Elementi di psicologia di comunità. Progettare, attuare e partecipare il cambiamento sociale

Risultato della ricerca: Book

Abstract

La terza edizione di un manuale i cui approfondimenti tematici sono esemplari del carattere d’interdisciplinarietà che la psicologia di comunità è riuscita a conservare dal suo nascere a oggi, pur essendo chiaro che essa è una disciplina a sé, con riconosciuta compattezza scientifica tra i suoi esponenti. Approfondimenti che possono considerarsi degli “affondi” che, verticalmente, rendono la disciplina ricca di linguaggi diversi, di modelli tra loro ancora in cerca di dialogo, di strumenti il cui utilizzo è inerente alla sintesi “ricerca-azione” e mai solo all’una o all’altra. Il format del volume è “pensato per pensarsi” psicologi di comunità e operatori sociali (operatori di strada, progettisti, insegnanti, assistenti sociali, educatori, operatori d’appoggio, animatori, riabilitatori, ecc.) cioè per attivare un discorso con il proprio sé professionale fatto di quesiti e di riflessioni metalivello ma anche di risposte sintetiche e chiare capaci di andare al nocciolo della questione: dobbiamo poter guardare “ecologicamente” i problemi della quotidianità per sviluppare capacità di coping alla portata delle richieste che l’ambiente ci sottopone; dobbiamo cominciare a canalizzare il potere assunto, individualmente e collettivamente, attraverso i processi di empowerment nella produzione di capitale sociale; dobbiamo poter guardare al futuro con fiducia e scorgere nelle reti di relazioni un’opportunità per farlo senza ignorare o peggio soppiantare l’Altro, ma tessendo con questo un dialogo che non mortifichi aspettative e prerogative reciproche; dobbiamo affinare e, qualche volta, svecchiare i metodi per accostare e indagare la realtà condivisa, dando lo spazio adeguato a tecniche animative, dove la percezione e rappresentazione costruita degli eventi diventa la chiave di lettura e, spesso, dell’intervento; dobbiamo continuare a studiare l’inconscio in tutte le sue declinazioni, personali, sociali, collettive perché si possa fare coscientizzazione delle masse in modo meno ingenuo e manipolatorio di quanto, oggi, non facciano già mass media e istituzioni politiche.
Lingua originaleItalian
EditoreThe Mc-Graw-Hill
Numero di pagine247
Volume6756-5
ISBN (stampa)9788838667565
Stato di pubblicazionePublished - 2012

Cita questo

@book{b06d15ed2f654645b170c9b966f11afc,
title = "Elementi di psicologia di comunit{\`a}. Progettare, attuare e partecipare il cambiamento sociale",
abstract = "La terza edizione di un manuale i cui approfondimenti tematici sono esemplari del carattere d’interdisciplinariet{\`a} che la psicologia di comunit{\`a} {\`e} riuscita a conservare dal suo nascere a oggi, pur essendo chiaro che essa {\`e} una disciplina a s{\'e}, con riconosciuta compattezza scientifica tra i suoi esponenti. Approfondimenti che possono considerarsi degli “affondi” che, verticalmente, rendono la disciplina ricca di linguaggi diversi, di modelli tra loro ancora in cerca di dialogo, di strumenti il cui utilizzo {\`e} inerente alla sintesi “ricerca-azione” e mai solo all’una o all’altra. Il format del volume {\`e} “pensato per pensarsi” psicologi di comunit{\`a} e operatori sociali (operatori di strada, progettisti, insegnanti, assistenti sociali, educatori, operatori d’appoggio, animatori, riabilitatori, ecc.) cio{\`e} per attivare un discorso con il proprio s{\'e} professionale fatto di quesiti e di riflessioni metalivello ma anche di risposte sintetiche e chiare capaci di andare al nocciolo della questione: dobbiamo poter guardare “ecologicamente” i problemi della quotidianit{\`a} per sviluppare capacit{\`a} di coping alla portata delle richieste che l’ambiente ci sottopone; dobbiamo cominciare a canalizzare il potere assunto, individualmente e collettivamente, attraverso i processi di empowerment nella produzione di capitale sociale; dobbiamo poter guardare al futuro con fiducia e scorgere nelle reti di relazioni un’opportunit{\`a} per farlo senza ignorare o peggio soppiantare l’Altro, ma tessendo con questo un dialogo che non mortifichi aspettative e prerogative reciproche; dobbiamo affinare e, qualche volta, svecchiare i metodi per accostare e indagare la realt{\`a} condivisa, dando lo spazio adeguato a tecniche animative, dove la percezione e rappresentazione costruita degli eventi diventa la chiave di lettura e, spesso, dell’intervento; dobbiamo continuare a studiare l’inconscio in tutte le sue declinazioni, personali, sociali, collettive perch{\'e} si possa fare coscientizzazione delle masse in modo meno ingenuo e manipolatorio di quanto, oggi, non facciano gi{\`a} mass media e istituzioni politiche.",
author = "Gioacchino Lavanco and Cinzia Novara",
year = "2012",
language = "Italian",
isbn = "9788838667565",
volume = "6756-5",
publisher = "The Mc-Graw-Hill",

