Formazione e trasformazioni. L'intervento psicosociologico nelle organizzazioni e nel sociale.

Venza G

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Senza volere affermare che esista una precisa linea di confine epocale che abbia cambiato il cambiamento, possiamo comunque oggi constatare come vadano sempre più spesso emergendo nuove configurazioni qualitative del cambiamento, che non sono più relative alle sole dimensioni organizzative, ma anche a quelle dei fondamenti di senso, a quella delle tematiche istituzionali che attraversano le organizzazioni e le comunità. In particolare, i cambiamenti che stiamo vivendo nel mondo contempora- neo creano per gli individui ed i gruppi di lavoro condizioni che li obbligano al confronto con tematiche precedentemente estranee alla loro attività, all’incontro cooperativo con individui, gruppi ed organizzazioni portatori di valori ed obiettivi estranei ai loro, a confrontarsi con una prospettiva del futuro che si presenta come estraneo per eccellenza perché ormai a bassissima, se non illusoria, prevedibilità. La dimensione della convivenza, e la difficile questione della competenza alla convivenza, diventano quindi per la psicosociologia e per la formazione psicosociologica un nuovo terreno di sfida culturale e metodologico-professionale. In questo volume si cerca di offrire una visione non unitaria, ma neanche disintegrata, di possibili prospettive di intervento in un implicito dialogo fra psicosociologi, formatori, psicologi di comunità, educatori; fra operatori della psicologia, delle scienze umane, dell’intervento sociale ed organizzativo, fra esperti di servizi ed esperti di aziende, al fine di offrire un contributo teorico ed esperienziale alla diffusione della consapevo- lezza della necessità e della ricchezza della convivenza. Una convivenza che non sia mera tolleranza, ma scambio, una convivenza che non sia solo sommatoria di reciproche incompatibilità, ma circolarità di sensi possibili che insieme generino nuove possibilità di senso e nuove articolazioni del futuro.
Lingua originaleItalian
EditoreFRANCO ANGELI
ISBN (stampa)88-464-7040-0
Stato di pubblicazionePublished - 2005

Cita questo

@book{eabab66fc13b48b4be2f595e0ed800b0,
title = "Formazione e trasformazioni. L'intervento psicosociologico nelle organizzazioni e nel sociale.",
abstract = "Senza volere affermare che esista una precisa linea di confine epocale che abbia cambiato il cambiamento, possiamo comunque oggi constatare come vadano sempre pi{\`u} spesso emergendo nuove configurazioni qualitative del cambiamento, che non sono pi{\`u} relative alle sole dimensioni organizzative, ma anche a quelle dei fondamenti di senso, a quella delle tematiche istituzionali che attraversano le organizzazioni e le comunit{\`a}. In particolare, i cambiamenti che stiamo vivendo nel mondo contempora- neo creano per gli individui ed i gruppi di lavoro condizioni che li obbligano al confronto con tematiche precedentemente estranee alla loro attivit{\`a}, all’incontro cooperativo con individui, gruppi ed organizzazioni portatori di valori ed obiettivi estranei ai loro, a confrontarsi con una prospettiva del futuro che si presenta come estraneo per eccellenza perch{\'e} ormai a bassissima, se non illusoria, prevedibilit{\`a}. La dimensione della convivenza, e la difficile questione della competenza alla convivenza, diventano quindi per la psicosociologia e per la formazione psicosociologica un nuovo terreno di sfida culturale e metodologico-professionale. In questo volume si cerca di offrire una visione non unitaria, ma neanche disintegrata, di possibili prospettive di intervento in un implicito dialogo fra psicosociologi, formatori, psicologi di comunit{\`a}, educatori; fra operatori della psicologia, delle scienze umane, dell’intervento sociale ed organizzativo, fra esperti di servizi ed esperti di aziende, al fine di offrire un contributo teorico ed esperienziale alla diffusione della consapevo- lezza della necessit{\`a} e della ricchezza della convivenza. Una convivenza che non sia mera tolleranza, ma scambio, una convivenza che non sia solo sommatoria di reciproche incompatibilit{\`a}, ma circolarit{\`a} di sensi possibili che insieme generino nuove possibilit{\`a} di senso e nuove articolazioni del futuro.",
author = "{Venza G} and Gaetano Venza",
year = "2005",
language = "Italian",
isbn = "88-464-7040-0",
publisher = "FRANCO ANGELI",

}

TY - BOOK

T1 - Formazione e trasformazioni. L'intervento psicosociologico nelle organizzazioni e nel sociale.

