Foglio 607 Corleone

Risultato della ricerca: Other contribution

Abstract

Il Foglio 607 "Corleone" della Carta Geologica d'Italia in scala 1:50.000 è stato realizzato nell'ambito dl Progetto Carg con i fondi della Legge 438/95 (finanziamenti '96) tramite convenzione tra Servizio Geologico Nazionale (ora ISPRA) e la Regione Siciliana. L'area del Foglio ricade nella Provincia di Palermo, ricopre una parte della depressione morfostrutturale compresa tra i Monti di Palermo a nord ed i Monti Sicani a sud. La carta geologica è il risultato della esecuzione di rilievi originali nella gran parte del foglio e della revisione, da parte del gruppo di lavoro, di carte rilevate tra gli anni '70 e '90 nel settore settentrionale dello stesso. I rilevamenti originali e le revisioni sono stati eseguiti alla scala 1:10.000, su sezioni topografiche della Carta Tecnica Regionale messa a disposizione dalla Regione Siciliana, Assessorato Territorio ed Ambiente, che ha fornito anche rilievi aerofotogrammetrici sui quali sono state condotte le analisi morfostrutturali. I depositi quaternari sono stati cartografati con particolare accuratezza, applicando le norme emanate dall'APAT, ora ISPRA (SGN, 2001). Sono stati cartografati e classificati i principali fenomeni di dissesto geomorfologico che riguardano anche i depositi coerenti interessati da movimenti gravitativi profondi di versante. Il criterio adottato nelle diverse fasi del rilevamento e della rielaborazione cartografica è basato sulla necessità di un immediato riscontro sul terreno dlle varie litologie e degli elementi tettonici. Questo approccio tiene conto dell'analisi di facies dei carbonati e dei terrigeni, sviluppata negli anni '80-'90, che aveva permesso il riconoscimento di grandi corpi geologici, con l'individuazione di differenti unità paleogeografiche depositatesi in domini paleogeografici. Lo studio delle facies dei terreni affioranti ha consentito di individuare successioni paleozoiche-cenozoiche appartenenti a paleodomini crostali differenti. In seguito allo scollamento dal loro basamento i corpi geologici, definiti come prima detto, sono oggi esposti nella catena siciliana a formare una pila di unita' tettoniche. Per la definizione spaziale di questi corpi e per la loro caratterizzazione interna sono state utilizzate le unita' stratigrafico-strutturali (U.S.S.). Oltre che dai dati di superficie, i rilievi del Foglio "Corleone" si giovano dei risultati provenienti dall'interpretazione di una fitta maglia di profili sismici a riflessione che attraversa l'area del foglio, forniti da ENI/AGIP. I dati di sottosuolo, calibrati da pozzi per idrocarburi, consentono di riconoscere i rapporti tra i corpi geologici in profondità e di ricostruire la continuità spaziale delle unità tettoniche fino alla profondità di qualche migliaio di metri.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2005