}

TY - BOOK

T1 - Elementi di psicologia di comunità. Progettare, attuare e partecipare il cambiamento sociale

AU - Lavanco, Gioacchino

AU - Novara, Cinzia

PY - 2012

Y1 - 2012

N2 - La terza edizione di un manuale i cui approfondimenti tematici sono esemplari del carattere d’interdisciplinarietà che la psicologia di comunità è riuscita a conservare dal suo nascere a oggi, pur essendo chiaro che essa è una disciplina a sé, con riconosciuta compattezza scientifica tra i suoi esponenti. Approfondimenti che possono considerarsi degli “affondi” che, verticalmente, rendono la disciplina ricca di linguaggi diversi, di modelli tra loro ancora in cerca di dialogo, di strumenti il cui utilizzo è inerente alla sintesi “ricerca-azione” e mai solo all’una o all’altra. Il format del volume è “pensato per pensarsi” psicologi di comunità e operatori sociali (operatori di strada, progettisti, insegnanti, assistenti sociali, educatori, operatori d’appoggio, animatori, riabilitatori, ecc.) cioè per attivare un discorso con il proprio sé professionale fatto di quesiti e di riflessioni metalivello ma anche di risposte sintetiche e chiare capaci di andare al nocciolo della questione: dobbiamo poter guardare “ecologicamente” i problemi della quotidianità per sviluppare capacità di coping alla portata delle richieste che l’ambiente ci sottopone; dobbiamo cominciare a canalizzare il potere assunto, individualmente e collettivamente, attraverso i processi di empowerment nella produzione di capitale sociale; dobbiamo poter guardare al futuro con fiducia e scorgere nelle reti di relazioni un’opportunità per farlo senza ignorare o peggio soppiantare l’Altro, ma tessendo con questo un dialogo che non mortifichi aspettative e prerogative reciproche; dobbiamo affinare e, qualche volta, svecchiare i metodi per accostare e indagare la realtà condivisa, dando lo spazio adeguato a tecniche animative, dove la percezione e rappresentazione costruita degli eventi diventa la chiave di lettura e, spesso, dell’intervento; dobbiamo continuare a studiare l’inconscio in tutte le sue declinazioni, personali, sociali, collettive perché si possa fare coscientizzazione delle masse in modo meno ingenuo e manipolatorio di quanto, oggi, non facciano già mass media e istituzioni politiche.

AB - La terza edizione di un manuale i cui approfondimenti tematici sono esemplari del carattere d’interdisciplinarietà che la psicologia di comunità è riuscita a conservare dal suo nascere a oggi, pur essendo chiaro che essa è una disciplina a sé, con riconosciuta compattezza scientifica tra i suoi esponenti. Approfondimenti che possono considerarsi degli “affondi” che, verticalmente, rendono la disciplina ricca di linguaggi diversi, di modelli tra loro ancora in cerca di dialogo, di strumenti il cui utilizzo è inerente alla sintesi “ricerca-azione” e mai solo all’una o all’altra. Il format del volume è “pensato per pensarsi” psicologi di comunità e operatori sociali (operatori di strada, progettisti, insegnanti, assistenti sociali, educatori, operatori d’appoggio, animatori, riabilitatori, ecc.) cioè per attivare un discorso con il proprio sé professionale fatto di quesiti e di riflessioni metalivello ma anche di risposte sintetiche e chiare capaci di andare al nocciolo della questione: dobbiamo poter guardare “ecologicamente” i problemi della quotidianità per sviluppare capacità di coping alla portata delle richieste che l’ambiente ci sottopone; dobbiamo cominciare a canalizzare il potere assunto, individualmente e collettivamente, attraverso i processi di empowerment nella produzione di capitale sociale; dobbiamo poter guardare al futuro con fiducia e scorgere nelle reti di relazioni un’opportunità per farlo senza ignorare o peggio soppiantare l’Altro, ma tessendo con questo un dialogo che non mortifichi aspettative e prerogative reciproche; dobbiamo affinare e, qualche volta, svecchiare i metodi per accostare e indagare la realtà condivisa, dando lo spazio adeguato a tecniche animative, dove la percezione e rappresentazione costruita degli eventi diventa la chiave di lettura e, spesso, dell’intervento; dobbiamo continuare a studiare l’inconscio in tutte le sue declinazioni, personali, sociali, collettive perché si possa fare coscientizzazione delle masse in modo meno ingenuo e manipolatorio di quanto, oggi, non facciano già mass media e istituzioni politiche.

UR - http://hdl.handle.net/10447/76903

UR - http://www.ateneonline.it/lavanco3e/home.asp

M3 - Book

SN - 9788838667565

VL - 6756-5

BT - Elementi di psicologia di comunità. Progettare, attuare e partecipare il cambiamento sociale

PB - The Mc-Graw-Hill

ER -