Dal mantello terrestre ai vulcani. Uno sguardo al vulcanismo degli ultimi 2 Ma nel Mediterraneo.

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

Gli esperimenti ad alta pressione e temperatura (petrologia sperimentale) sono il mezzo più efficace di cui si dispone per la conoscenza dell’interno della Terra, dalla crosta al nucleo. Gli apparati necessari alla riproduzione delle temperature (comprese tra i 1000 e gli oltre 3500 °C) e pressioni variabili dai 10 kbar agli oltre 3 Mbar (corrispondenti a profondità comprese tra 30 e 5000 km), sono particolarmente sofisticati e sono accoppiati a raffinati metodi di analisi dei prodotti sperimentali (durante e dopo gli esperimenti). A questo tipo di studi si deve la conoscenza dell’ interno della Terra, soprattutto della Terra Inaccessibile (mantello inferiore e nucleo), avendo permesso di caratterizzare le importanti modifiche nella struttura dei minerali che costituiscono il mantello, ma anche lo stato fisico del nucleo esterno liquido, la sua T di solidificazione e lo stato cristallino del Fe nel nucleo interno. Relativamente alla formazione del nucleo si fa riferimento al magma ocean primordiale ed alle komatiiti. Vengono poi brevemente discussi i meccanismi di fusione parziale del mantello superiore, la genesi dei basalti ed il legame con la geodinamica globale, con esempi direttamente attinenti il vulcanismo recente peri-Siciliano, un sistema condensato che sembra racchiudere in sé molti dei motivi principali enucleati precedentemente.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2018

Cita questo

@conference{e5abfe230a034cd29dd624c4c692867f,
title = "Dal mantello terrestre ai vulcani. Uno sguardo al vulcanismo degli ultimi 2 Ma nel Mediterraneo.",
abstract = "Gli esperimenti ad alta pressione e temperatura (petrologia sperimentale) sono il mezzo pi{\`u} efficace di cui si dispone per la conoscenza dell’interno della Terra, dalla crosta al nucleo. Gli apparati necessari alla riproduzione delle temperature (comprese tra i 1000 e gli oltre 3500 °C) e pressioni variabili dai 10 kbar agli oltre 3 Mbar (corrispondenti a profondit{\`a} comprese tra 30 e 5000 km), sono particolarmente sofisticati e sono accoppiati a raffinati metodi di analisi dei prodotti sperimentali (durante e dopo gli esperimenti). A questo tipo di studi si deve la conoscenza dell’ interno della Terra, soprattutto della Terra Inaccessibile (mantello inferiore e nucleo), avendo permesso di caratterizzare le importanti modifiche nella struttura dei minerali che costituiscono il mantello, ma anche lo stato fisico del nucleo esterno liquido, la sua T di solidificazione e lo stato cristallino del Fe nel nucleo interno. Relativamente alla formazione del nucleo si fa riferimento al magma ocean primordiale ed alle komatiiti. Vengono poi brevemente discussi i meccanismi di fusione parziale del mantello superiore, la genesi dei basalti ed il legame con la geodinamica globale, con esempi direttamente attinenti il vulcanismo recente peri-Siciliano, un sistema condensato che sembra racchiudere in s{\'e} molti dei motivi principali enucleati precedentemente.",
author = "Rotolo, {Silvio Giuseppe}",
year = "2018",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Dal mantello terrestre ai vulcani. Uno sguardo al vulcanismo degli ultimi 2 Ma nel Mediterraneo.

AU - Rotolo, Silvio Giuseppe

PY - 2018

Y1 - 2018

N2 - Gli esperimenti ad alta pressione e temperatura (petrologia sperimentale) sono il mezzo più efficace di cui si dispone per la conoscenza dell’interno della Terra, dalla crosta al nucleo. Gli apparati necessari alla riproduzione delle temperature (comprese tra i 1000 e gli oltre 3500 °C) e pressioni variabili dai 10 kbar agli oltre 3 Mbar (corrispondenti a profondità comprese tra 30 e 5000 km), sono particolarmente sofisticati e sono accoppiati a raffinati metodi di analisi dei prodotti sperimentali (durante e dopo gli esperimenti). A questo tipo di studi si deve la conoscenza dell’ interno della Terra, soprattutto della Terra Inaccessibile (mantello inferiore e nucleo), avendo permesso di caratterizzare le importanti modifiche nella struttura dei minerali che costituiscono il mantello, ma anche lo stato fisico del nucleo esterno liquido, la sua T di solidificazione e lo stato cristallino del Fe nel nucleo interno. Relativamente alla formazione del nucleo si fa riferimento al magma ocean primordiale ed alle komatiiti. Vengono poi brevemente discussi i meccanismi di fusione parziale del mantello superiore, la genesi dei basalti ed il legame con la geodinamica globale, con esempi direttamente attinenti il vulcanismo recente peri-Siciliano, un sistema condensato che sembra racchiudere in sé molti dei motivi principali enucleati precedentemente.

AB - Gli esperimenti ad alta pressione e temperatura (petrologia sperimentale) sono il mezzo più efficace di cui si dispone per la conoscenza dell’interno della Terra, dalla crosta al nucleo. Gli apparati necessari alla riproduzione delle temperature (comprese tra i 1000 e gli oltre 3500 °C) e pressioni variabili dai 10 kbar agli oltre 3 Mbar (corrispondenti a profondità comprese tra 30 e 5000 km), sono particolarmente sofisticati e sono accoppiati a raffinati metodi di analisi dei prodotti sperimentali (durante e dopo gli esperimenti). A questo tipo di studi si deve la conoscenza dell’ interno della Terra, soprattutto della Terra Inaccessibile (mantello inferiore e nucleo), avendo permesso di caratterizzare le importanti modifiche nella struttura dei minerali che costituiscono il mantello, ma anche lo stato fisico del nucleo esterno liquido, la sua T di solidificazione e lo stato cristallino del Fe nel nucleo interno. Relativamente alla formazione del nucleo si fa riferimento al magma ocean primordiale ed alle komatiiti. Vengono poi brevemente discussi i meccanismi di fusione parziale del mantello superiore, la genesi dei basalti ed il legame con la geodinamica globale, con esempi direttamente attinenti il vulcanismo recente peri-Siciliano, un sistema condensato che sembra racchiudere in sé molti dei motivi principali enucleati precedentemente.

UR - http://hdl.handle.net/10447/294011

M3 - Paper

ER -