Caraibi: un "archipel inachevé"

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

L’etichetta “Letterature franco-caraibica” utilizzata, per convenzione, dalla critica per indicare unitariamente la produzione letteraria in lingua francese della regione centrale del Continente americano è assai impropria. La regione dei Caraibi abbraccia, infatti, sia alcune delle isole dell’arcipelago delle Piccole Antille (Martinica, Guadalupa), sia l’isola di Haïti, che fa parte delle Grandi Antille, che la Guiana incastonata sulla costa orientale dell’America meridionale. Pur nella diversità dei movimenti ideologici e degli avvenimenti storici che si sono succeduti nella regione, le opere letterarie degli scrittori caraibici francofoni, nel loro insieme, hanno oscillato, e continuano ad oscillare tra due tendenze: quella del radicamento nella tradizione e quella della fuga. Gli scrittori attingono sia dalla tradizione orale, che dalla letteratura francese, che a quella africana, mostrandosi aperti al confronto e al dialogo con le altre tradizioni letterarie e culturali, allo scopo di creare una forma narrativa che possa corrispondere alle molteplici eredità di quelle composite popolazioni. Qui, il sincretismo culturale che si è creato consente di riconoscersi in una identità comune in nome di tutto ciò che l'Occidente avrebbe voluto estinguere. Il comun denominatore sembra inverarsi nel contraddittorio risultato di incontri coraggiosi, ma pericolosi, di curiosità che possono condurre a conflitti, ad esclusioni. Si tratta di un’identità di frontiera; di un’identità in bilico, squilibrata, che dichiara nel suo colore, nella sua lingua un mescolamento ‘imperfetto’ che è ancora in corso.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteOrientarsi sulle letterature francofone extraeuropee
Pagine1-81
Numero di pagine81
Stato di pubblicazionePublished - 2018

Serie di pubblicazioni

NomeRIFRAZIONI LETTERARIE

Cita questo

Restuccia, L. (2018). Caraibi: un "archipel inachevé". In Orientarsi sulle letterature francofone extraeuropee (pagg. 1-81). (RIFRAZIONI LETTERARIE).

Caraibi: un "archipel inachevé". / Restuccia, Laura.

Orientarsi sulle letterature francofone extraeuropee. 2018. pag. 1-81 (RIFRAZIONI LETTERARIE).

Risultato della ricerca: Chapter

Restuccia, L 2018, Caraibi: un "archipel inachevé". in Orientarsi sulle letterature francofone extraeuropee. RIFRAZIONI LETTERARIE, pagg. 1-81.
Restuccia L. Caraibi: un "archipel inachevé". In Orientarsi sulle letterature francofone extraeuropee. 2018. pag. 1-81. (RIFRAZIONI LETTERARIE).
Restuccia, Laura. / Caraibi: un "archipel inachevé". Orientarsi sulle letterature francofone extraeuropee. 2018. pagg. 1-81 (RIFRAZIONI LETTERARIE).
@inbook{d81ea3fef09540a0a8c9a454300c79ba,
title = "Caraibi: un {"}archipel inachev{\'e}{"}",
abstract = "L’etichetta “Letterature franco-caraibica” utilizzata, per convenzione, dalla critica per indicare unitariamente la produzione letteraria in lingua francese della regione centrale del Continente americano {\`e} assai impropria. La regione dei Caraibi abbraccia, infatti, sia alcune delle isole dell’arcipelago delle Piccole Antille (Martinica, Guadalupa), sia l’isola di Ha{\"i}ti, che fa parte delle Grandi Antille, che la Guiana incastonata sulla costa orientale dell’America meridionale. Pur nella diversit{\`a} dei movimenti ideologici e degli avvenimenti storici che si sono succeduti nella regione, le opere letterarie degli scrittori caraibici francofoni, nel loro insieme, hanno oscillato, e continuano ad oscillare tra due tendenze: quella del radicamento nella tradizione e quella della fuga. Gli scrittori attingono sia dalla tradizione orale, che dalla letteratura francese, che a quella africana, mostrandosi aperti al confronto e al dialogo con le altre tradizioni letterarie e culturali, allo scopo di creare una forma narrativa che possa corrispondere alle molteplici eredit{\`a} di quelle composite popolazioni. Qui, il sincretismo culturale che si {\`e} creato consente di riconoscersi in una identit{\`a} comune in nome di tutto ci{\`o} che l'Occidente avrebbe voluto estinguere. Il comun denominatore sembra inverarsi nel contraddittorio risultato di incontri coraggiosi, ma pericolosi, di curiosit{\`a} che possono condurre a conflitti, ad esclusioni. Si tratta di un’identit{\`a} di frontiera; di un’identit{\`a} in bilico, squilibrata, che dichiara nel suo colore, nella sua lingua un mescolamento ‘imperfetto’ che {\`e} ancora in corso.",
author = "Laura Restuccia",
year = "2018",
language = "Italian",
isbn = "978-88-99934-92-7",
series = "RIFRAZIONI LETTERARIE",
pages = "1--81",
booktitle = "Orientarsi sulle letterature francofone extraeuropee",

