERMO. STUDI E RESTAURI). Congregazione Sant'Eligio - Museo Diocesano di Palermo.

Giacomo Serpotta nella chiesa di Sant'Orsola di Palermo. Studi e restauro. / Palazzotto, Pierfrancesco.

Congregazione Sant'Eligio - Museo Diocesano di Palermo, 2011. 80 pag. (MUSEO DIOCESANO DI PALERMO. STUDI E RESTAURI).

Risultato della ricerca: Book

Palazzotto, P 2011, Giacomo Serpotta nella chiesa di Sant'Orsola di Palermo. Studi e restauro. MUSEO DIOCESANO DI PALERMO. STUDI E RESTAURI, Congregazione Sant'Eligio - Museo Diocesano di Palermo.
Palazzotto P. Giacomo Serpotta nella chiesa di Sant'Orsola di Palermo. Studi e restauro. Congregazione Sant'Eligio - Museo Diocesano di Palermo, 2011. 80 pag. (MUSEO DIOCESANO DI PALERMO. STUDI E RESTAURI).
Palazzotto, Pierfrancesco. / Giacomo Serpotta nella chiesa di Sant'Orsola di Palermo. Studi e restauro. Congregazione Sant'Eligio - Museo Diocesano di Palermo, 2011. 80 pag. (MUSEO DIOCESANO DI PALERMO. STUDI E RESTAURI).
@book{822b64449789469fa82839017d49ada5,
title = "Giacomo Serpotta nella chiesa di Sant'Orsola di Palermo. Studi e restauro",
abstract = "La monografia affronta in maniera interdisciplinare un'opera meno nota di Giacomo Serpotta, realizzata tra il 1695 e il 1696, all'interno della chiesa palermitana di Sant'Orsola. A dispetto dell'apparente consistenza come apparato minore, lo studio e il restauro, intersecando le conoscenze acquisite durante il cantiere, hanno posto in evidenza aspetti meno divulgati sia relativi alla tecnica, che all'iconografia (anche relativamente ad inediti modelli di riferimento), che all'interpretazione delle immagini simboliche. La ricerca, anche con il rinvenimento di documentazione inedita d'archivio, ha fissato le coordinate cronologiche dell'apparato plastico, in relazione al sito e alla produzione serpottiana, distinguendo con precisione gli interventi nelle due cappelle di S. Orsola e delle Anime Purganti, finora assimilati. L'incrocio metodologico tra le notizie documentarie e le osservazioni durante il cantiere di restauro ha consentito di confermare alcuni dati relativamente ai restauri precedenti nonch{\'e}, per la prima volta in maniera chiara ed incontrovertibile, in relazione ad un aspetto preciso della tecnica serpottiana, la cosiddetta {"}allustratura{"}, sfatando errate interpretazioni presenti finora nella letteratura artistica di settore. Contestualmente {\`e} stata presa in esame, per la prima volta, l'attivit{\`a} di cantiere, che ha consentito di fare alcune considerazioni sulla modalit{\`a} di realizzazione delle opere , in sede o in bottega. L'individuazione di alcuni disegni inediti autografi ha arricchito il lavoro che {\`e} stato condotto tramite una disamina originale dell'iconografia dell'apparato e presentando l'interpretazione iconologica, che riporta una lettura del tutto nuova e non scontata, legata al Giudizio Universale.",
keywords = "Giacomo Serpotta, Giudizio Universale, arte Palermo, chiesa di Sant'Orsola, restauro, scultura XVII secolo, stucco Palermo",
author = "Pierfrancesco Palazzotto",
year = "2011",
language = "Italian",
isbn = "978-88-904238-5-7",
series = "MUSEO DIOCESANO DI PALERMO. STUDI E RESTAURI",
publisher = "Congregazione Sant'Eligio - Museo Diocesano di Palermo",

