Dai nastri alle pergamene: un approccio diacronico e multidisciplinare alla musica bizantina degli Albanesi di Sicilia

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

In questo contributo presentato al Convegno “L'etnomusicologia italiana a sessanta anni dalla nascita del CNSMP (1948-2008)” organizzato dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, di Roma dal 13 al 15 Novembre 2008, l’autore ripercorre le tappe della sua ormai ventennale ricerca sulla tradizione musicale liturgica di rito bizantino degli Albanesi di Sicilia. A tale scopo l’autore illustra la molteplicità degli oggetti di indagine che egli ha affrontato e le diverse metodologie che egli ha di volta in volta adottato in riferimento alle specificità di ogni singola fase della ricerca. Egli riassume inoltre i risultati progressivamente ottenuti, nonché i mutamenti di prospettiva che lo hanno condotto ad occuparsi di questa tradizione musicale non solo attraverso ricerche etnomusicologiche svolte “sul campo”, ma anche attraverso ricerche d’archivio che gli hanno permesso di ritrovare una rilevante mole di materiale documentario (fra cui numerosi manoscritti musicali redatti fra la fine del XIX secolo e la prima metà del XX secolo) e che, soprattutto negli ultimi cinque anni, lo hanno condotto a effettuare ripetuti e prolungati soggiorni presso l’Archivio Monastico dell’Abbazia Greca “San Nilo” di Grottaferrata per concentrare la propria ricerca sulle carte appartenute a due illustri studiosi di Musica Bizantina quali Padre Lorenzo Tardo (1883-1967) e Padre Bartolomeo Di Salvo (1916-1986), entrambi ieromonaci presso la Abbazia Greca “San Nilo” di Grottaferrata, e per studiare i loro lavori, molti dei quali inediti, sulle pergamene musicali medievali custodite presso la suddetta Abbazia.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2012

Cita questo

@conference{ba99cc786bc044e198cb1a24be450c8d,
title = "Dai nastri alle pergamene: un approccio diacronico e multidisciplinare alla musica bizantina degli Albanesi di Sicilia",
abstract = "In questo contributo presentato al Convegno “L'etnomusicologia italiana a sessanta anni dalla nascita del CNSMP (1948-2008)” organizzato dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, di Roma dal 13 al 15 Novembre 2008, l’autore ripercorre le tappe della sua ormai ventennale ricerca sulla tradizione musicale liturgica di rito bizantino degli Albanesi di Sicilia. A tale scopo l’autore illustra la molteplicit{\`a} degli oggetti di indagine che egli ha affrontato e le diverse metodologie che egli ha di volta in volta adottato in riferimento alle specificit{\`a} di ogni singola fase della ricerca. Egli riassume inoltre i risultati progressivamente ottenuti, nonch{\'e} i mutamenti di prospettiva che lo hanno condotto ad occuparsi di questa tradizione musicale non solo attraverso ricerche etnomusicologiche svolte “sul campo”, ma anche attraverso ricerche d’archivio che gli hanno permesso di ritrovare una rilevante mole di materiale documentario (fra cui numerosi manoscritti musicali redatti fra la fine del XIX secolo e la prima met{\`a} del XX secolo) e che, soprattutto negli ultimi cinque anni, lo hanno condotto a effettuare ripetuti e prolungati soggiorni presso l’Archivio Monastico dell’Abbazia Greca “San Nilo” di Grottaferrata per concentrare la propria ricerca sulle carte appartenute a due illustri studiosi di Musica Bizantina quali Padre Lorenzo Tardo (1883-1967) e Padre Bartolomeo Di Salvo (1916-1986), entrambi ieromonaci presso la Abbazia Greca “San Nilo” di Grottaferrata, e per studiare i loro lavori, molti dei quali inediti, sulle pergamene musicali medievali custodite presso la suddetta Abbazia.",
author = "Girolamo Garofalo",
year = "2012",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Dai nastri alle pergamene: un approccio diacronico e multidisciplinare alla musica bizantina degli Albanesi di Sicilia

AU - Garofalo, Girolamo

PY - 2012

Y1 - 2012

N2 - In questo contributo presentato al Convegno “L'etnomusicologia italiana a sessanta anni dalla nascita del CNSMP (1948-2008)” organizzato dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, di Roma dal 13 al 15 Novembre 2008, l’autore ripercorre le tappe della sua ormai ventennale ricerca sulla tradizione musicale liturgica di rito bizantino degli Albanesi di Sicilia. A tale scopo l’autore illustra la molteplicità degli oggetti di indagine che egli ha affrontato e le diverse metodologie che egli ha di volta in volta adottato in riferimento alle specificità di ogni singola fase della ricerca. Egli riassume inoltre i risultati progressivamente ottenuti, nonché i mutamenti di prospettiva che lo hanno condotto ad occuparsi di questa tradizione musicale non solo attraverso ricerche etnomusicologiche svolte “sul campo”, ma anche attraverso ricerche d’archivio che gli hanno permesso di ritrovare una rilevante mole di materiale documentario (fra cui numerosi manoscritti musicali redatti fra la fine del XIX secolo e la prima metà del XX secolo) e che, soprattutto negli ultimi cinque anni, lo hanno condotto a effettuare ripetuti e prolungati soggiorni presso l’Archivio Monastico dell’Abbazia Greca “San Nilo” di Grottaferrata per concentrare la propria ricerca sulle carte appartenute a due illustri studiosi di Musica Bizantina quali Padre Lorenzo Tardo (1883-1967) e Padre Bartolomeo Di Salvo (1916-1986), entrambi ieromonaci presso la Abbazia Greca “San Nilo” di Grottaferrata, e per studiare i loro lavori, molti dei quali inediti, sulle pergamene musicali medievali custodite presso la suddetta Abbazia.

AB - In questo contributo presentato al Convegno “L'etnomusicologia italiana a sessanta anni dalla nascita del CNSMP (1948-2008)” organizzato dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, di Roma dal 13 al 15 Novembre 2008, l’autore ripercorre le tappe della sua ormai ventennale ricerca sulla tradizione musicale liturgica di rito bizantino degli Albanesi di Sicilia. A tale scopo l’autore illustra la molteplicità degli oggetti di indagine che egli ha affrontato e le diverse metodologie che egli ha di volta in volta adottato in riferimento alle specificità di ogni singola fase della ricerca. Egli riassume inoltre i risultati progressivamente ottenuti, nonché i mutamenti di prospettiva che lo hanno condotto ad occuparsi di questa tradizione musicale non solo attraverso ricerche etnomusicologiche svolte “sul campo”, ma anche attraverso ricerche d’archivio che gli hanno permesso di ritrovare una rilevante mole di materiale documentario (fra cui numerosi manoscritti musicali redatti fra la fine del XIX secolo e la prima metà del XX secolo) e che, soprattutto negli ultimi cinque anni, lo hanno condotto a effettuare ripetuti e prolungati soggiorni presso l’Archivio Monastico dell’Abbazia Greca “San Nilo” di Grottaferrata per concentrare la propria ricerca sulle carte appartenute a due illustri studiosi di Musica Bizantina quali Padre Lorenzo Tardo (1883-1967) e Padre Bartolomeo Di Salvo (1916-1986), entrambi ieromonaci presso la Abbazia Greca “San Nilo” di Grottaferrata, e per studiare i loro lavori, molti dei quali inediti, sulle pergamene musicali medievali custodite presso la suddetta Abbazia.

UR - http://hdl.handle.net/10447/76743

M3 - Paper

ER -