Design per un diverso presente

    Risultato della ricerca: Paper

    Abstract

    “Il vero design è tale solo quando agiscono forti interazioni fra scoperta scientifica, applicazione tecnologica, buon disegno ed effetto sociale positivo”. In un mondo caratterizzato da una complessità tecnologica e sociale sempre crescente, le aziende sono in grado di realizzare oggetti incredibile e tecnicamente molto complessi ma spesso non sanno analizzare i bisogni sociali e culturali in trasformazione. Il problema sta nel fatto che, mettendo una tecnologia intelligente in un prodotto inutile e che non risponde a nessun bisogno, produrremo un prodotto stupido inutile e null’altro. I progettisti sanno come aiutare le imprese a risolvere questo problema. Sono in grado di equilibrare la tecnologia, la cultura e l’interesse per l’uomo. La sfida del futuro sarà quella di progettare con e non per il pubblico, nel rendere gli utenti il soggetto e non l’oggetto dell’innovazione.
    Lingua originaleItalian
    Stato di pubblicazionePublished - 2018

    Cita questo

    Design per un diverso presente. / Inzerillo, Benedetto.

    2018.

    Risultato della ricerca: Paper

    @conference{b6dc8811da34494c9ece521f90be680f,
    title = "Design per un diverso presente",
    abstract = "“Il vero design {\`e} tale solo quando agiscono forti interazioni fra scoperta scientifica, applicazione tecnologica, buon disegno ed effetto sociale positivo”. In un mondo caratterizzato da una complessit{\`a} tecnologica e sociale sempre crescente, le aziende sono in grado di realizzare oggetti incredibile e tecnicamente molto complessi ma spesso non sanno analizzare i bisogni sociali e culturali in trasformazione. Il problema sta nel fatto che, mettendo una tecnologia intelligente in un prodotto inutile e che non risponde a nessun bisogno, produrremo un prodotto stupido inutile e null’altro. I progettisti sanno come aiutare le imprese a risolvere questo problema. Sono in grado di equilibrare la tecnologia, la cultura e l’interesse per l’uomo. La sfida del futuro sar{\`a} quella di progettare con e non per il pubblico, nel rendere gli utenti il soggetto e non l’oggetto dell’innovazione.",
    author = "Benedetto Inzerillo",
    year = "2018",
    language = "Italian",

    }

    TY - CONF

    T1 - Design per un diverso presente

    AU - Inzerillo, Benedetto

    PY - 2018

    Y1 - 2018

    N2 - “Il vero design è tale solo quando agiscono forti interazioni fra scoperta scientifica, applicazione tecnologica, buon disegno ed effetto sociale positivo”. In un mondo caratterizzato da una complessità tecnologica e sociale sempre crescente, le aziende sono in grado di realizzare oggetti incredibile e tecnicamente molto complessi ma spesso non sanno analizzare i bisogni sociali e culturali in trasformazione. Il problema sta nel fatto che, mettendo una tecnologia intelligente in un prodotto inutile e che non risponde a nessun bisogno, produrremo un prodotto stupido inutile e null’altro. I progettisti sanno come aiutare le imprese a risolvere questo problema. Sono in grado di equilibrare la tecnologia, la cultura e l’interesse per l’uomo. La sfida del futuro sarà quella di progettare con e non per il pubblico, nel rendere gli utenti il soggetto e non l’oggetto dell’innovazione.

    AB - “Il vero design è tale solo quando agiscono forti interazioni fra scoperta scientifica, applicazione tecnologica, buon disegno ed effetto sociale positivo”. In un mondo caratterizzato da una complessità tecnologica e sociale sempre crescente, le aziende sono in grado di realizzare oggetti incredibile e tecnicamente molto complessi ma spesso non sanno analizzare i bisogni sociali e culturali in trasformazione. Il problema sta nel fatto che, mettendo una tecnologia intelligente in un prodotto inutile e che non risponde a nessun bisogno, produrremo un prodotto stupido inutile e null’altro. I progettisti sanno come aiutare le imprese a risolvere questo problema. Sono in grado di equilibrare la tecnologia, la cultura e l’interesse per l’uomo. La sfida del futuro sarà quella di progettare con e non per il pubblico, nel rendere gli utenti il soggetto e non l’oggetto dell’innovazione.

    UR - http://hdl.handle.net/10447/282184

    M3 - Paper

    ER -