Dalla cultura dei parvenu alla cultura del capitale sociale. Terzo settore e società civile in Sicilia

Bartholini I

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Avvalendosi di un questionario già predisposto a livello nazionale, il contributo ricostituisce il panorama del terzo settore nell’area periferica di Trapani, sottolineando la capacità di una parte delle Ots di promuovere una reale autonomia della società civile, malgrado per un terzo delle stesse sia ancora forte la dipendenza dai finanziamenti pubblici, e quindi dai partiti che gestiscono la pubblica amministrazione locale. L’autrice sostiene infatti che in Sicilia se «il mondo del privato sociale, da un lato, abbia offerto una sponda alla “cultura civile del lavoro”, dall’altro abbia affermato una cultura e una pratica delle relazioni che emerge prepotentemente dagli anfratti della matrice culturale cattolica e dell’impegno laico a favore degli “ultimi” e dei giovani quali “coscienza del domani”. Una sorta di transcultura (cattolica e laico-liberale) del capitale sociale quindi, in grado di opporsi alla cultura mafiosa» (p. 240). Nella volontà di contrastare la cultura dell’illegalità facendo della responsabilità e della fiducia il modello universalistico per la gestione di quegli spazi della sfera pubblica strappati al potere clientelare, alcune Ots rappresentano oggi di fatto la forma organizzata dell’impegno per il sociale della stessa società civile siciliana.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteIl Terzo Settore nel Mezzogiorno. Comunicazione, strutture e valori”,
Paginep. 236-p. 248
Stato di pubblicazionePublished - 2006

Cita questo

Bartholini I (2006). Dalla cultura dei parvenu alla cultura del capitale sociale. Terzo settore e società civile in Sicilia. In Il Terzo Settore nel Mezzogiorno. Comunicazione, strutture e valori”, (pagg. p. 236-p. 248)

Dalla cultura dei parvenu alla cultura del capitale sociale. Terzo settore e società civile in Sicilia. / Bartholini I.

Il Terzo Settore nel Mezzogiorno. Comunicazione, strutture e valori”,. 2006. pag. p. 236-p. 248.

Risultato della ricerca: Chapter

Bartholini I 2006, Dalla cultura dei parvenu alla cultura del capitale sociale. Terzo settore e società civile in Sicilia. in Il Terzo Settore nel Mezzogiorno. Comunicazione, strutture e valori”,. pagg. p. 236-p. 248.
Bartholini I. Dalla cultura dei parvenu alla cultura del capitale sociale. Terzo settore e società civile in Sicilia. In Il Terzo Settore nel Mezzogiorno. Comunicazione, strutture e valori”,. 2006. pag. p. 236-p. 248
Bartholini I. / Dalla cultura dei parvenu alla cultura del capitale sociale. Terzo settore e società civile in Sicilia. Il Terzo Settore nel Mezzogiorno. Comunicazione, strutture e valori”,. 2006. pagg. p. 236-p. 248
@inbook{b9680822397b4f30828a184e1969b581,
title = "Dalla cultura dei parvenu alla cultura del capitale sociale. Terzo settore e societ{\`a} civile in Sicilia",
abstract = "Avvalendosi di un questionario gi{\`a} predisposto a livello nazionale, il contributo ricostituisce il panorama del terzo settore nell’area periferica di Trapani, sottolineando la capacit{\`a} di una parte delle Ots di promuovere una reale autonomia della societ{\`a} civile, malgrado per un terzo delle stesse sia ancora forte la dipendenza dai finanziamenti pubblici, e quindi dai partiti che gestiscono la pubblica amministrazione locale. L’autrice sostiene infatti che in Sicilia se «il mondo del privato sociale, da un lato, abbia offerto una sponda alla “cultura civile del lavoro”, dall’altro abbia affermato una cultura e una pratica delle relazioni che emerge prepotentemente dagli anfratti della matrice culturale cattolica e dell’impegno laico a favore degli “ultimi” e dei giovani quali “coscienza del domani”. Una sorta di transcultura (cattolica e laico-liberale) del capitale sociale quindi, in grado di opporsi alla cultura mafiosa» (p. 240). Nella volont{\`a} di contrastare la cultura dell’illegalit{\`a} facendo della responsabilit{\`a} e della fiducia il modello universalistico per la gestione di quegli spazi della sfera pubblica strappati al potere clientelare, alcune Ots rappresentano oggi di fatto la forma organizzata dell’impegno per il sociale della stessa societ{\`a} civile siciliana.",
keywords = "societa civile, privato sociale, meridionalismo, terzo settore",
author = "{Bartholini I} and Bartholini, {Ignazia Maria}",
year = "2006",
language = "Italian",
isbn = "9788846480347",
pages = "p. 236--p. 248",
booktitle = "Il Terzo Settore nel Mezzogiorno. Comunicazione, strutture e valori”,",