AU - Venza G

AU - Venza, Gaetano

PY - 2005

Y1 - 2005

N2 - Senza volere affermare che esista una precisa linea di confine epocale che abbia cambiato il cambiamento, possiamo comunque oggi constatare come vadano sempre più spesso emergendo nuove configurazioni qualitative del cambiamento, che non sono più relative alle sole dimensioni organizzative, ma anche a quelle dei fondamenti di senso, a quella delle tematiche istituzionali che attraversano le organizzazioni e le comunità. In particolare, i cambiamenti che stiamo vivendo nel mondo contempora- neo creano per gli individui ed i gruppi di lavoro condizioni che li obbligano al confronto con tematiche precedentemente estranee alla loro attività, all’incontro cooperativo con individui, gruppi ed organizzazioni portatori di valori ed obiettivi estranei ai loro, a confrontarsi con una prospettiva del futuro che si presenta come estraneo per eccellenza perché ormai a bassissima, se non illusoria, prevedibilità. La dimensione della convivenza, e la difficile questione della competenza alla convivenza, diventano quindi per la psicosociologia e per la formazione psicosociologica un nuovo terreno di sfida culturale e metodologico-professionale. In questo volume si cerca di offrire una visione non unitaria, ma neanche disintegrata, di possibili prospettive di intervento in un implicito dialogo fra psicosociologi, formatori, psicologi di comunità, educatori; fra operatori della psicologia, delle scienze umane, dell’intervento sociale ed organizzativo, fra esperti di servizi ed esperti di aziende, al fine di offrire un contributo teorico ed esperienziale alla diffusione della consapevo- lezza della necessità e della ricchezza della convivenza. Una convivenza che non sia mera tolleranza, ma scambio, una convivenza che non sia solo sommatoria di reciproche incompatibilità, ma circolarità di sensi possibili che insieme generino nuove possibilità di senso e nuove articolazioni del futuro.

AB - Senza volere affermare che esista una precisa linea di confine epocale che abbia cambiato il cambiamento, possiamo comunque oggi constatare come vadano sempre più spesso emergendo nuove configurazioni qualitative del cambiamento, che non sono più relative alle sole dimensioni organizzative, ma anche a quelle dei fondamenti di senso, a quella delle tematiche istituzionali che attraversano le organizzazioni e le comunità. In particolare, i cambiamenti che stiamo vivendo nel mondo contempora- neo creano per gli individui ed i gruppi di lavoro condizioni che li obbligano al confronto con tematiche precedentemente estranee alla loro attività, all’incontro cooperativo con individui, gruppi ed organizzazioni portatori di valori ed obiettivi estranei ai loro, a confrontarsi con una prospettiva del futuro che si presenta come estraneo per eccellenza perché ormai a bassissima, se non illusoria, prevedibilità. La dimensione della convivenza, e la difficile questione della competenza alla convivenza, diventano quindi per la psicosociologia e per la formazione psicosociologica un nuovo terreno di sfida culturale e metodologico-professionale. In questo volume si cerca di offrire una visione non unitaria, ma neanche disintegrata, di possibili prospettive di intervento in un implicito dialogo fra psicosociologi, formatori, psicologi di comunità, educatori; fra operatori della psicologia, delle scienze umane, dell’intervento sociale ed organizzativo, fra esperti di servizi ed esperti di aziende, al fine di offrire un contributo teorico ed esperienziale alla diffusione della consapevo- lezza della necessità e della ricchezza della convivenza. Una convivenza che non sia mera tolleranza, ma scambio, una convivenza che non sia solo sommatoria di reciproche incompatibilità, ma circolarità di sensi possibili che insieme generino nuove possibilità di senso e nuove articolazioni del futuro.

UR - http://hdl.handle.net/10447/10383

M3 - Book

SN - 88-464-7040-0

BT - Formazione e trasformazioni. L'intervento psicosociologico nelle organizzazioni e nel sociale.

PB - FRANCO ANGELI

ER -