Convezione naturale in un canale verticale riscaldato: Sistema semiautomatico per acquisizione dati

    Risultato della ricerca: Book

    Abstract

    Presso il Dipartimento di Energetica ed Applicazioni di Fisica si svolge da lungo tempo una ricerca sul comportamento di una parete solare del tipo trombe. Allo stato attuale la ricerca è focalizzata sullo studio dei coefficienti convettivi nello scambio termico intercorrente tra la parete e l’aria che fluisce nel canale. In particolare è stato realizzato un prototipo a scala 1:1 nel quale l’apporto solare viene simulato tramite un complesso sistema di riscaldamento capace di destare sulla superficie della parete un flusso termico densità di superficiale uniforme. Il dispositivo la simulazione è completo di un’estesa rete di termocoppie e di un anemometro a filo caldo. Sino ad oggi il sistema di acquisizione dei dati si è basato su di un or-mai antico computer su un obsoleto sistema operativo, mentre l’anemometro mal si prestava ad un’ac-quisizione automatica, sicché la conduzione delle sperimentazioni si rivelava difficile e lenta. Di recente il sistema di acquisizione è stato fortemente implementato ed ammodernato. In particolare si dispone di un HWA di nuova generazione, in grado di interloquire mediante interfaccia con un nuovo e moderno computer ed inoltre si è completamente automatizzata, mediante una procedura implementata in ambien-te LabView, la gestione della complessa sequenza di rilevamenti anemometrici.Nella memoria viene presentata la progettazione e realizzazione del nuovo sistema semiautomatico per acquisizione ed elaborazione dei dati.La realizzazione di un sistema automatico per acquisizione dati e semiautomatico per la gestione delle sperimenta-zioni rappresenta il naturale upgrading degli studi precedentemente svolti in materia di convezione naturale in un canale verticale, su una parete del quale viene suscitata un flusso termico a densità superficiale uniforme ma variabi-le a piacere, ed in particolare sull’analisi e modalità di trasferimento del calore e massa all’interno del canale stesso. Di tale un dispositivo è operativo presso il DEAF dell’Università di Palermo un prototipo a scala 1:1. Gli strumenti sino ad ora utilizzati tuttavia non consentivano di effettuare le prove in automatico, e i dati ricavati e-rano utilizzabili solo da un calcolatore 80086 della HP che, utilizzando unicamente un suo linguaggio specifico, il Basic HP, non permetteva l’esportazione dei file al fine di poterli utilizzare con in nuovi software di calcolo. Do-vendo acquisire e gestire una notevole quantità di dati è divenuto necessario automatizzare le procedure al fine di evitare uno spreco di energie da parte del ricercatore. Ciò ha richiesto sia l’implementazione e la sostituzione di strumentazioni ed hardware in genere sia lo sviluppo di nuovo software per l’automatizzazione della gestione del sistema e per l’acquisizione dei dati.
    Lingua originaleItalian
    EditoreDipartimento di Ricerche Energetiche ed Ambientali (D.R.E.AM.)
    Numero di pagine11
    Stato di pubblicazionePublished - 2002

    Serie di pubblicazioni

    NomeMemoria a stampa Università degli Studi di Palermo, Dipartimento di Ricerche Energetiche ed Ambientali (D.R.E.AM.)

    Cita questo