Camillo Sbarbaro poeta e scienziato

Lavinia Spalanca

Risultato della ricerca: Articlepeer review

Abstract

Poesia e scienza, lungi dal configurarsi come due monadi impenetrabili, rivelano ad un’attenta e non pregiudizievole lettura molteplici implicazioni. Specie nell’opera di Camillo Sbarbaro, raccoglitore e studioso di licheni per oltre trent’anni. Proprio la sua passione collezionistica è qui analizzata, secondo un’ottica intertestuale, in un dialogo a distanza con l’entomologia poetica di Guido Gozzano, accomunato al poeta ligure da un analogo interesse estetico-scientifico per la natura. Ne deriva l’individuazione di complesse simbologie, in una dialettica costante fra tenacia e precarietà dell’esistenza, oggettivati rispettivamente dal lichene e dalla farfalla. L’articolo è arricchito dalla riproduzione digitale di tre inventari lichenologici sbarbariani.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine13
RivistaBOLLETTINO '900
Volume1-2
Stato di pubblicazionePublished - 2010
Pubblicato esternamenteYes

Cita questo