Confini in discesa. Rappresentazioni della violenza e della bestialità nella cultura romana.

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Il modulo rappresentativo della bestializzazione, la descrizione di degradazioni animali di soggetti umani, funge da chiave di accesso al problema della violenza e del suo vissuto culturale nella letteratura latina. Attraverso l'esame di una serie di testi che spaziano da Sallustio e Cicerone a Seneca e Giovenale, viene messo in luce il progressivo 'slittamento' di alcune categorie simboliche ricorrenti nel mondo romano: in particolare, si rileva come dall'idea di una violenza ai danni della comunità che bestializza, rende gli uomini uguali agli animali, si transiti progressivamente al concetto di una bestialità umana 'meno che animale', all'immagine di un uomo peggiore delle fiere.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteCome bestie? Forme e paradossi della violenza fra mondo antico e disagio contemporaneo.
Pagine209-233
Numero di pagine25
Stato di pubblicazionePublished - 2010

Serie di pubblicazioni

NomeMATHESIS. RICERCHE SULLA TRASMISSIONE DEL SAPERE

Cita questo