Cita questo

@misc{126d48b161c0489393fde14acdfa8258,
title = "Foglio 607 Corleone",
abstract = "Il Foglio 607 {"}Corleone{"} della Carta Geologica d'Italia in scala 1:50.000 {\`e} stato realizzato nell'ambito dl Progetto Carg con i fondi della Legge 438/95 (finanziamenti '96) tramite convenzione tra Servizio Geologico Nazionale (ora ISPRA) e la Regione Siciliana. L'area del Foglio ricade nella Provincia di Palermo, ricopre una parte della depressione morfostrutturale compresa tra i Monti di Palermo a nord ed i Monti Sicani a sud. La carta geologica {\`e} il risultato della esecuzione di rilievi originali nella gran parte del foglio e della revisione, da parte del gruppo di lavoro, di carte rilevate tra gli anni '70 e '90 nel settore settentrionale dello stesso. I rilevamenti originali e le revisioni sono stati eseguiti alla scala 1:10.000, su sezioni topografiche della Carta Tecnica Regionale messa a disposizione dalla Regione Siciliana, Assessorato Territorio ed Ambiente, che ha fornito anche rilievi aerofotogrammetrici sui quali sono state condotte le analisi morfostrutturali. I depositi quaternari sono stati cartografati con particolare accuratezza, applicando le norme emanate dall'APAT, ora ISPRA (SGN, 2001). Sono stati cartografati e classificati i principali fenomeni di dissesto geomorfologico che riguardano anche i depositi coerenti interessati da movimenti gravitativi profondi di versante. Il criterio adottato nelle diverse fasi del rilevamento e della rielaborazione cartografica {\`e} basato sulla necessit{\`a} di un immediato riscontro sul terreno dlle varie litologie e degli elementi tettonici. Questo approccio tiene conto dell'analisi di facies dei carbonati e dei terrigeni, sviluppata negli anni '80-'90, che aveva permesso il riconoscimento di grandi corpi geologici, con l'individuazione di differenti unit{\`a} paleogeografiche depositatesi in domini paleogeografici. Lo studio delle facies dei terreni affioranti ha consentito di individuare successioni paleozoiche-cenozoiche appartenenti a paleodomini crostali differenti. In seguito allo scollamento dal loro basamento i corpi geologici, definiti come prima detto, sono oggi esposti nella catena siciliana a formare una pila di unita' tettoniche. Per la definizione spaziale di questi corpi e per la loro caratterizzazione interna sono state utilizzate le unita' stratigrafico-strutturali (U.S.S.). Oltre che dai dati di superficie, i rilievi del Foglio {"}Corleone{"} si giovano dei risultati provenienti dall'interpretazione di una fitta maglia di profili sismici a riflessione che attraversa l'area del foglio, forniti da ENI/AGIP. I dati di sottosuolo, calibrati da pozzi per idrocarburi, consentono di riconoscere i rapporti tra i corpi geologici in profondit{\`a} e di ricostruire la continuit{\`a} spaziale delle unit{\`a} tettoniche fino alla profondit{\`a} di qualche migliaio di metri.",
keywords = "Rilevamento geologico, Sicilia., Stratigrafia, Tettonica",
author = "Attilio Sulli and Salvatore Vernuccio and Giuseppe Avellone and {Di Maggio}, Cipriano and {Gasparo Morticelli}, Maurizio and Antonio Caruso and Sergio Bonomo and Mauro Agate and Luca Basilone and Umberto D'Angelo and Calogero Gugliotta and Cinzia Albanese and Mule', {Maria Cristina} and Rodolfo Sprovieri",
year = "2005",
language = "Italian",
type = "Other",

}

TY - GEN

T1 - Foglio 607 Corleone

AU - Sulli, Attilio

AU - Vernuccio, Salvatore

AU - Avellone, Giuseppe

AU - Di Maggio, Cipriano

AU - Gasparo Morticelli, Maurizio

AU - Caruso, Antonio

AU - Bonomo, Sergio

AU - Agate, Mauro

AU - Basilone, Luca

AU - D'Angelo, Umberto

AU - Gugliotta, Calogero

AU - Albanese, Cinzia

AU - Mule', Maria Cristina

AU - Sprovieri, Rodolfo

PY - 2005

Y1 - 2005

N2 - Il Foglio 607 "Corleone" della Carta Geologica d'Italia in scala 1:50.000 è stato realizzato nell'ambito dl Progetto Carg con i fondi della Legge 438/95 (finanziamenti '96) tramite convenzione tra Servizio Geologico Nazionale (ora ISPRA) e la Regione Siciliana. L'area del Foglio ricade nella Provincia di Palermo, ricopre una parte della depressione morfostrutturale compresa tra i Monti di Palermo a nord ed i Monti Sicani a sud. La carta geologica è il risultato della esecuzione di rilievi originali nella gran parte del foglio e della revisione, da parte del gruppo di lavoro, di carte rilevate tra gli anni '70 e '90 nel settore settentrionale dello stesso. I rilevamenti originali e le revisioni sono stati eseguiti alla scala 1:10.000, su sezioni topografiche della Carta Tecnica Regionale messa a disposizione dalla Regione Siciliana, Assessorato Territorio ed Ambiente, che ha fornito anche rilievi aerofotogrammetrici sui quali sono state condotte le analisi morfostrutturali. I depositi quaternari sono stati cartografati con particolare accuratezza, applicando le norme emanate dall'APAT, ora ISPRA (SGN, 2001). Sono stati cartografati e classificati i principali fenomeni di dissesto geomorfologico che riguardano anche i depositi coerenti interessati da movimenti gravitativi profondi di versante. Il criterio adottato nelle diverse fasi del rilevamento e della rielaborazione cartografica è basato sulla necessità di un immediato riscontro sul terreno dlle varie litologie e degli elementi tettonici. Questo approccio tiene conto dell'analisi di facies dei carbonati e dei terrigeni, sviluppata negli anni '80-'90, che aveva permesso il riconoscimento di grandi corpi geologici, con l'individuazione di differenti unità paleogeografiche depositatesi in domini paleogeografici. Lo studio delle facies dei terreni affioranti ha consentito di individuare successioni paleozoiche-cenozoiche appartenenti a paleodomini crostali differenti. In seguito allo scollamento dal loro basamento i corpi geologici, definiti come prima detto, sono oggi esposti nella catena siciliana a formare una pila di unita' tettoniche. Per la definizione spaziale di questi corpi e per la loro caratterizzazione interna sono state utilizzate le unita' stratigrafico-strutturali (U.S.S.). Oltre che dai dati di superficie, i rilievi del Foglio "Corleone" si giovano dei risultati provenienti dall'interpretazione di una fitta maglia di profili sismici a riflessione che attraversa l'area del foglio, forniti da ENI/AGIP. I dati di sottosuolo, calibrati da pozzi per idrocarburi, consentono di riconoscere i rapporti tra i corpi geologici in profondità e di ricostruire la continuità spaziale delle unità tettoniche fino alla profondità di qualche migliaio di metri.

AB - Il Foglio 607 "Corleone" della Carta Geologica d'Italia in scala 1:50.000 è stato realizzato nell'ambito dl Progetto Carg con i fondi della Legge 438/95 (finanziamenti '96) tramite convenzione tra Servizio Geologico Nazionale (ora ISPRA) e la Regione Siciliana. L'area del Foglio ricade nella Provincia di Palermo, ricopre una parte della depressione morfostrutturale compresa tra i Monti di Palermo a nord ed i Monti Sicani a sud. La carta geologica è il risultato della esecuzione di rilievi originali nella gran parte del foglio e della revisione, da parte del gruppo di lavoro, di carte rilevate tra gli anni '70 e '90 nel settore settentrionale dello stesso. I rilevamenti originali e le revisioni sono stati eseguiti alla scala 1:10.000, su sezioni topografiche della Carta Tecnica Regionale messa a disposizione dalla Regione Siciliana, Assessorato Territorio ed Ambiente, che ha fornito anche rilievi aerofotogrammetrici sui quali sono state condotte le analisi morfostrutturali. I depositi quaternari sono stati cartografati con particolare accuratezza, applicando le norme emanate dall'APAT, ora ISPRA (SGN, 2001). Sono stati cartografati e classificati i principali fenomeni di dissesto geomorfologico che riguardano anche i depositi coerenti interessati da movimenti gravitativi profondi di versante. Il criterio adottato nelle diverse fasi del rilevamento e della rielaborazione cartografica è basato sulla necessità di un immediato riscontro sul terreno dlle varie litologie e degli elementi tettonici. Questo approccio tiene conto dell'analisi di facies dei carbonati e dei terrigeni, sviluppata negli anni '80-'90, che aveva permesso il riconoscimento di grandi corpi geologici, con l'individuazione di differenti unità paleogeografiche depositatesi in domini paleogeografici. Lo studio delle facies dei terreni affioranti ha consentito di individuare successioni paleozoiche-cenozoiche appartenenti a paleodomini crostali differenti. In seguito allo scollamento dal loro basamento i corpi geologici, definiti come prima detto, sono oggi esposti nella catena siciliana a formare una pila di unita' tettoniche. Per la definizione spaziale di questi corpi e per la loro caratterizzazione interna sono state utilizzate le unita' stratigrafico-strutturali (U.S.S.). Oltre che dai dati di superficie, i rilievi del Foglio "Corleone" si giovano dei risultati provenienti dall'interpretazione di una fitta maglia di profili sismici a riflessione che attraversa l'area del foglio, forniti da ENI/AGIP. I dati di sottosuolo, calibrati da pozzi per idrocarburi, consentono di riconoscere i rapporti tra i corpi geologici in profondità e di ricostruire la continuità spaziale delle unità tettoniche fino alla profondità di qualche migliaio di metri.

KW - Rilevamento geologico

KW - Sicilia.

KW - Stratigrafia

KW - Tettonica

UR - http://hdl.handle.net/10447/1983

M3 - Other contribution

ER -