ECOPLUS: Ipotesi di sviluppo sostenibile di un territorio

Risultato della ricerca: Other contribution

Abstract

Il progetto di ricerca “Ipotesi di sviluppo sostenibile di un territorio – progetto Eco-Plus “ è stato impostato con un approccio multidisciplinare e multisettoriale. Hanno fatto parte del gruppo di ricerca Architetti, Ingegneri, Economisti, Pianificatori territoriali, Storici dell’Architettura, Paesaggisti. Siamo convinti che un progetto inerente una ipotesi di sviluppo sostenibile di un territorio debba necessariamente studiare, conoscere, approfondire, far risaltare tutte le risorse, tutte le specificità e le pecularietà dello stesso. Occorrono quindi competenze diverse e specifiche ma occorrono anche approcci diversi alle problematiche e alle soluzioni da prospettare. Siamo peraltro convinti che la risultanza a cui si è pervenuti nell’ipotesi proposta non sia la sola possibile. Abbiamo voluto indicare un sistema di studio e di conoscenza di un territorio e un modello di riferimento di strategie per uno sviluppo possibile e sostenibile e che può essere applicato ad altri sistemi territoriali; altri evidentemente possono essere i percorsi sia di studio e di conoscenza sia di proposte strategiche di sviluppo. Ciò rientra nella seconda fase del progetto Eco-Plus. E’ evidente che nella ricerca si sono seguite alcune indicazioni definite in sede comunitaria e di cui al Quadro Comunitario di Sostegno e dei relativi Programmi Operativi Regionali.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine15
Stato di pubblicazionePublished - 2002

Cita questo

ECOPLUS: Ipotesi di sviluppo sostenibile di un territorio. / Ruggieri, Giovanni.

15 pag. 2002, .

Risultato della ricerca: Other contribution

@misc{c763bae3e34649329a8f9c397bfa386c,
title = "ECOPLUS: Ipotesi di sviluppo sostenibile di un territorio",
abstract = "Il progetto di ricerca “Ipotesi di sviluppo sostenibile di un territorio – progetto Eco-Plus “ {\`e} stato impostato con un approccio multidisciplinare e multisettoriale. Hanno fatto parte del gruppo di ricerca Architetti, Ingegneri, Economisti, Pianificatori territoriali, Storici dell’Architettura, Paesaggisti. Siamo convinti che un progetto inerente una ipotesi di sviluppo sostenibile di un territorio debba necessariamente studiare, conoscere, approfondire, far risaltare tutte le risorse, tutte le specificit{\`a} e le peculariet{\`a} dello stesso. Occorrono quindi competenze diverse e specifiche ma occorrono anche approcci diversi alle problematiche e alle soluzioni da prospettare. Siamo peraltro convinti che la risultanza a cui si {\`e} pervenuti nell’ipotesi proposta non sia la sola possibile. Abbiamo voluto indicare un sistema di studio e di conoscenza di un territorio e un modello di riferimento di strategie per uno sviluppo possibile e sostenibile e che pu{\`o} essere applicato ad altri sistemi territoriali; altri evidentemente possono essere i percorsi sia di studio e di conoscenza sia di proposte strategiche di sviluppo. Ci{\`o} rientra nella seconda fase del progetto Eco-Plus. E’ evidente che nella ricerca si sono seguite alcune indicazioni definite in sede comunitaria e di cui al Quadro Comunitario di Sostegno e dei relativi Programmi Operativi Regionali.",
author = "Giovanni Ruggieri",
year = "2002",
language = "Italian",
type = "Other",

}

TY - GEN

T1 - ECOPLUS: Ipotesi di sviluppo sostenibile di un territorio

AU - Ruggieri, Giovanni

PY - 2002

Y1 - 2002

N2 - Il progetto di ricerca “Ipotesi di sviluppo sostenibile di un territorio – progetto Eco-Plus “ è stato impostato con un approccio multidisciplinare e multisettoriale. Hanno fatto parte del gruppo di ricerca Architetti, Ingegneri, Economisti, Pianificatori territoriali, Storici dell’Architettura, Paesaggisti. Siamo convinti che un progetto inerente una ipotesi di sviluppo sostenibile di un territorio debba necessariamente studiare, conoscere, approfondire, far risaltare tutte le risorse, tutte le specificità e le pecularietà dello stesso. Occorrono quindi competenze diverse e specifiche ma occorrono anche approcci diversi alle problematiche e alle soluzioni da prospettare. Siamo peraltro convinti che la risultanza a cui si è pervenuti nell’ipotesi proposta non sia la sola possibile. Abbiamo voluto indicare un sistema di studio e di conoscenza di un territorio e un modello di riferimento di strategie per uno sviluppo possibile e sostenibile e che può essere applicato ad altri sistemi territoriali; altri evidentemente possono essere i percorsi sia di studio e di conoscenza sia di proposte strategiche di sviluppo. Ciò rientra nella seconda fase del progetto Eco-Plus. E’ evidente che nella ricerca si sono seguite alcune indicazioni definite in sede comunitaria e di cui al Quadro Comunitario di Sostegno e dei relativi Programmi Operativi Regionali.

AB - Il progetto di ricerca “Ipotesi di sviluppo sostenibile di un territorio – progetto Eco-Plus “ è stato impostato con un approccio multidisciplinare e multisettoriale. Hanno fatto parte del gruppo di ricerca Architetti, Ingegneri, Economisti, Pianificatori territoriali, Storici dell’Architettura, Paesaggisti. Siamo convinti che un progetto inerente una ipotesi di sviluppo sostenibile di un territorio debba necessariamente studiare, conoscere, approfondire, far risaltare tutte le risorse, tutte le specificità e le pecularietà dello stesso. Occorrono quindi competenze diverse e specifiche ma occorrono anche approcci diversi alle problematiche e alle soluzioni da prospettare. Siamo peraltro convinti che la risultanza a cui si è pervenuti nell’ipotesi proposta non sia la sola possibile. Abbiamo voluto indicare un sistema di studio e di conoscenza di un territorio e un modello di riferimento di strategie per uno sviluppo possibile e sostenibile e che può essere applicato ad altri sistemi territoriali; altri evidentemente possono essere i percorsi sia di studio e di conoscenza sia di proposte strategiche di sviluppo. Ciò rientra nella seconda fase del progetto Eco-Plus. E’ evidente che nella ricerca si sono seguite alcune indicazioni definite in sede comunitaria e di cui al Quadro Comunitario di Sostegno e dei relativi Programmi Operativi Regionali.

UR - http://hdl.handle.net/10447/106093

M3 - Other contribution

ER -