Dispatrie lettere. Di Blasi, Leopardi, Collodi: letterature e identità nazionali

Di Gesu' M

Risultato della ricerca: Book

Abstract

L’aggettivo ‘italiana’, per la nostra letteratura, è stato (e in parte è ancora) ben più che un attributo denotativo, essendole stata assegnata dalle classi dirigenti e dal ceto intellettuale egemone, gia all’indomani dell’unità d’Italia, quella funzione determinante e centrale nella costruzione dell’identità nazionale che ha influito non poco sulle sue interpretazioni e sulla sua trasmissione. Una funzione identitaria non dissimile da quella attribuita alla letteratura nazionale, inoltre, è stata imposta alla produzione narrativa e lirica della Sicilia della Nuova Italia. Anche sulla scorta di queste premesse si è analizzata, in queste pagine, la figura e l’opera dell’illuminista palermitano Francesco Paolo Di Blasi, si è riletta l’operetta morale Il Parini ovvero della gloria per una rivalutazione del Leopardi teorico della letteratura e critico della cultura, si è provato a verificare la fondatezza di un’interpretazione delle Avventure di Pinocchio quale paradigma dell’italianità, si sono formulate alcune ipotesi sulla ricezione del canone siciliano e sulla letteratura coloniale italiana. Prendendo in prestito un’efficace neologismo coniato da Luigi Meneghello, è forse possibile ripensare «dispatrie» le nostre lettere, per provare a liberarle dai gravami che ne hanno condizionato la ricezione, nonché per cominciare a riflettere sull’‘invenzione’ della nostra tradizione letteraria.
Lingua originaleItalian
EditoreAracne
Stato di pubblicazionePublished - 2005

Cita questo

Dispatrie lettere. Di Blasi, Leopardi, Collodi: letterature e identità nazionali. / Di Gesu' M.

Aracne, 2005.

Risultato della ricerca: Book

@book{d3d7810d115f49d7b876b40f5556f456,
title = "Dispatrie lettere. Di Blasi, Leopardi, Collodi: letterature e identit{\`a} nazionali",
abstract = "L’aggettivo ‘italiana’, per la nostra letteratura, {\`e} stato (e in parte {\`e} ancora) ben pi{\`u} che un attributo denotativo, essendole stata assegnata dalle classi dirigenti e dal ceto intellettuale egemone, gia all’indomani dell’unit{\`a} d’Italia, quella funzione determinante e centrale nella costruzione dell’identit{\`a} nazionale che ha influito non poco sulle sue interpretazioni e sulla sua trasmissione. Una funzione identitaria non dissimile da quella attribuita alla letteratura nazionale, inoltre, {\`e} stata imposta alla produzione narrativa e lirica della Sicilia della Nuova Italia. Anche sulla scorta di queste premesse si {\`e} analizzata, in queste pagine, la figura e l’opera dell’illuminista palermitano Francesco Paolo Di Blasi, si {\`e} riletta l’operetta morale Il Parini ovvero della gloria per una rivalutazione del Leopardi teorico della letteratura e critico della cultura, si {\`e} provato a verificare la fondatezza di un’interpretazione delle Avventure di Pinocchio quale paradigma dell’italianit{\`a}, si sono formulate alcune ipotesi sulla ricezione del canone siciliano e sulla letteratura coloniale italiana. Prendendo in prestito un’efficace neologismo coniato da Luigi Meneghello, {\`e} forse possibile ripensare «dispatrie» le nostre lettere, per provare a liberarle dai gravami che ne hanno condizionato la ricezione, nonch{\'e} per cominciare a riflettere sull’‘invenzione’ della nostra tradizione letteraria.",
keywords = "Letteratura, identit{\`a} nazionale, Italia",
author = "{Di Gesu' M} and {Di Gesu'}, Matteo",
year = "2005",
language = "Italian",
publisher = "Aracne",

}

TY - BOOK

T1 - Dispatrie lettere. Di Blasi, Leopardi, Collodi: letterature e identità nazionali

AU - Di Gesu' M

AU - Di Gesu', Matteo

PY - 2005

Y1 - 2005

N2 - L’aggettivo ‘italiana’, per la nostra letteratura, è stato (e in parte è ancora) ben più che un attributo denotativo, essendole stata assegnata dalle classi dirigenti e dal ceto intellettuale egemone, gia all’indomani dell’unità d’Italia, quella funzione determinante e centrale nella costruzione dell’identità nazionale che ha influito non poco sulle sue interpretazioni e sulla sua trasmissione. Una funzione identitaria non dissimile da quella attribuita alla letteratura nazionale, inoltre, è stata imposta alla produzione narrativa e lirica della Sicilia della Nuova Italia. Anche sulla scorta di queste premesse si è analizzata, in queste pagine, la figura e l’opera dell’illuminista palermitano Francesco Paolo Di Blasi, si è riletta l’operetta morale Il Parini ovvero della gloria per una rivalutazione del Leopardi teorico della letteratura e critico della cultura, si è provato a verificare la fondatezza di un’interpretazione delle Avventure di Pinocchio quale paradigma dell’italianità, si sono formulate alcune ipotesi sulla ricezione del canone siciliano e sulla letteratura coloniale italiana. Prendendo in prestito un’efficace neologismo coniato da Luigi Meneghello, è forse possibile ripensare «dispatrie» le nostre lettere, per provare a liberarle dai gravami che ne hanno condizionato la ricezione, nonché per cominciare a riflettere sull’‘invenzione’ della nostra tradizione letteraria.

AB - L’aggettivo ‘italiana’, per la nostra letteratura, è stato (e in parte è ancora) ben più che un attributo denotativo, essendole stata assegnata dalle classi dirigenti e dal ceto intellettuale egemone, gia all’indomani dell’unità d’Italia, quella funzione determinante e centrale nella costruzione dell’identità nazionale che ha influito non poco sulle sue interpretazioni e sulla sua trasmissione. Una funzione identitaria non dissimile da quella attribuita alla letteratura nazionale, inoltre, è stata imposta alla produzione narrativa e lirica della Sicilia della Nuova Italia. Anche sulla scorta di queste premesse si è analizzata, in queste pagine, la figura e l’opera dell’illuminista palermitano Francesco Paolo Di Blasi, si è riletta l’operetta morale Il Parini ovvero della gloria per una rivalutazione del Leopardi teorico della letteratura e critico della cultura, si è provato a verificare la fondatezza di un’interpretazione delle Avventure di Pinocchio quale paradigma dell’italianità, si sono formulate alcune ipotesi sulla ricezione del canone siciliano e sulla letteratura coloniale italiana. Prendendo in prestito un’efficace neologismo coniato da Luigi Meneghello, è forse possibile ripensare «dispatrie» le nostre lettere, per provare a liberarle dai gravami che ne hanno condizionato la ricezione, nonché per cominciare a riflettere sull’‘invenzione’ della nostra tradizione letteraria.

KW - Letteratura, identità nazionale, Italia

UR - http://hdl.handle.net/10447/33056

M3 - Book

BT - Dispatrie lettere. Di Blasi, Leopardi, Collodi: letterature e identità nazionali

PB - Aracne

ER -