Fitonimia e caratteri popolari in Sicilia, fra traslati e saperi popolari

Risultato della ricerca: Other

Abstract

Il contributo si occupa del trasferimento di significato, nei dialetti siciliani, da termini appartenenti all’area semantica della fitonimia a quella dei caratteri umani, tentando di percorrere alcune piste possibili dei meccanismi etnosapienziali che abbiano motivato gli spostamenti semantici. Le fonti principali dei dati linguistici sono costituite da materiali lessicografici (dizionari e repertori onomastici) ed etnodialettali, raccolti sul campo in luoghi e per fini diversi Il mondo naturale, nella sua articolazione di flora e fauna, è, infatti, la prima fonte del sapere popolare: non stupisce, dunque, che questo sapere, che passa attraverso specifiche parole di un organico campo semantico, venga usato come base per la costruzione di altre “classificazioni”, nel nostro caso umane, confermando l’esistenza di un continuum del sapere popolare. Il contributo traccia alcuni percorsi semantici misti o esclusivamente morali/comportamentali che presentano interessanti ricadute nel settore antroponomastico.
Lingua originaleItalian
Pagine31-32
Numero di pagine2
Stato di pubblicazionePublished - 2010

Cita questo

@conference{a9a403f7ab7541ae967b24036e056688,
title = "Fitonimia e caratteri popolari in Sicilia, fra traslati e saperi popolari",
abstract = "Il contributo si occupa del trasferimento di significato, nei dialetti siciliani, da termini appartenenti all’area semantica della fitonimia a quella dei caratteri umani, tentando di percorrere alcune piste possibili dei meccanismi etnosapienziali che abbiano motivato gli spostamenti semantici. Le fonti principali dei dati linguistici sono costituite da materiali lessicografici (dizionari e repertori onomastici) ed etnodialettali, raccolti sul campo in luoghi e per fini diversi Il mondo naturale, nella sua articolazione di flora e fauna, {\`e}, infatti, la prima fonte del sapere popolare: non stupisce, dunque, che questo sapere, che passa attraverso specifiche parole di un organico campo semantico, venga usato come base per la costruzione di altre “classificazioni”, nel nostro caso umane, confermando l’esistenza di un continuum del sapere popolare. Il contributo traccia alcuni percorsi semantici misti o esclusivamente morali/comportamentali che presentano interessanti ricadute nel settore antroponomastico.",
author = "Castiglione, {Marina Calogera} and Roberto Sottile",
year = "2010",
language = "Italian",
pages = "31--32",

}

TY - CONF

T1 - Fitonimia e caratteri popolari in Sicilia, fra traslati e saperi popolari

AU - Castiglione, Marina Calogera

AU - Sottile, Roberto

PY - 2010

Y1 - 2010

N2 - Il contributo si occupa del trasferimento di significato, nei dialetti siciliani, da termini appartenenti all’area semantica della fitonimia a quella dei caratteri umani, tentando di percorrere alcune piste possibili dei meccanismi etnosapienziali che abbiano motivato gli spostamenti semantici. Le fonti principali dei dati linguistici sono costituite da materiali lessicografici (dizionari e repertori onomastici) ed etnodialettali, raccolti sul campo in luoghi e per fini diversi Il mondo naturale, nella sua articolazione di flora e fauna, è, infatti, la prima fonte del sapere popolare: non stupisce, dunque, che questo sapere, che passa attraverso specifiche parole di un organico campo semantico, venga usato come base per la costruzione di altre “classificazioni”, nel nostro caso umane, confermando l’esistenza di un continuum del sapere popolare. Il contributo traccia alcuni percorsi semantici misti o esclusivamente morali/comportamentali che presentano interessanti ricadute nel settore antroponomastico.

AB - Il contributo si occupa del trasferimento di significato, nei dialetti siciliani, da termini appartenenti all’area semantica della fitonimia a quella dei caratteri umani, tentando di percorrere alcune piste possibili dei meccanismi etnosapienziali che abbiano motivato gli spostamenti semantici. Le fonti principali dei dati linguistici sono costituite da materiali lessicografici (dizionari e repertori onomastici) ed etnodialettali, raccolti sul campo in luoghi e per fini diversi Il mondo naturale, nella sua articolazione di flora e fauna, è, infatti, la prima fonte del sapere popolare: non stupisce, dunque, che questo sapere, che passa attraverso specifiche parole di un organico campo semantico, venga usato come base per la costruzione di altre “classificazioni”, nel nostro caso umane, confermando l’esistenza di un continuum del sapere popolare. Il contributo traccia alcuni percorsi semantici misti o esclusivamente morali/comportamentali che presentano interessanti ricadute nel settore antroponomastico.

UR - http://hdl.handle.net/10447/104118

M3 - Other

SP - 31

EP - 32

ER -