Comportamento prosociale e variabili di contesto: un confronto tra Palermo e Malaga

Moscato, G; Varveri, L; Martos Mendéz, Mj; Hombrados Mendieta, Mi

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

Diversi studi confermano il ruolo che le variabili di contesto, come la coesione e il rispetto delle norme nei quartieri, giocano nel promuovere il comportamento prosociale, inteso qui come l’insieme dei comportamenti e sentimenti spontanei relativi a condivisione, aiuto, prendersi cura di, empatia verso altre persone (Caprara et al. 2005). Il presente studio, promosso da una convenzione tra le Università di Palermo e di Malaga, allarga il focus di osservazione a variabili psicosociali che riflettono l’ambiente di vita nel suo complesso comunitario includendo la fiducia sociale, il senso di comunità, l’equità e la reciprocità come variabili indipendenti. Obiettivo è valutare la capacità predittiva delle variabili su citate sul comportamento prosociale in un campione transnazionale costituito da: 455 soggetti, residenti nelle otto circoscrizioni di Palermo (M=193; F=262; età media= 24,30 anni, d.s.: 12,5) e da 436 residenti negli undici distretti di Malaga (M=137; F=299; età media= 20,05 anni, d.s.: 1,8). Strumenti utilizzati: Prosocial Behavior Scale – riferita a sé stessi e al quartiere di appartenenza – una versione breve della Merit Principle Scale, Brief Sense of community Scale, versione ridotta della scala sulla reciprocità diretta e indiretta. I campioni sono stati comparati calcolando una serie di ANOVA, mentre è stata condotta una regressione lineare con metodo stepwise per testare il modello predittivo. Dall’analisi della varianza emergono differenze statisticamente significative tali che il campione palermitano risulta avere valori medi più alti per il comportamento prosociale riferito a se stessi (F=36,865, p=.000) e al quartiere (F=16,675, p=.001), il senso di equità (F=32,053, p=.000) e la reciprocità positiva (F=22,528, p=.001). Infine, dall’analisi delle regressioni emerge un quadro diverso tra Palermo e Malaga ove solo nel primo caso troviamo un ruolo predittivo del senso di comunità. La necessità nel contesto italiano di promuovere il comportamento prosociale ci riconduce dunque a quel senso di connessione che invece sembra sempre più ostacolato dalle politiche “disgregative”, più o meno palesemente assunte dai governi.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Cita questo

Moscato, G; Varveri, L; Martos Mendéz, Mj; Hombrados Mendieta, Mi (2015). Comportamento prosociale e variabili di contesto: un confronto tra Palermo e Malaga.

Comportamento prosociale e variabili di contesto: un confronto tra Palermo e Malaga. / Moscato, G; Varveri, L; Martos Mendéz, Mj; Hombrados Mendieta, Mi.

2015.

Risultato della ricerca: Paper

Moscato, G; Varveri, L; Martos Mendéz, Mj; Hombrados Mendieta, Mi 2015, 'Comportamento prosociale e variabili di contesto: un confronto tra Palermo e Malaga'.
Moscato, G; Varveri, L; Martos Mendéz, Mj; Hombrados Mendieta, Mi. Comportamento prosociale e variabili di contesto: un confronto tra Palermo e Malaga. 2015.
Moscato, G; Varveri, L; Martos Mendéz, Mj; Hombrados Mendieta, Mi. / Comportamento prosociale e variabili di contesto: un confronto tra Palermo e Malaga.
@conference{de07e310a1bc4492b47c1c88ecd78ce6,
title = "Comportamento prosociale e variabili di contesto: un confronto tra Palermo e Malaga",
abstract = "Diversi studi confermano il ruolo che le variabili di contesto, come la coesione e il rispetto delle norme nei quartieri, giocano nel promuovere il comportamento prosociale, inteso qui come l’insieme dei comportamenti e sentimenti spontanei relativi a condivisione, aiuto, prendersi cura di, empatia verso altre persone (Caprara et al. 2005). Il presente studio, promosso da una convenzione tra le Universit{\`a} di Palermo e di Malaga, allarga il focus di osservazione a variabili psicosociali che riflettono l’ambiente di vita nel suo complesso comunitario includendo la fiducia sociale, il senso di comunit{\`a}, l’equit{\`a} e la reciprocit{\`a} come variabili indipendenti. Obiettivo {\`e} valutare la capacit{\`a} predittiva delle variabili su citate sul comportamento prosociale in un campione transnazionale costituito da: 455 soggetti, residenti nelle otto circoscrizioni di Palermo (M=193; F=262; et{\`a} media= 24,30 anni, d.s.: 12,5) e da 436 residenti negli undici distretti di Malaga (M=137; F=299; et{\`a} media= 20,05 anni, d.s.: 1,8). Strumenti utilizzati: Prosocial Behavior Scale – riferita a s{\'e} stessi e al quartiere di appartenenza – una versione breve della Merit Principle Scale, Brief Sense of community Scale, versione ridotta della scala sulla reciprocit{\`a} diretta e indiretta. I campioni sono stati comparati calcolando una serie di ANOVA, mentre {\`e} stata condotta una regressione lineare con metodo stepwise per testare il modello predittivo. Dall’analisi della varianza emergono differenze statisticamente significative tali che il campione palermitano risulta avere valori medi pi{\`u} alti per il comportamento prosociale riferito a se stessi (F=36,865, p=.000) e al quartiere (F=16,675, p=.001), il senso di equit{\`a} (F=32,053, p=.000) e la reciprocit{\`a} positiva (F=22,528, p=.001). Infine, dall’analisi delle regressioni emerge un quadro diverso tra Palermo e Malaga ove solo nel primo caso troviamo un ruolo predittivo del senso di comunit{\`a}. La necessit{\`a} nel contesto italiano di promuovere il comportamento prosociale ci riconduce dunque a quel senso di connessione che invece sembra sempre pi{\`u} ostacolato dalle politiche “disgregative”, pi{\`u} o meno palesemente assunte dai governi.",
author = "{Moscato, G; Varveri, L; Martos Mend{\'e}z, Mj; Hombrados Mendieta, Mi} and Gioacchino Lavanco and Cinzia Novara",
year = "2015",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Comportamento prosociale e variabili di contesto: un confronto tra Palermo e Malaga

