Considerazioni sul caso clinico di G. D'Onofrio: Campo gruppale virtuale, la storia di una migrazione riconnessa nel tessuto onirico.

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Viene discusso un caso clinico relativo a pazienti migrante in cui la funzione riparatrice del sogno serve anche come luogo di elaborazione e di riconnessione con il mondo culturale originario. La prospettiva di annientamento relativa alla perdita dei riferimenti culturali che non comporta la possibilità di un nuovo orizzonte rischia la psicotizzazione del paziente. Solo il ricollegarsi simbolico ai referenti originari culturali rende il paziente operatore e ricostruttore della propria identità.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)60-77
Numero di pagine17
RivistaPLEXUS
Volume2
Stato di pubblicazionePublished - 2009

Cita questo