Da vicino, da lontano. L’antropologia di Milan Kundera

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Questo saggio è una riflessione sul concetto di prossimità e distanza in Lévi-Strauss e Milan Kundera. Intenzionalmente, comparo un antropologo della cultura e uno scrittore di letteratura al fine di proporre una prospettiva decentrante sull’antropologia e sulla letteratura, oltre che su me stesso e sul potenziale lettore. La comparazione mi consente inoltre di mettere meglio a fuoco su alcune questioni – soltanto in apparenza distanti, ma in effetti molto vicine – quali l’esilio e la migrazione, l’uso alimentare degli animali e l’affezione che sviluppiamo per loro, l’esistenza intesa come fieldwork, la traduzione delle culture e l’ontological turn, lo straniamento e l’andirivieni concettuali come strategie di osservazione-partecipante. Il saggio prende avvio da un mio viaggio, in famiglia, a New York e sul conseguente straniamento prodottosi nei miei figli nel vedere gli scoiattoli scorazzare liberamente tra case e giardini americani. Coniugo, quindi, nel tipo di scrittura da me adottato, un approccio riflessivo ed esistenziale misto a una antropologia del linguaggio più attenta a categorie concettuali relative al quotidiano.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)-
Numero di pagine0
RivistaDIALOGHI MEDITERRANEI
Volume23
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Cita questo

Da vicino, da lontano. L’antropologia di Milan Kundera. / Montes, Stefano.

In: DIALOGHI MEDITERRANEI, Vol. 23, 2017, pag. -.

Risultato della ricerca: Article

@article{adcee57c4ae64bd5a23c72a5c80c5ae5,
title = "Da vicino, da lontano. L’antropologia di Milan Kundera",
abstract = "Questo saggio {\`e} una riflessione sul concetto di prossimit{\`a} e distanza in L{\'e}vi-Strauss e Milan Kundera. Intenzionalmente, comparo un antropologo della cultura e uno scrittore di letteratura al fine di proporre una prospettiva decentrante sull’antropologia e sulla letteratura, oltre che su me stesso e sul potenziale lettore. La comparazione mi consente inoltre di mettere meglio a fuoco su alcune questioni – soltanto in apparenza distanti, ma in effetti molto vicine – quali l’esilio e la migrazione, l’uso alimentare degli animali e l’affezione che sviluppiamo per loro, l’esistenza intesa come fieldwork, la traduzione delle culture e l’ontological turn, lo straniamento e l’andirivieni concettuali come strategie di osservazione-partecipante. Il saggio prende avvio da un mio viaggio, in famiglia, a New York e sul conseguente straniamento prodottosi nei miei figli nel vedere gli scoiattoli scorazzare liberamente tra case e giardini americani. Coniugo, quindi, nel tipo di scrittura da me adottato, un approccio riflessivo ed esistenziale misto a una antropologia del linguaggio pi{\`u} attenta a categorie concettuali relative al quotidiano.",
author = "Stefano Montes",
year = "2017",
language = "Italian",
volume = "23",
pages = "--",
journal = "DIALOGHI MEDITERRANEI",
issn = "2384-9010",

}

TY - JOUR

T1 - Da vicino, da lontano. L’antropologia di Milan Kundera

AU - Montes, Stefano

PY - 2017

Y1 - 2017

N2 - Questo saggio è una riflessione sul concetto di prossimità e distanza in Lévi-Strauss e Milan Kundera. Intenzionalmente, comparo un antropologo della cultura e uno scrittore di letteratura al fine di proporre una prospettiva decentrante sull’antropologia e sulla letteratura, oltre che su me stesso e sul potenziale lettore. La comparazione mi consente inoltre di mettere meglio a fuoco su alcune questioni – soltanto in apparenza distanti, ma in effetti molto vicine – quali l’esilio e la migrazione, l’uso alimentare degli animali e l’affezione che sviluppiamo per loro, l’esistenza intesa come fieldwork, la traduzione delle culture e l’ontological turn, lo straniamento e l’andirivieni concettuali come strategie di osservazione-partecipante. Il saggio prende avvio da un mio viaggio, in famiglia, a New York e sul conseguente straniamento prodottosi nei miei figli nel vedere gli scoiattoli scorazzare liberamente tra case e giardini americani. Coniugo, quindi, nel tipo di scrittura da me adottato, un approccio riflessivo ed esistenziale misto a una antropologia del linguaggio più attenta a categorie concettuali relative al quotidiano.

AB - Questo saggio è una riflessione sul concetto di prossimità e distanza in Lévi-Strauss e Milan Kundera. Intenzionalmente, comparo un antropologo della cultura e uno scrittore di letteratura al fine di proporre una prospettiva decentrante sull’antropologia e sulla letteratura, oltre che su me stesso e sul potenziale lettore. La comparazione mi consente inoltre di mettere meglio a fuoco su alcune questioni – soltanto in apparenza distanti, ma in effetti molto vicine – quali l’esilio e la migrazione, l’uso alimentare degli animali e l’affezione che sviluppiamo per loro, l’esistenza intesa come fieldwork, la traduzione delle culture e l’ontological turn, lo straniamento e l’andirivieni concettuali come strategie di osservazione-partecipante. Il saggio prende avvio da un mio viaggio, in famiglia, a New York e sul conseguente straniamento prodottosi nei miei figli nel vedere gli scoiattoli scorazzare liberamente tra case e giardini americani. Coniugo, quindi, nel tipo di scrittura da me adottato, un approccio riflessivo ed esistenziale misto a una antropologia del linguaggio più attenta a categorie concettuali relative al quotidiano.

UR - http://hdl.handle.net/10447/318715

UR - http://www.istitutoeuroarabo.it/DM/da-vicino-da-lontano-lantropologia-di-milan-kundera/

M3 - Article

VL - 23

SP - -

JO - DIALOGHI MEDITERRANEI

JF - DIALOGHI MEDITERRANEI

SN - 2384-9010

ER -