AU - Moscato, G; Varveri, L; Martos Mendéz, Mj; Hombrados Mendieta, Mi

AU - Lavanco, Gioacchino

AU - Novara, Cinzia

PY - 2015

Y1 - 2015

N2 - Diversi studi confermano il ruolo che le variabili di contesto, come la coesione e il rispetto delle norme nei quartieri, giocano nel promuovere il comportamento prosociale, inteso qui come l’insieme dei comportamenti e sentimenti spontanei relativi a condivisione, aiuto, prendersi cura di, empatia verso altre persone (Caprara et al. 2005). Il presente studio, promosso da una convenzione tra le Università di Palermo e di Malaga, allarga il focus di osservazione a variabili psicosociali che riflettono l’ambiente di vita nel suo complesso comunitario includendo la fiducia sociale, il senso di comunità, l’equità e la reciprocità come variabili indipendenti. Obiettivo è valutare la capacità predittiva delle variabili su citate sul comportamento prosociale in un campione transnazionale costituito da: 455 soggetti, residenti nelle otto circoscrizioni di Palermo (M=193; F=262; età media= 24,30 anni, d.s.: 12,5) e da 436 residenti negli undici distretti di Malaga (M=137; F=299; età media= 20,05 anni, d.s.: 1,8). Strumenti utilizzati: Prosocial Behavior Scale – riferita a sé stessi e al quartiere di appartenenza – una versione breve della Merit Principle Scale, Brief Sense of community Scale, versione ridotta della scala sulla reciprocità diretta e indiretta. I campioni sono stati comparati calcolando una serie di ANOVA, mentre è stata condotta una regressione lineare con metodo stepwise per testare il modello predittivo. Dall’analisi della varianza emergono differenze statisticamente significative tali che il campione palermitano risulta avere valori medi più alti per il comportamento prosociale riferito a se stessi (F=36,865, p=.000) e al quartiere (F=16,675, p=.001), il senso di equità (F=32,053, p=.000) e la reciprocità positiva (F=22,528, p=.001). Infine, dall’analisi delle regressioni emerge un quadro diverso tra Palermo e Malaga ove solo nel primo caso troviamo un ruolo predittivo del senso di comunità. La necessità nel contesto italiano di promuovere il comportamento prosociale ci riconduce dunque a quel senso di connessione che invece sembra sempre più ostacolato dalle politiche “disgregative”, più o meno palesemente assunte dai governi.

AB - Diversi studi confermano il ruolo che le variabili di contesto, come la coesione e il rispetto delle norme nei quartieri, giocano nel promuovere il comportamento prosociale, inteso qui come l’insieme dei comportamenti e sentimenti spontanei relativi a condivisione, aiuto, prendersi cura di, empatia verso altre persone (Caprara et al. 2005). Il presente studio, promosso da una convenzione tra le Università di Palermo e di Malaga, allarga il focus di osservazione a variabili psicosociali che riflettono l’ambiente di vita nel suo complesso comunitario includendo la fiducia sociale, il senso di comunità, l’equità e la reciprocità come variabili indipendenti. Obiettivo è valutare la capacità predittiva delle variabili su citate sul comportamento prosociale in un campione transnazionale costituito da: 455 soggetti, residenti nelle otto circoscrizioni di Palermo (M=193; F=262; età media= 24,30 anni, d.s.: 12,5) e da 436 residenti negli undici distretti di Malaga (M=137; F=299; età media= 20,05 anni, d.s.: 1,8). Strumenti utilizzati: Prosocial Behavior Scale – riferita a sé stessi e al quartiere di appartenenza – una versione breve della Merit Principle Scale, Brief Sense of community Scale, versione ridotta della scala sulla reciprocità diretta e indiretta. I campioni sono stati comparati calcolando una serie di ANOVA, mentre è stata condotta una regressione lineare con metodo stepwise per testare il modello predittivo. Dall’analisi della varianza emergono differenze statisticamente significative tali che il campione palermitano risulta avere valori medi più alti per il comportamento prosociale riferito a se stessi (F=36,865, p=.000) e al quartiere (F=16,675, p=.001), il senso di equità (F=32,053, p=.000) e la reciprocità positiva (F=22,528, p=.001). Infine, dall’analisi delle regressioni emerge un quadro diverso tra Palermo e Malaga ove solo nel primo caso troviamo un ruolo predittivo del senso di comunità. La necessità nel contesto italiano di promuovere il comportamento prosociale ci riconduce dunque a quel senso di connessione che invece sembra sempre più ostacolato dalle politiche “disgregative”, più o meno palesemente assunte dai governi.

UR - http://hdl.handle.net/10447/147221

M3 - Paper

ER -