}

TY - CHAP

T1 - Caraibi: un "archipel inachevé"

AU - Restuccia, Laura

PY - 2018

Y1 - 2018

N2 - L’etichetta “Letterature franco-caraibica” utilizzata, per convenzione, dalla critica per indicare unitariamente la produzione letteraria in lingua francese della regione centrale del Continente americano è assai impropria. La regione dei Caraibi abbraccia, infatti, sia alcune delle isole dell’arcipelago delle Piccole Antille (Martinica, Guadalupa), sia l’isola di Haïti, che fa parte delle Grandi Antille, che la Guiana incastonata sulla costa orientale dell’America meridionale. Pur nella diversità dei movimenti ideologici e degli avvenimenti storici che si sono succeduti nella regione, le opere letterarie degli scrittori caraibici francofoni, nel loro insieme, hanno oscillato, e continuano ad oscillare tra due tendenze: quella del radicamento nella tradizione e quella della fuga. Gli scrittori attingono sia dalla tradizione orale, che dalla letteratura francese, che a quella africana, mostrandosi aperti al confronto e al dialogo con le altre tradizioni letterarie e culturali, allo scopo di creare una forma narrativa che possa corrispondere alle molteplici eredità di quelle composite popolazioni. Qui, il sincretismo culturale che si è creato consente di riconoscersi in una identità comune in nome di tutto ciò che l'Occidente avrebbe voluto estinguere. Il comun denominatore sembra inverarsi nel contraddittorio risultato di incontri coraggiosi, ma pericolosi, di curiosità che possono condurre a conflitti, ad esclusioni. Si tratta di un’identità di frontiera; di un’identità in bilico, squilibrata, che dichiara nel suo colore, nella sua lingua un mescolamento ‘imperfetto’ che è ancora in corso.

AB - L’etichetta “Letterature franco-caraibica” utilizzata, per convenzione, dalla critica per indicare unitariamente la produzione letteraria in lingua francese della regione centrale del Continente americano è assai impropria. La regione dei Caraibi abbraccia, infatti, sia alcune delle isole dell’arcipelago delle Piccole Antille (Martinica, Guadalupa), sia l’isola di Haïti, che fa parte delle Grandi Antille, che la Guiana incastonata sulla costa orientale dell’America meridionale. Pur nella diversità dei movimenti ideologici e degli avvenimenti storici che si sono succeduti nella regione, le opere letterarie degli scrittori caraibici francofoni, nel loro insieme, hanno oscillato, e continuano ad oscillare tra due tendenze: quella del radicamento nella tradizione e quella della fuga. Gli scrittori attingono sia dalla tradizione orale, che dalla letteratura francese, che a quella africana, mostrandosi aperti al confronto e al dialogo con le altre tradizioni letterarie e culturali, allo scopo di creare una forma narrativa che possa corrispondere alle molteplici eredità di quelle composite popolazioni. Qui, il sincretismo culturale che si è creato consente di riconoscersi in una identità comune in nome di tutto ciò che l'Occidente avrebbe voluto estinguere. Il comun denominatore sembra inverarsi nel contraddittorio risultato di incontri coraggiosi, ma pericolosi, di curiosità che possono condurre a conflitti, ad esclusioni. Si tratta di un’identità di frontiera; di un’identità in bilico, squilibrata, che dichiara nel suo colore, nella sua lingua un mescolamento ‘imperfetto’ che è ancora in corso.

UR - http://hdl.handle.net/10447/276716

M3 - Chapter

SN - 978-88-99934-92-7

T3 - RIFRAZIONI LETTERARIE

SP - 1

EP - 81

BT - Orientarsi sulle letterature francofone extraeuropee

ER -