Diversità e struttura dell’avifauna in una successione post incendio di bosco meso-mediterraneo

Enrico Bellia

Risultato della ricerca: Article

Abstract

In questo lavoro sono state analizzate la ricchezza specifica, il turn-over e la struttura della comunità di uccelli in una successionesecondaria da incendio (Erico-Quercion ilicis) nel Parco Regionale delle Madonie (Sicilia). Nelle primavere del 2002 e 2003sono stati effettuati censimenti mediante punti d’ascolto in 6 aree campione di 100 ha bruciate tra il 1993 e il 2001, e in 4 settori di controllosituati in boschi non percorsi dal fuoco rispettivamente da 25 e 50 anni. Nella serie post incendio sono state censite complessivamente33 specie di uccelli. La ricchezza specifica aumentava bruscamente nei primi 10 anni e raggiungeva un plateau 25-30 anni dopol’incendio, mentre il turn-over delle specie diminuiva con il procedere della successione temporale. Nei primi stadi della successione, ilturn-over dipendeva sostanzialmente dalla ricolonizzazione da parte delle specie tipiche della macchia in rigenerazione. Le comunità diuccelli presenti nei diversi stadi della successione non costituivano aggregati casuali, ma ognuna era annidata nella successiva: tutti glistadi della successione ospitavano cioè un sottoinsieme omogeneo ed ordinato di specie che aveva la sua espressione più completa nellostadio vegetazionale più evoluto. In conclusione, questo studio dimostra che gran parte delle specie nidificanti nelle formazioni boschivemeso-mediterranee possiede un elevato grado di resilienza e resistenza all’incendio e che sono necessari almeno 25 anni per ristabilirele condizioni tipiche dell’habitat non disturbato.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)75-84
Numero di pagine10
RivistaAvocetta
Volume29
Stato di pubblicazionePublished - 2005
Pubblicato esternamenteYes

Cita questo