Commento agli artt. 278 e 279 c.p.p.

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Nel quadro della disciplina in materia cautelare, il commento degli artt. 278 e 279 c.p.p. si incentra, rispettivamente, sulla determinazione della pena agli effetti dell’applicazione delle misure e sull’individuazione del giudice competente a disporle. Sotto il primo profilo – al di là dei problemi legati alla successione di leggi nel tempo e al controverso ambito applicativo della norma – sono state affrontate le diverse specifiche fattispecie che rilevano nel relativo computo. Sotto il secondo profilo – dopo un cenno ai dubbi di costituzionalità sollevati – ci si è soffermati sulle molteplici questioni sorte in ordine ai diversi momenti del procedimento e con riguardo alle conseguenze di un’eventuale declaratoria di incompetenza.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteCommento al Codice di Procedura Penale
Pagine1132-1155
Numero di pagine24
Stato di pubblicazionePublished - 2008

Cita questo

Parlato, L. (2008). Commento agli artt. 278 e 279 c.p.p. In Commento al Codice di Procedura Penale (pagg. 1132-1155)