Definizione di Mappe di Vulnerabilità Sismica per le Aree Mediterranee Transfrontaliere: Il caso di Lampedusa

Di Trapani, F; Macaluso, G

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

La possibilità di individuare e quantificare le principali criticità legate ad eventi catastrofici naturali su un territorio, consente di pianificare strategie e interventi adeguati da parte degli organismi di Protezione Civile coinvolti in emergenze locali e internazionali. Il rischio sismico dipende soprattutto dalla vulnerabilità degli edifici appartenenti alle aree urbane. La conoscenza degli scenari di rischio è dunque fondamentale per pianificare e gestire azioni di assistenza in caso di emergenza e non può prescindere dalla quantificazione e localizzazione della vulnerabilità sismica. Il presente studio propone una procedura per la definizione di mappe di vulnerabilità sismica in termini di indici di vulnerabilità e PGA critiche con particolare riferimento ai piccoli e medi centri urbani delle aree mediterranee transfrontaliere. La procedura è stata testata sul centro urbano dell'isola di Lampedusa e si basa su una preliminare indagine storica dell'area urbana e delle principali caratteristiche formali e tecnologie degli edifici coinvolti. Gli indici di vulnerabilità sono valutati attraverso schede GNDT di secondo livello. Il modello di vulnerabilità, che consente la definizione delle curve di fragilità è infine calibrato sulla base indagini numericosperimentali condotte su un edifici prototipo significativamente rappresentativi dell'edificato urbano. Gli output forniscono, per l'area investigata, le mappe dell'indice di vulnerabilità e dei valori di PGA di primo danneggiamento e di collasso.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Cita questo

@conference{11d165d5ba484f16b263cd197fa0401d,
title = "Definizione di Mappe di Vulnerabilit{\`a} Sismica per le Aree Mediterranee Transfrontaliere: Il caso di Lampedusa",
abstract = "La possibilit{\`a} di individuare e quantificare le principali criticit{\`a} legate ad eventi catastrofici naturali su un territorio, consente di pianificare strategie e interventi adeguati da parte degli organismi di Protezione Civile coinvolti in emergenze locali e internazionali. Il rischio sismico dipende soprattutto dalla vulnerabilit{\`a} degli edifici appartenenti alle aree urbane. La conoscenza degli scenari di rischio {\`e} dunque fondamentale per pianificare e gestire azioni di assistenza in caso di emergenza e non pu{\`o} prescindere dalla quantificazione e localizzazione della vulnerabilit{\`a} sismica. Il presente studio propone una procedura per la definizione di mappe di vulnerabilit{\`a} sismica in termini di indici di vulnerabilit{\`a} e PGA critiche con particolare riferimento ai piccoli e medi centri urbani delle aree mediterranee transfrontaliere. La procedura {\`e} stata testata sul centro urbano dell'isola di Lampedusa e si basa su una preliminare indagine storica dell'area urbana e delle principali caratteristiche formali e tecnologie degli edifici coinvolti. Gli indici di vulnerabilit{\`a} sono valutati attraverso schede GNDT di secondo livello. Il modello di vulnerabilit{\`a}, che consente la definizione delle curve di fragilit{\`a} {\`e} infine calibrato sulla base indagini numericosperimentali condotte su un edifici prototipo significativamente rappresentativi dell'edificato urbano. Gli output forniscono, per l'area investigata, le mappe dell'indice di vulnerabilit{\`a} e dei valori di PGA di primo danneggiamento e di collasso.",
author = "{Di Trapani, F; Macaluso, G} and Liborio Cavaleri",
year = "2015",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Definizione di Mappe di Vulnerabilità Sismica per le Aree Mediterranee Transfrontaliere: Il caso di Lampedusa

AU - Di Trapani, F; Macaluso, G

AU - Cavaleri, Liborio

PY - 2015

Y1 - 2015

N2 - La possibilità di individuare e quantificare le principali criticità legate ad eventi catastrofici naturali su un territorio, consente di pianificare strategie e interventi adeguati da parte degli organismi di Protezione Civile coinvolti in emergenze locali e internazionali. Il rischio sismico dipende soprattutto dalla vulnerabilità degli edifici appartenenti alle aree urbane. La conoscenza degli scenari di rischio è dunque fondamentale per pianificare e gestire azioni di assistenza in caso di emergenza e non può prescindere dalla quantificazione e localizzazione della vulnerabilità sismica. Il presente studio propone una procedura per la definizione di mappe di vulnerabilità sismica in termini di indici di vulnerabilità e PGA critiche con particolare riferimento ai piccoli e medi centri urbani delle aree mediterranee transfrontaliere. La procedura è stata testata sul centro urbano dell'isola di Lampedusa e si basa su una preliminare indagine storica dell'area urbana e delle principali caratteristiche formali e tecnologie degli edifici coinvolti. Gli indici di vulnerabilità sono valutati attraverso schede GNDT di secondo livello. Il modello di vulnerabilità, che consente la definizione delle curve di fragilità è infine calibrato sulla base indagini numericosperimentali condotte su un edifici prototipo significativamente rappresentativi dell'edificato urbano. Gli output forniscono, per l'area investigata, le mappe dell'indice di vulnerabilità e dei valori di PGA di primo danneggiamento e di collasso.

AB - La possibilità di individuare e quantificare le principali criticità legate ad eventi catastrofici naturali su un territorio, consente di pianificare strategie e interventi adeguati da parte degli organismi di Protezione Civile coinvolti in emergenze locali e internazionali. Il rischio sismico dipende soprattutto dalla vulnerabilità degli edifici appartenenti alle aree urbane. La conoscenza degli scenari di rischio è dunque fondamentale per pianificare e gestire azioni di assistenza in caso di emergenza e non può prescindere dalla quantificazione e localizzazione della vulnerabilità sismica. Il presente studio propone una procedura per la definizione di mappe di vulnerabilità sismica in termini di indici di vulnerabilità e PGA critiche con particolare riferimento ai piccoli e medi centri urbani delle aree mediterranee transfrontaliere. La procedura è stata testata sul centro urbano dell'isola di Lampedusa e si basa su una preliminare indagine storica dell'area urbana e delle principali caratteristiche formali e tecnologie degli edifici coinvolti. Gli indici di vulnerabilità sono valutati attraverso schede GNDT di secondo livello. Il modello di vulnerabilità, che consente la definizione delle curve di fragilità è infine calibrato sulla base indagini numericosperimentali condotte su un edifici prototipo significativamente rappresentativi dell'edificato urbano. Gli output forniscono, per l'area investigata, le mappe dell'indice di vulnerabilità e dei valori di PGA di primo danneggiamento e di collasso.

UR - http://hdl.handle.net/10447/232896

M3 - Paper

ER -