Dialogare tra nemici

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Il saggio studia i rapporti di comunicazione informale tra parti in conflitto armato sia in casi di guerre interstatali sia in casi di guerre civili. Nei primi, gli avversari si mostrano talvolta disponibili a ricordarsi di essere figli della stessa patria e a riconoscersi concretamente e visivamente come amici e parenti, con conseguenziale esitazione ad uccidersi reciprocamente, nel momento della battaglia. Nei secondi, vincoli privati particolari come quello di ospitalità contratto prima dell’entrata in guerra, e la vicinanza fisica che mette a contatto diretto i soldati degli opposti avamposti e li rende uomini concreti e simili tra loro piuttosto che astratti “nemici” risultano più volte fattori determinanti nella costruzione della pace. In tutti i tipi di conflitto, infine, è possibile osservare il ruolo che, anche senza l’accompagnamento di parole, giocano i gesti distensivi: essi, effettivamente, riescono spesso a costruire la fiducia necessaria per avviare un processo di pace.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteUOMINI CONTRO. Tra l’Iliade e la Grande Guerra
Pagine95-106
Numero di pagine12
Volume7
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Serie di pubblicazioni

NomeCLASSICI CONTRO

Cita questo

Cozzo, A. (2017). Dialogare tra nemici. In UOMINI CONTRO. Tra l’Iliade e la Grande Guerra (Vol. 7, pagg. 95-106). (CLASSICI CONTRO).

Dialogare tra nemici. / Cozzo, Andrea.

UOMINI CONTRO. Tra l’Iliade e la Grande Guerra. Vol. 7 2017. pag. 95-106 (CLASSICI CONTRO).

Risultato della ricerca: Chapter

Cozzo, A 2017, Dialogare tra nemici. in UOMINI CONTRO. Tra l’Iliade e la Grande Guerra. vol. 7, CLASSICI CONTRO, pagg. 95-106.
Cozzo A. Dialogare tra nemici. In UOMINI CONTRO. Tra l’Iliade e la Grande Guerra. Vol. 7. 2017. pag. 95-106. (CLASSICI CONTRO).
Cozzo, Andrea. / Dialogare tra nemici. UOMINI CONTRO. Tra l’Iliade e la Grande Guerra. Vol. 7 2017. pagg. 95-106 (CLASSICI CONTRO).
@inbook{4198f36dbd3948a0be2e95d37b8a48b9,
title = "Dialogare tra nemici",
abstract = "Il saggio studia i rapporti di comunicazione informale tra parti in conflitto armato sia in casi di guerre interstatali sia in casi di guerre civili. Nei primi, gli avversari si mostrano talvolta disponibili a ricordarsi di essere figli della stessa patria e a riconoscersi concretamente e visivamente come amici e parenti, con conseguenziale esitazione ad uccidersi reciprocamente, nel momento della battaglia. Nei secondi, vincoli privati particolari come quello di ospitalit{\`a} contratto prima dell’entrata in guerra, e la vicinanza fisica che mette a contatto diretto i soldati degli opposti avamposti e li rende uomini concreti e simili tra loro piuttosto che astratti “nemici” risultano pi{\`u} volte fattori determinanti nella costruzione della pace. In tutti i tipi di conflitto, infine, {\`e} possibile osservare il ruolo che, anche senza l’accompagnamento di parole, giocano i gesti distensivi: essi, effettivamente, riescono spesso a costruire la fiducia necessaria per avviare un processo di pace.",
author = "Andrea Cozzo",
year = "2017",
language = "Italian",
isbn = "9788857538754",
volume = "7",
series = "CLASSICI CONTRO",
pages = "95--106",
booktitle = "UOMINI CONTRO. Tra l’Iliade e la Grande Guerra",

}

TY - CHAP

T1 - Dialogare tra nemici

AU - Cozzo, Andrea

PY - 2017

Y1 - 2017

N2 - Il saggio studia i rapporti di comunicazione informale tra parti in conflitto armato sia in casi di guerre interstatali sia in casi di guerre civili. Nei primi, gli avversari si mostrano talvolta disponibili a ricordarsi di essere figli della stessa patria e a riconoscersi concretamente e visivamente come amici e parenti, con conseguenziale esitazione ad uccidersi reciprocamente, nel momento della battaglia. Nei secondi, vincoli privati particolari come quello di ospitalità contratto prima dell’entrata in guerra, e la vicinanza fisica che mette a contatto diretto i soldati degli opposti avamposti e li rende uomini concreti e simili tra loro piuttosto che astratti “nemici” risultano più volte fattori determinanti nella costruzione della pace. In tutti i tipi di conflitto, infine, è possibile osservare il ruolo che, anche senza l’accompagnamento di parole, giocano i gesti distensivi: essi, effettivamente, riescono spesso a costruire la fiducia necessaria per avviare un processo di pace.

AB - Il saggio studia i rapporti di comunicazione informale tra parti in conflitto armato sia in casi di guerre interstatali sia in casi di guerre civili. Nei primi, gli avversari si mostrano talvolta disponibili a ricordarsi di essere figli della stessa patria e a riconoscersi concretamente e visivamente come amici e parenti, con conseguenziale esitazione ad uccidersi reciprocamente, nel momento della battaglia. Nei secondi, vincoli privati particolari come quello di ospitalità contratto prima dell’entrata in guerra, e la vicinanza fisica che mette a contatto diretto i soldati degli opposti avamposti e li rende uomini concreti e simili tra loro piuttosto che astratti “nemici” risultano più volte fattori determinanti nella costruzione della pace. In tutti i tipi di conflitto, infine, è possibile osservare il ruolo che, anche senza l’accompagnamento di parole, giocano i gesti distensivi: essi, effettivamente, riescono spesso a costruire la fiducia necessaria per avviare un processo di pace.

UR - http://hdl.handle.net/10447/238401

M3 - Chapter

SN - 9788857538754

VL - 7

T3 - CLASSICI CONTRO

SP - 95

EP - 106

BT - UOMINI CONTRO. Tra l’Iliade e la Grande Guerra

ER -