DISTURBI COMPORTAMENTALI E SINDROME DA OVERLAPPING PER POLITERAPIA ANTIPSICOTICA

Ligia Juliana Dominguez Rodriguez, Mario Barbagallo, Mario Belvedere, Florenza Inzerillo, Floriana Cocita, Giuseppina Catanese, Laura Vernuccio, Lidia Plances, Roberta Alcamo

Risultato della ricerca: Otherpeer review

Abstract

I disturbi comportamentali delle demenze (BPSD) accompagnano la storia naturale di queste malattie sin dall’esordio, con vesti diverse che vanno dalle sindromi nevrotiche a quelle psicotiche vere e proprie. Si distinguono alterazioni dell’umore in senso ansioso-depressivo, del ritmo sonno-veglia, facile irritabilità e sintomi psicotici veri e propri con deliri e allucinazioni, disturbi di personalità e agitazione psicomotoria, comportamenti specifici quali aggressività, vocalizzi persistenti e perseverazioni. La prevalenza è elevata e variabile a seconda della tipologia della demenza, del momento storico della sua evoluzione, del setting in cui il paziente è gestito; la loro entità non sempre è correlabile alla gravità della patologia dementigena. Presentiamo il caso di una paziente di anni 80, presa in carico nel 2012 presso il nostro Centro per i Disturbi Cognitivi e le Demenze.
Lingua originaleItalian
Pagine92-93
Numero di pagine2
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo