Come un aquilone. Intervista a Tito D’Emilio. Storia (del design) di un imprenditore di successo

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Tito D’Emilio riceve nel 2008 il Compasso d’Oro alla Carriera. Non è un designer; è un rivenditore, il primo – unico – rivenditore a essere insignito della massima onorificenza del design. Instancabile scopritore di tesori, ossessionato dall’idea di qualità come perfezione tecno-estetica, dagli anni sessanta ha traghettato in Sicilia alcuni formidabili arredi ancor prima che questi divenissero icone del design italiano, contribuendo così a diffondere la cultura del progetto in luoghi geograficamente disagiati. È un’avventura brillante, quella di Tito D’Emilio, condotta nella terra di mezzo, tra la produzione e il consumo, una soglia che, dal mondo così com’è, segna l’ingresso in un mondo sapientemente progettato, più bello e funzionale, dove la fantasia coincide con l’innovazione tecnica e dove tutto è facile, armonico e leggero. Intervista a Tito D’Emilio: la storia del design raccontata da un punto di vista eccentrico, quello di un rivenditore colto, che ha saputo guardare lontano e volare alto, come un aquilone.
Lingua originaleItalian
EditoreLetteraVentidue
Numero di pagine80
ISBN (stampa)978-88-6242-176-8
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Cita questo

@book{0c3b0ef498fd4a3aae2d8a1a1f5825e8,
title = "Come un aquilone. Intervista a Tito D’Emilio. Storia (del design) di un imprenditore di successo",
abstract = "Tito D’Emilio riceve nel 2008 il Compasso d’Oro alla Carriera. Non {\`e} un designer; {\`e} un rivenditore, il primo – unico – rivenditore a essere insignito della massima onorificenza del design. Instancabile scopritore di tesori, ossessionato dall’idea di qualit{\`a} come perfezione tecno-estetica, dagli anni sessanta ha traghettato in Sicilia alcuni formidabili arredi ancor prima che questi divenissero icone del design italiano, contribuendo cos{\`i} a diffondere la cultura del progetto in luoghi geograficamente disagiati. {\`E} un’avventura brillante, quella di Tito D’Emilio, condotta nella terra di mezzo, tra la produzione e il consumo, una soglia che, dal mondo cos{\`i} com’{\`e}, segna l’ingresso in un mondo sapientemente progettato, pi{\`u} bello e funzionale, dove la fantasia coincide con l’innovazione tecnica e dove tutto {\`e} facile, armonico e leggero. Intervista a Tito D’Emilio: la storia del design raccontata da un punto di vista eccentrico, quello di un rivenditore colto, che ha saputo guardare lontano e volare alto, come un aquilone.",
author = "Dario Russo",
year = "2015",
language = "Italian",
isbn = "978-88-6242-176-8",
publisher = "LetteraVentidue",

}

TY - BOOK

T1 - Come un aquilone. Intervista a Tito D’Emilio. Storia (del design) di un imprenditore di successo

AU - Russo, Dario

PY - 2015

Y1 - 2015

N2 - Tito D’Emilio riceve nel 2008 il Compasso d’Oro alla Carriera. Non è un designer; è un rivenditore, il primo – unico – rivenditore a essere insignito della massima onorificenza del design. Instancabile scopritore di tesori, ossessionato dall’idea di qualità come perfezione tecno-estetica, dagli anni sessanta ha traghettato in Sicilia alcuni formidabili arredi ancor prima che questi divenissero icone del design italiano, contribuendo così a diffondere la cultura del progetto in luoghi geograficamente disagiati. È un’avventura brillante, quella di Tito D’Emilio, condotta nella terra di mezzo, tra la produzione e il consumo, una soglia che, dal mondo così com’è, segna l’ingresso in un mondo sapientemente progettato, più bello e funzionale, dove la fantasia coincide con l’innovazione tecnica e dove tutto è facile, armonico e leggero. Intervista a Tito D’Emilio: la storia del design raccontata da un punto di vista eccentrico, quello di un rivenditore colto, che ha saputo guardare lontano e volare alto, come un aquilone.

AB - Tito D’Emilio riceve nel 2008 il Compasso d’Oro alla Carriera. Non è un designer; è un rivenditore, il primo – unico – rivenditore a essere insignito della massima onorificenza del design. Instancabile scopritore di tesori, ossessionato dall’idea di qualità come perfezione tecno-estetica, dagli anni sessanta ha traghettato in Sicilia alcuni formidabili arredi ancor prima che questi divenissero icone del design italiano, contribuendo così a diffondere la cultura del progetto in luoghi geograficamente disagiati. È un’avventura brillante, quella di Tito D’Emilio, condotta nella terra di mezzo, tra la produzione e il consumo, una soglia che, dal mondo così com’è, segna l’ingresso in un mondo sapientemente progettato, più bello e funzionale, dove la fantasia coincide con l’innovazione tecnica e dove tutto è facile, armonico e leggero. Intervista a Tito D’Emilio: la storia del design raccontata da un punto di vista eccentrico, quello di un rivenditore colto, che ha saputo guardare lontano e volare alto, come un aquilone.

UR - http://hdl.handle.net/10447/223629

M3 - Book

SN - 978-88-6242-176-8

BT - Come un aquilone. Intervista a Tito D’Emilio. Storia (del design) di un imprenditore di successo

PB - LetteraVentidue

ER -