}

TY - BOOK

T1 - Giacomo Serpotta nella chiesa di Sant'Orsola di Palermo. Studi e restauro

AU - Palazzotto, Pierfrancesco

PY - 2011

Y1 - 2011

N2 - La monografia affronta in maniera interdisciplinare un'opera meno nota di Giacomo Serpotta, realizzata tra il 1695 e il 1696, all'interno della chiesa palermitana di Sant'Orsola. A dispetto dell'apparente consistenza come apparato minore, lo studio e il restauro, intersecando le conoscenze acquisite durante il cantiere, hanno posto in evidenza aspetti meno divulgati sia relativi alla tecnica, che all'iconografia (anche relativamente ad inediti modelli di riferimento), che all'interpretazione delle immagini simboliche. La ricerca, anche con il rinvenimento di documentazione inedita d'archivio, ha fissato le coordinate cronologiche dell'apparato plastico, in relazione al sito e alla produzione serpottiana, distinguendo con precisione gli interventi nelle due cappelle di S. Orsola e delle Anime Purganti, finora assimilati. L'incrocio metodologico tra le notizie documentarie e le osservazioni durante il cantiere di restauro ha consentito di confermare alcuni dati relativamente ai restauri precedenti nonché, per la prima volta in maniera chiara ed incontrovertibile, in relazione ad un aspetto preciso della tecnica serpottiana, la cosiddetta "allustratura", sfatando errate interpretazioni presenti finora nella letteratura artistica di settore. Contestualmente è stata presa in esame, per la prima volta, l'attività di cantiere, che ha consentito di fare alcune considerazioni sulla modalità di realizzazione delle opere , in sede o in bottega. L'individuazione di alcuni disegni inediti autografi ha arricchito il lavoro che è stato condotto tramite una disamina originale dell'iconografia dell'apparato e presentando l'interpretazione iconologica, che riporta una lettura del tutto nuova e non scontata, legata al Giudizio Universale.

AB - La monografia affronta in maniera interdisciplinare un'opera meno nota di Giacomo Serpotta, realizzata tra il 1695 e il 1696, all'interno della chiesa palermitana di Sant'Orsola. A dispetto dell'apparente consistenza come apparato minore, lo studio e il restauro, intersecando le conoscenze acquisite durante il cantiere, hanno posto in evidenza aspetti meno divulgati sia relativi alla tecnica, che all'iconografia (anche relativamente ad inediti modelli di riferimento), che all'interpretazione delle immagini simboliche. La ricerca, anche con il rinvenimento di documentazione inedita d'archivio, ha fissato le coordinate cronologiche dell'apparato plastico, in relazione al sito e alla produzione serpottiana, distinguendo con precisione gli interventi nelle due cappelle di S. Orsola e delle Anime Purganti, finora assimilati. L'incrocio metodologico tra le notizie documentarie e le osservazioni durante il cantiere di restauro ha consentito di confermare alcuni dati relativamente ai restauri precedenti nonché, per la prima volta in maniera chiara ed incontrovertibile, in relazione ad un aspetto preciso della tecnica serpottiana, la cosiddetta "allustratura", sfatando errate interpretazioni presenti finora nella letteratura artistica di settore. Contestualmente è stata presa in esame, per la prima volta, l'attività di cantiere, che ha consentito di fare alcune considerazioni sulla modalità di realizzazione delle opere , in sede o in bottega. L'individuazione di alcuni disegni inediti autografi ha arricchito il lavoro che è stato condotto tramite una disamina originale dell'iconografia dell'apparato e presentando l'interpretazione iconologica, che riporta una lettura del tutto nuova e non scontata, legata al Giudizio Universale.

KW - Giacomo Serpotta

KW - Giudizio Universale

KW - arte Palermo

KW - chiesa di Sant'Orsola

KW - restauro

KW - scultura XVII secolo

KW - stucco Palermo

UR - http://hdl.handle.net/10447/59785

M3 - Book

SN - 978-88-904238-5-7

T3 - MUSEO DIOCESANO DI PALERMO. STUDI E RESTAURI

BT - Giacomo Serpotta nella chiesa di Sant'Orsola di Palermo. Studi e restauro

PB - Congregazione Sant'Eligio - Museo Diocesano di Palermo

ER -