Foreste e sistemi agroforestali siciliani

Lo Papa, G; Benedetti, A; Corti, G

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Le foreste e i sistemi agroforestali siciliani mostrano caratteri di assoluta peculiarità ed originalità, che sono il frutto della combinazione unica tra le millenarie attività umane, che hanno largamente e profondamente modificato i caratteri della vegetazione originaria, e la straordinaria eterogeneità ambientale del territorio regionale. L’interazione nel tempo tra queste due grandi forze motrici è alla base del rilevante patrimonio di diversità vegetale e animale che caratterizza la Sicilia. La naturale varietà di habitat disponibili e di conseguenti nicchie ecologiche presenti nell’intero territorio regionale ha favorito la diversificazione delle forme di vita e la speciazione, e quindi la diversità. L’intervento antropico, al contrario, non ha avuto un effetto univoco sulla diversità. Moltissime attività antropiche hanno avuto un evidente effetto negativo sulla biodiversità e sugli ecosistemi naturali. Tuttavia, varie forme di gestione sostenibile delle risorse naturali, e l’adozione di modelli colturali estensivi, hanno avuto un ruolo positivo per la diversificazione delle forme viventi, ovvero hanno incrementato la biodiversità.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteIl ruolo della scienza del suolo per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile - Guida all'escursione
Pagine28-36
Numero di pagine9
Stato di pubblicazionePublished - 2018

Cita questo

Lo Papa, G; Benedetti, A; Corti, G (2018). Foreste e sistemi agroforestali siciliani. In Il ruolo della scienza del suolo per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile - Guida all'escursione (pagg. 28-36)

Foreste e sistemi agroforestali siciliani. / Lo Papa, G; Benedetti, A; Corti, G.

Il ruolo della scienza del suolo per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile - Guida all'escursione. 2018. pag. 28-36.

Risultato della ricerca: Chapter

Lo Papa, G; Benedetti, A; Corti, G 2018, Foreste e sistemi agroforestali siciliani. in Il ruolo della scienza del suolo per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile - Guida all'escursione. pagg. 28-36.
Lo Papa, G; Benedetti, A; Corti, G. Foreste e sistemi agroforestali siciliani. In Il ruolo della scienza del suolo per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile - Guida all'escursione. 2018. pag. 28-36
Lo Papa, G; Benedetti, A; Corti, G. / Foreste e sistemi agroforestali siciliani. Il ruolo della scienza del suolo per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile - Guida all'escursione. 2018. pagg. 28-36
@inbook{899bc8e8d38947c1a284096555011952,
title = "Foreste e sistemi agroforestali siciliani",
abstract = "Le foreste e i sistemi agroforestali siciliani mostrano caratteri di assoluta peculiarit{\`a} ed originalit{\`a}, che sono il frutto della combinazione unica tra le millenarie attivit{\`a} umane, che hanno largamente e profondamente modificato i caratteri della vegetazione originaria, e la straordinaria eterogeneit{\`a} ambientale del territorio regionale. L’interazione nel tempo tra queste due grandi forze motrici {\`e} alla base del rilevante patrimonio di diversit{\`a} vegetale e animale che caratterizza la Sicilia. La naturale variet{\`a} di habitat disponibili e di conseguenti nicchie ecologiche presenti nell’intero territorio regionale ha favorito la diversificazione delle forme di vita e la speciazione, e quindi la diversit{\`a}. L’intervento antropico, al contrario, non ha avuto un effetto univoco sulla diversit{\`a}. Moltissime attivit{\`a} antropiche hanno avuto un evidente effetto negativo sulla biodiversit{\`a} e sugli ecosistemi naturali. Tuttavia, varie forme di gestione sostenibile delle risorse naturali, e l’adozione di modelli colturali estensivi, hanno avuto un ruolo positivo per la diversificazione delle forme viventi, ovvero hanno incrementato la biodiversit{\`a}.",
author = "{Lo Papa, G; Benedetti, A; Corti, G} and {La Mantia}, Tommaso and Emilio Badalamenti and Giovanna Sala",
year = "2018",
language = "Italian",
isbn = "978-88-940679-5-8",
pages = "28--36",
booktitle = "Il ruolo della scienza del suolo per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile - Guida all'escursione",

}

TY - CHAP

T1 - Foreste e sistemi agroforestali siciliani

AU - Lo Papa, G; Benedetti, A; Corti, G

AU - La Mantia, Tommaso

AU - Badalamenti, Emilio

AU - Sala, Giovanna

PY - 2018

Y1 - 2018

N2 - Le foreste e i sistemi agroforestali siciliani mostrano caratteri di assoluta peculiarità ed originalità, che sono il frutto della combinazione unica tra le millenarie attività umane, che hanno largamente e profondamente modificato i caratteri della vegetazione originaria, e la straordinaria eterogeneità ambientale del territorio regionale. L’interazione nel tempo tra queste due grandi forze motrici è alla base del rilevante patrimonio di diversità vegetale e animale che caratterizza la Sicilia. La naturale varietà di habitat disponibili e di conseguenti nicchie ecologiche presenti nell’intero territorio regionale ha favorito la diversificazione delle forme di vita e la speciazione, e quindi la diversità. L’intervento antropico, al contrario, non ha avuto un effetto univoco sulla diversità. Moltissime attività antropiche hanno avuto un evidente effetto negativo sulla biodiversità e sugli ecosistemi naturali. Tuttavia, varie forme di gestione sostenibile delle risorse naturali, e l’adozione di modelli colturali estensivi, hanno avuto un ruolo positivo per la diversificazione delle forme viventi, ovvero hanno incrementato la biodiversità.

AB - Le foreste e i sistemi agroforestali siciliani mostrano caratteri di assoluta peculiarità ed originalità, che sono il frutto della combinazione unica tra le millenarie attività umane, che hanno largamente e profondamente modificato i caratteri della vegetazione originaria, e la straordinaria eterogeneità ambientale del territorio regionale. L’interazione nel tempo tra queste due grandi forze motrici è alla base del rilevante patrimonio di diversità vegetale e animale che caratterizza la Sicilia. La naturale varietà di habitat disponibili e di conseguenti nicchie ecologiche presenti nell’intero territorio regionale ha favorito la diversificazione delle forme di vita e la speciazione, e quindi la diversità. L’intervento antropico, al contrario, non ha avuto un effetto univoco sulla diversità. Moltissime attività antropiche hanno avuto un evidente effetto negativo sulla biodiversità e sugli ecosistemi naturali. Tuttavia, varie forme di gestione sostenibile delle risorse naturali, e l’adozione di modelli colturali estensivi, hanno avuto un ruolo positivo per la diversificazione delle forme viventi, ovvero hanno incrementato la biodiversità.

UR - http://hdl.handle.net/10447/329469

M3 - Chapter

SN - 978-88-940679-5-8

SP - 28

EP - 36

BT - Il ruolo della scienza del suolo per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile - Guida all'escursione

ER -