EFFETTI DELLE ACQUE DI PIOGGIA SULL’EFFICIENZA DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

Nella memoria sono valutati gli effetti delle acque di pioggia sull’efficienza degli impianti di depurazione a servizio di centri urbani dotati di fognature a sistema unitario. In particolare, sono presentati i risultati di uno studio modellistico mirato a identificare e quantificare i maggiori fattori critici che possono avere luogo a causa del sovraccarico di un impianto di depurazione di potenzialità medio-bassa a seguito di un evento di pioggia. L’indagine è stata limitata ai trattamenti secondari dell’impianto, costituiti da una vasca a fanghi attivi seguita da un sedimentatore finale a flusso orizzontale radiale. Per tale schema di impianto sono stati presi in esame cinque diverse potenzialità, corrispondenti a differenti popolazioni equivalenti servite; per ciascuna di esse sono state eseguite simulazioni dinamiche caratterizzate da un diverso valore di coefficiente di diluizione, definito come rapporto tra la portata ammessa all’impianto e la portata media nera, al fine di quantificare gli effetti degli incrementi di portata in ingresso all’impianto durante il tempo di pioggia. In particolare, sono state prese in esame tre differenti serie di idrogrammi e pollutogrammi in ingresso all’impianto, aventi una durata complessiva di due settimane: una prima serie di tempo secco, un seconda serie di tempo di pioggia caratterizzata da due eventi di pioggia successivi e infine una terza serie caratterizzata da un unico evento di pioggia di lunga durata. Per ciascuna serie di portata e concentrazione in ingresso e per ciascuna potenzialità dell’impianto presa in esame sono state analizzate le serie di concentrazione in uscita dal modello al variare del coefficiente di diluizione, al fine di quantificare gli effetti dei possibili sovraccarichi così generati in tempo di pioggia. I risultati ottenuti hanno evidenziato un differente comportamento degli impianti, sia al variare del coefficiente di diluizione e quindi della portata massima ammessa all’impianto, sia al variare della potenzialità dell’impianto esaminato e quindi delle sue dimensioni.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2011

Cita questo

@conference{2873b46c361a443d8f47b453ac1c9b2b,
title = "EFFETTI DELLE ACQUE DI PIOGGIA SULL’EFFICIENZA DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE",
abstract = "Nella memoria sono valutati gli effetti delle acque di pioggia sull’efficienza degli impianti di depurazione a servizio di centri urbani dotati di fognature a sistema unitario. In particolare, sono presentati i risultati di uno studio modellistico mirato a identificare e quantificare i maggiori fattori critici che possono avere luogo a causa del sovraccarico di un impianto di depurazione di potenzialit{\`a} medio-bassa a seguito di un evento di pioggia. L’indagine {\`e} stata limitata ai trattamenti secondari dell’impianto, costituiti da una vasca a fanghi attivi seguita da un sedimentatore finale a flusso orizzontale radiale. Per tale schema di impianto sono stati presi in esame cinque diverse potenzialit{\`a}, corrispondenti a differenti popolazioni equivalenti servite; per ciascuna di esse sono state eseguite simulazioni dinamiche caratterizzate da un diverso valore di coefficiente di diluizione, definito come rapporto tra la portata ammessa all’impianto e la portata media nera, al fine di quantificare gli effetti degli incrementi di portata in ingresso all’impianto durante il tempo di pioggia. In particolare, sono state prese in esame tre differenti serie di idrogrammi e pollutogrammi in ingresso all’impianto, aventi una durata complessiva di due settimane: una prima serie di tempo secco, un seconda serie di tempo di pioggia caratterizzata da due eventi di pioggia successivi e infine una terza serie caratterizzata da un unico evento di pioggia di lunga durata. Per ciascuna serie di portata e concentrazione in ingresso e per ciascuna potenzialit{\`a} dell’impianto presa in esame sono state analizzate le serie di concentrazione in uscita dal modello al variare del coefficiente di diluizione, al fine di quantificare gli effetti dei possibili sovraccarichi cos{\`i} generati in tempo di pioggia. I risultati ottenuti hanno evidenziato un differente comportamento degli impianti, sia al variare del coefficiente di diluizione e quindi della portata massima ammessa all’impianto, sia al variare della potenzialit{\`a} dell’impianto esaminato e quindi delle sue dimensioni.",
keywords = "depurazione acque reflue, acque di prima pioggia, corpi idrici ricettori, mitigazione dell’impatto delle acque reflue",
author = "Gaspare Viviani and Giorgio Mannina",
year = "2011",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - EFFETTI DELLE ACQUE DI PIOGGIA SULL’EFFICIENZA DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE

