Disabilità visiva e neuroni specchio: processi di apprendimento nello sviluppo atipico

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

Lo studio,verificherà: 1) che la modalità di codifica tra i soggetti non vedenti (acquisiti) e non vedenti (congeniti) segue dei circuiti neuronali differenti, ma che comunque coinvolgono il sistema dei neuroni specchio; 2) che l’attività dei neuroni specchio non è vincolata al solo input sensoriale della visione di un semplice movimento, ma ad un vero e proprio “vocabolario di atti” che il soggetto riconosce come dotati di significato e appartenenti alla propria esperienza soprattutto nel caso di una disabilità visiva acquisita (più grande e ricco è questo vocabolario di atti, più il soggetto è in grado di apprendere); 3) che comprendere l’effettivo significato di una frase, di un suono che esprime un’azione sicuramente comporta l’attivazione di quegli stessi circuiti nervosi coinvolti durante l’effettiva esecuzione di quella stessa azione, gli stessi circuiti che probabilmente si attivano anche nei soggetti non vedenti
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2009

Cita questo

@conference{5785e472ff5d44e79dfc12f4df62085f,
title = "Disabilit{\`a} visiva e neuroni specchio: processi di apprendimento nello sviluppo atipico",
abstract = "Lo studio,verificher{\`a}: 1) che la modalit{\`a} di codifica tra i soggetti non vedenti (acquisiti) e non vedenti (congeniti) segue dei circuiti neuronali differenti, ma che comunque coinvolgono il sistema dei neuroni specchio; 2) che l’attivit{\`a} dei neuroni specchio non {\`e} vincolata al solo input sensoriale della visione di un semplice movimento, ma ad un vero e proprio “vocabolario di atti” che il soggetto riconosce come dotati di significato e appartenenti alla propria esperienza soprattutto nel caso di una disabilit{\`a} visiva acquisita (pi{\`u} grande e ricco {\`e} questo vocabolario di atti, pi{\`u} il soggetto {\`e} in grado di apprendere); 3) che comprendere l’effettivo significato di una frase, di un suono che esprime un’azione sicuramente comporta l’attivazione di quegli stessi circuiti nervosi coinvolti durante l’effettiva esecuzione di quella stessa azione, gli stessi circuiti che probabilmente si attivano anche nei soggetti non vedenti",
keywords = "Mirror Neuron System, disabilit{\`a} congenita, disabilit{\`a} acquisita, processi di apprendimento",
author = "Lidia Scifo",
year = "2009",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Disabilità visiva e neuroni specchio: processi di apprendimento nello sviluppo atipico

AU - Scifo, Lidia

PY - 2009

Y1 - 2009

N2 - Lo studio,verificherà: 1) che la modalità di codifica tra i soggetti non vedenti (acquisiti) e non vedenti (congeniti) segue dei circuiti neuronali differenti, ma che comunque coinvolgono il sistema dei neuroni specchio; 2) che l’attività dei neuroni specchio non è vincolata al solo input sensoriale della visione di un semplice movimento, ma ad un vero e proprio “vocabolario di atti” che il soggetto riconosce come dotati di significato e appartenenti alla propria esperienza soprattutto nel caso di una disabilità visiva acquisita (più grande e ricco è questo vocabolario di atti, più il soggetto è in grado di apprendere); 3) che comprendere l’effettivo significato di una frase, di un suono che esprime un’azione sicuramente comporta l’attivazione di quegli stessi circuiti nervosi coinvolti durante l’effettiva esecuzione di quella stessa azione, gli stessi circuiti che probabilmente si attivano anche nei soggetti non vedenti

AB - Lo studio,verificherà: 1) che la modalità di codifica tra i soggetti non vedenti (acquisiti) e non vedenti (congeniti) segue dei circuiti neuronali differenti, ma che comunque coinvolgono il sistema dei neuroni specchio; 2) che l’attività dei neuroni specchio non è vincolata al solo input sensoriale della visione di un semplice movimento, ma ad un vero e proprio “vocabolario di atti” che il soggetto riconosce come dotati di significato e appartenenti alla propria esperienza soprattutto nel caso di una disabilità visiva acquisita (più grande e ricco è questo vocabolario di atti, più il soggetto è in grado di apprendere); 3) che comprendere l’effettivo significato di una frase, di un suono che esprime un’azione sicuramente comporta l’attivazione di quegli stessi circuiti nervosi coinvolti durante l’effettiva esecuzione di quella stessa azione, gli stessi circuiti che probabilmente si attivano anche nei soggetti non vedenti

KW - Mirror Neuron System, disabilità congenita, disabilità acquisita, processi di apprendimento

UR - http://hdl.handle.net/10447/57971

M3 - Paper

ER -