Costruendo in pietra a vista nelle isole del Mediterraneo tra XV e XVI secolo

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Nel corso della prima età moderna alcune città portuali del Mediterraneo assunsero un tono comune, in relazione agli aspetti architettonici e alle forme, che ha determinato e condizionato letture storiografiche secolari e spinto recentemente a coniare categorie come quella di "Gotico Mediterraneo". E' noto come la storia della costruzione dei paramenti in pietra a vista è radicata nei secoli e delinea in molti luoghi un esempio di persistenza nella lunga durata. Nell'arco cronologico indagato si verifica tuttavia un incremento esponenziale del tipo e questa intensificazione sembra implicare opzioni di cantiere, comportamenti collettivi, scelte estetiche per i quali è necessario trovare spiegazioni. Tra le ragioni che determinano somiglianze e analogie si segnalano tecniche costruttive omogenee e l'uso diffuso di terrazze, di coperture piane; di cupole in pietra reinterpretate in chiave moderna; l'adozione di inserti linguistici (porte e finestre) derivanti da uniche matrici. La mobilità e i percorsi dei maestri costruiscono una rete utile a comprendere la diffusione delle tecniche e dei modelli, mentre un immaginario collettivo, dedotto dalla diffusione dei testi a stampa e da nuove forme di illustrazione (microarchitetture,arazzi, stampe), sembra riflettersi nella città del Mediterraneo.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteIl cantiere della città. Strumenti, maestranze e tecniche dal Medioevo al Novecento
Pagine69-82
Numero di pagine14
Stato di pubblicazionePublished - 2014

Cita questo