Due volti della notte. Su Arthur Schopenhauer e Richard Wagner

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Il saggio prende le mosse dalla concezione dell'arte espressa da Arthur Schopenhauer nel "Mondo come volontà e rappresentazione" (1818; IIa ed. 1844), soffermandosi in maniera particolare sul Capitolo 52 e sull'idea di un'interpretazione metafisica della musica. Tale ipotesi viene messa in rapporto con l'esperienza compositiva di Richard Wagner a partire dalla concezione del "Ring des Nibelungen" e con particolare riferimento al linguaggio armonico di "Tristan und isolde". In nota viene riportato il frammento di una lettera di Richard Wagner ad Arthur Schopenhauer, databile intorno al 1857.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLe cadeau du village. Musiche e Studi per Amalia Collisani
Pagine56-72
Numero di pagine17
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Serie di pubblicazioni

NomeGLI ARCHIVI DI MORGANA. ATTI E TESTI

Cita questo