Finzioni e figure nelle Operette morali di Leopardi

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Il libro evidenzia come le "Operette Morali" di Leopardi abbiano contribuito alla fondazione di una moderna scrittura fantastica e densa di riflessioni affidate a figure mitologiche o favole paradossali, un ordito di "sogni poetici e capricci malinconici". Le Operette leopardiane sono un singolare documento della leggerezza e della grazia con cui l’autore intreccia comico e tragico, narrazione e teatro. Una sorta di topografia fantastica di un sistema poetico che si muove tra critica serrata della Restaurazione e tensioni filosofiche, tra pienezza estetica ed erosione intellettiva di alcuni miti culturali del tempo. Finzioni con cui narrare della condizione umana tra sogni e finitudine, dei cortocircuiti tra bellezza ed enigma della natura, tra finito ed infinito. Figure del pensiero e favole del tempo capaci di filtrare, in variati 'décalages', radicali interrogazioni sull’esistenza e sulla scrittura. Per questa via si delineano i tratti significativi di uno stile fantastico e problematico in grado di esprimere incanti e disincanti.
Lingua originaleItalian
Editorekalòs
ISBN (stampa)978-88-97077-29-9
Stato di pubblicazionePublished - 2004

Cita questo

Finzioni e figure nelle Operette morali di Leopardi. / Di Legami, Flora.

kalòs, 2004.

Risultato della ricerca: Book

@book{e80c0d1d0d9c43b7b93b383ea8be9233,
title = "Finzioni e figure nelle Operette morali di Leopardi",
abstract = "Il libro evidenzia come le {"}Operette Morali{"} di Leopardi abbiano contribuito alla fondazione di una moderna scrittura fantastica e densa di riflessioni affidate a figure mitologiche o favole paradossali, un ordito di {"}sogni poetici e capricci malinconici{"}. Le Operette leopardiane sono un singolare documento della leggerezza e della grazia con cui l’autore intreccia comico e tragico, narrazione e teatro. Una sorta di topografia fantastica di un sistema poetico che si muove tra critica serrata della Restaurazione e tensioni filosofiche, tra pienezza estetica ed erosione intellettiva di alcuni miti culturali del tempo. Finzioni con cui narrare della condizione umana tra sogni e finitudine, dei cortocircuiti tra bellezza ed enigma della natura, tra finito ed infinito. Figure del pensiero e favole del tempo capaci di filtrare, in variati 'd{\'e}calages', radicali interrogazioni sull’esistenza e sulla scrittura. Per questa via si delineano i tratti significativi di uno stile fantastico e problematico in grado di esprimere incanti e disincanti.",
author = "{Di Legami}, Flora",
year = "2004",
language = "Italian",
isbn = "978-88-97077-29-9",
publisher = "kal{\`o}s",

}

TY - BOOK

T1 - Finzioni e figure nelle Operette morali di Leopardi

AU - Di Legami, Flora

PY - 2004

Y1 - 2004

N2 - Il libro evidenzia come le "Operette Morali" di Leopardi abbiano contribuito alla fondazione di una moderna scrittura fantastica e densa di riflessioni affidate a figure mitologiche o favole paradossali, un ordito di "sogni poetici e capricci malinconici". Le Operette leopardiane sono un singolare documento della leggerezza e della grazia con cui l’autore intreccia comico e tragico, narrazione e teatro. Una sorta di topografia fantastica di un sistema poetico che si muove tra critica serrata della Restaurazione e tensioni filosofiche, tra pienezza estetica ed erosione intellettiva di alcuni miti culturali del tempo. Finzioni con cui narrare della condizione umana tra sogni e finitudine, dei cortocircuiti tra bellezza ed enigma della natura, tra finito ed infinito. Figure del pensiero e favole del tempo capaci di filtrare, in variati 'décalages', radicali interrogazioni sull’esistenza e sulla scrittura. Per questa via si delineano i tratti significativi di uno stile fantastico e problematico in grado di esprimere incanti e disincanti.

AB - Il libro evidenzia come le "Operette Morali" di Leopardi abbiano contribuito alla fondazione di una moderna scrittura fantastica e densa di riflessioni affidate a figure mitologiche o favole paradossali, un ordito di "sogni poetici e capricci malinconici". Le Operette leopardiane sono un singolare documento della leggerezza e della grazia con cui l’autore intreccia comico e tragico, narrazione e teatro. Una sorta di topografia fantastica di un sistema poetico che si muove tra critica serrata della Restaurazione e tensioni filosofiche, tra pienezza estetica ed erosione intellettiva di alcuni miti culturali del tempo. Finzioni con cui narrare della condizione umana tra sogni e finitudine, dei cortocircuiti tra bellezza ed enigma della natura, tra finito ed infinito. Figure del pensiero e favole del tempo capaci di filtrare, in variati 'décalages', radicali interrogazioni sull’esistenza e sulla scrittura. Per questa via si delineano i tratti significativi di uno stile fantastico e problematico in grado di esprimere incanti e disincanti.

UR - http://hdl.handle.net/10447/15821

M3 - Book

SN - 978-88-97077-29-9

BT - Finzioni e figure nelle Operette morali di Leopardi

PB - kalòs

ER -