AU - Viviani, Gaspare

AU - Mannina, Giorgio

PY - 2011

Y1 - 2011

N2 - Nella memoria sono valutati gli effetti delle acque di pioggia sull’efficienza degli impianti di depurazione a servizio di centri urbani dotati di fognature a sistema unitario. In particolare, sono presentati i risultati di uno studio modellistico mirato a identificare e quantificare i maggiori fattori critici che possono avere luogo a causa del sovraccarico di un impianto di depurazione di potenzialità medio-bassa a seguito di un evento di pioggia. L’indagine è stata limitata ai trattamenti secondari dell’impianto, costituiti da una vasca a fanghi attivi seguita da un sedimentatore finale a flusso orizzontale radiale. Per tale schema di impianto sono stati presi in esame cinque diverse potenzialità, corrispondenti a differenti popolazioni equivalenti servite; per ciascuna di esse sono state eseguite simulazioni dinamiche caratterizzate da un diverso valore di coefficiente di diluizione, definito come rapporto tra la portata ammessa all’impianto e la portata media nera, al fine di quantificare gli effetti degli incrementi di portata in ingresso all’impianto durante il tempo di pioggia. In particolare, sono state prese in esame tre differenti serie di idrogrammi e pollutogrammi in ingresso all’impianto, aventi una durata complessiva di due settimane: una prima serie di tempo secco, un seconda serie di tempo di pioggia caratterizzata da due eventi di pioggia successivi e infine una terza serie caratterizzata da un unico evento di pioggia di lunga durata. Per ciascuna serie di portata e concentrazione in ingresso e per ciascuna potenzialità dell’impianto presa in esame sono state analizzate le serie di concentrazione in uscita dal modello al variare del coefficiente di diluizione, al fine di quantificare gli effetti dei possibili sovraccarichi così generati in tempo di pioggia. I risultati ottenuti hanno evidenziato un differente comportamento degli impianti, sia al variare del coefficiente di diluizione e quindi della portata massima ammessa all’impianto, sia al variare della potenzialità dell’impianto esaminato e quindi delle sue dimensioni.

AB - Nella memoria sono valutati gli effetti delle acque di pioggia sull’efficienza degli impianti di depurazione a servizio di centri urbani dotati di fognature a sistema unitario. In particolare, sono presentati i risultati di uno studio modellistico mirato a identificare e quantificare i maggiori fattori critici che possono avere luogo a causa del sovraccarico di un impianto di depurazione di potenzialità medio-bassa a seguito di un evento di pioggia. L’indagine è stata limitata ai trattamenti secondari dell’impianto, costituiti da una vasca a fanghi attivi seguita da un sedimentatore finale a flusso orizzontale radiale. Per tale schema di impianto sono stati presi in esame cinque diverse potenzialità, corrispondenti a differenti popolazioni equivalenti servite; per ciascuna di esse sono state eseguite simulazioni dinamiche caratterizzate da un diverso valore di coefficiente di diluizione, definito come rapporto tra la portata ammessa all’impianto e la portata media nera, al fine di quantificare gli effetti degli incrementi di portata in ingresso all’impianto durante il tempo di pioggia. In particolare, sono state prese in esame tre differenti serie di idrogrammi e pollutogrammi in ingresso all’impianto, aventi una durata complessiva di due settimane: una prima serie di tempo secco, un seconda serie di tempo di pioggia caratterizzata da due eventi di pioggia successivi e infine una terza serie caratterizzata da un unico evento di pioggia di lunga durata. Per ciascuna serie di portata e concentrazione in ingresso e per ciascuna potenzialità dell’impianto presa in esame sono state analizzate le serie di concentrazione in uscita dal modello al variare del coefficiente di diluizione, al fine di quantificare gli effetti dei possibili sovraccarichi così generati in tempo di pioggia. I risultati ottenuti hanno evidenziato un differente comportamento degli impianti, sia al variare del coefficiente di diluizione e quindi della portata massima ammessa all’impianto, sia al variare della potenzialità dell’impianto esaminato e quindi delle sue dimensioni.

KW - depurazione acque reflue, acque di prima pioggia, corpi idrici ricettori, mitigazione dell’impatto delle acque reflue

UR - http://hdl.handle.net/10447/57003

M3 - Paper

ER -