Chiese della Kalsa tra XV e XVI secolo

Risultato della ricerca: Otherpeer review

Abstract

Tra la fine del XV secolo e la prima metà del successivo l’area della Kalsa venne interessata da un sorprendente numero di nuovi cantieri religiosi. Le ragioni di questo frenetico dinamismo costruttivo sono da ricercare innanzitutto nell'attrattiva scaturita dall’area gravitante intorno alla corte viceregia (Steri)e nell’attività di patrocinio devozionale esercitata da aristocratici e mercanti.Sussiste un'interessante, quanto spesso superficialmente trascurata, diversificazione tipologica delle fabbriche religiose (a secondo della loro funzione, della committenza edell’uso) e a un processo tumultuoso di scarti, di sperimentazioni e di fitto interscambio di esperienze.Sarà bene estendere lo sguardo anche agli operatori del cantiere, poiché appare oramai flagrante l’egemonia di alcune figure professionali il cui ruolo e protagonismo emerge attraverso la documentazione.Tra tutti domina senz’altro il maestro Antonio Belguardo, singolare figura di tecnico e di professionista legato alla tradizione dei “fabricatores”, che nell’arco di alcuni decenni cumula un'impressionante serie di incarichi. Non mancano però i segnali di novità, e il coinvolgimento di scultorie di intagliatori nella progettazione di nuove chiese fa intuire anche i sovvertimenti e le trame sotterranee che, anche a Palermo, stanno minando alla base compiti, ruolo e formazione degli “architetti”.
Lingua originaleItalian
Pagine119-125
Numero di pagine7
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Cita questo