Complessi di Platinum(II): sintesi, studi di DNA-binding e loro attività antitumorale in vitro

Risultato della ricerca: Otherpeer review

Abstract

Con lo scopo di trovare nuovi analoghi del Cis-DDP (cis-diammino dicloro platino(II)) nuovi complessi del platino sono stati sintetizzati, caratterizzati e ne è stata studiata l’attività antitumorale in vitro [1]. Recentemente sono stati preparati complessi con metalli del quarto periodo di transizione con entrambi i leganti, dipirido[3,2-a:2’,3’-c]fenazina (dppz) e glicinato (gly) [2]. I composti di nuova sintesi vengono generalmente caratterizzati attraverso parecchie tecniche analitiche incluso la cristallografia a raggi-X e la loro attività antitumorale viene testata su un vasto pannello di linee cellulari umane [1,2]. Le proprietà biologiche spesso sono correlate alla loro interazione con il DNA e alla inibizione del ciclo cellulare [3]. Gli studi in vitro di DNA-binding in mezzi cell-free e quindi l’affinità di legame per il DNA ed il meccanismo di interazione complesso-DNA vengono valutati attraverso misure spettroscopiche e di viscosità. Utilizzando questa stessa linea di ricerca riportiamo la sintesi, gli studi di DNA-binding e l’attività antitumorale di un nuovo complesso di Pt(II), [Pt(dppz)(Gly)]Cl (Fig. 1).
Lingua originaleItalian
Numero di pagine1
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Cita questo