}

TY - CHAP

T1 - Dalla cultura dei parvenu alla cultura del capitale sociale. Terzo settore e società civile in Sicilia

AU - Bartholini I

AU - Bartholini, Ignazia Maria

PY - 2006

Y1 - 2006

N2 - Avvalendosi di un questionario già predisposto a livello nazionale, il contributo ricostituisce il panorama del terzo settore nell’area periferica di Trapani, sottolineando la capacità di una parte delle Ots di promuovere una reale autonomia della società civile, malgrado per un terzo delle stesse sia ancora forte la dipendenza dai finanziamenti pubblici, e quindi dai partiti che gestiscono la pubblica amministrazione locale. L’autrice sostiene infatti che in Sicilia se «il mondo del privato sociale, da un lato, abbia offerto una sponda alla “cultura civile del lavoro”, dall’altro abbia affermato una cultura e una pratica delle relazioni che emerge prepotentemente dagli anfratti della matrice culturale cattolica e dell’impegno laico a favore degli “ultimi” e dei giovani quali “coscienza del domani”. Una sorta di transcultura (cattolica e laico-liberale) del capitale sociale quindi, in grado di opporsi alla cultura mafiosa» (p. 240). Nella volontà di contrastare la cultura dell’illegalità facendo della responsabilità e della fiducia il modello universalistico per la gestione di quegli spazi della sfera pubblica strappati al potere clientelare, alcune Ots rappresentano oggi di fatto la forma organizzata dell’impegno per il sociale della stessa società civile siciliana.

AB - Avvalendosi di un questionario già predisposto a livello nazionale, il contributo ricostituisce il panorama del terzo settore nell’area periferica di Trapani, sottolineando la capacità di una parte delle Ots di promuovere una reale autonomia della società civile, malgrado per un terzo delle stesse sia ancora forte la dipendenza dai finanziamenti pubblici, e quindi dai partiti che gestiscono la pubblica amministrazione locale. L’autrice sostiene infatti che in Sicilia se «il mondo del privato sociale, da un lato, abbia offerto una sponda alla “cultura civile del lavoro”, dall’altro abbia affermato una cultura e una pratica delle relazioni che emerge prepotentemente dagli anfratti della matrice culturale cattolica e dell’impegno laico a favore degli “ultimi” e dei giovani quali “coscienza del domani”. Una sorta di transcultura (cattolica e laico-liberale) del capitale sociale quindi, in grado di opporsi alla cultura mafiosa» (p. 240). Nella volontà di contrastare la cultura dell’illegalità facendo della responsabilità e della fiducia il modello universalistico per la gestione di quegli spazi della sfera pubblica strappati al potere clientelare, alcune Ots rappresentano oggi di fatto la forma organizzata dell’impegno per il sociale della stessa società civile siciliana.

KW - societa civile, privato sociale, meridionalismo, terzo settore

UR - http://hdl.handle.net/10447/32424

M3 - Chapter

SN - 9788846480347

SP - 236

EP - 248

BT - Il Terzo Settore nel Mezzogiorno. Comunicazione, strutture e valori”,

ER -