Boschi di neoformazione in Italia: approfondimenti conoscitivi e orientamenti gestionali

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Nelle regioni meridionali, e in Sicilia in particolare, la fisionomia della vegetazione forestale post-abbandono è quella della macchia o arbusteto che difficilmente evolve verso un bosco propriamente detto. Il processo evolutivo della vegetazione spesso non raggiunge lo stadio di bosco non perché le condizioni ambientali non lo consentano ma per due ragioni fondamentali: i disturbi, in particolare gli incendi e il pascolo, e le limitazioni nell’arrivo di propaguli, causate dalla mancanza di piante madri, dei dispersori dei semi o entrambi. Infatti, in contesti favorevoli (assenza di disturbi e arrivo dei propaguli) la vegetazione evolve sino al bosco. Le formazioni preforestali frutto dei processi di successione secondaria occupano superfici significative e sono conseguenza del fenomeno dell’abbandono dell’agricoltura iniziato alla seconda metà del secolo scorso e che ha interessato tutta l’Europa. Alcune azioni per ridurre i fattori negativi ed esaltare invece i vantaggi ambientali sono possibili per i boschi degli ambienti mediterranei. Tra queste, la trasformazione dei boschi di neoformazione in sistemi agroforestali, e più propriamente silvopastorali, utilizzando la parte aerea delle specie arboree e arbustive e mantenendo piccoli nuclei di specie spontanee utili alla fauna selvatica (a esempio, specie con frutti carnosi) senza lasciare che esse dominino la vegetazione erbacea. Ciò consentirebbe una valorizzazione delle superfici innanzitutto come pascoli, ma non si esclude l’utilizzazione come legna da ardere della componente arborea e, in certi casi, dei prodotti ottenibili (a esempio, manna, mandorle, carrube, nocciole). Altra possibilità per non disperdere i vantaggi consisterebbe nel mettere a coltura gli ex coltivi adottando tecniche alternative che non disperdano il carbonio accumulato. Su questo aspetto esistono già esperienze: ciò potrebbe inoltre ridurre la conflittualità tra gli enti gestori delle aree protette, restii a consentire un ritorno alla coltivazione, e gli agricoltori nonché i sostenitori della necessità di tutelare i paesaggi agrari.
Lingua originaleItalian
EditoreConsiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA)
Numero di pagine61
ISBN (stampa)978-88-3385-015-3
Stato di pubblicazionePublished - 2019

Cita questo

Da Silveira Bueno, R., La Mantia, T., & Badalamenti, E. (2019). Boschi di neoformazione in Italia: approfondimenti conoscitivi e orientamenti gestionali. Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA).

Boschi di neoformazione in Italia: approfondimenti conoscitivi e orientamenti gestionali. / Da Silveira Bueno, Rafael; La Mantia, Tommaso; Badalamenti, Emilio.

Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA), 2019. 61 pag.

Risultato della ricerca: Book

Da Silveira Bueno, R, La Mantia, T & Badalamenti, E 2019, Boschi di neoformazione in Italia: approfondimenti conoscitivi e orientamenti gestionali. Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA).
Da Silveira Bueno R, La Mantia T, Badalamenti E. Boschi di neoformazione in Italia: approfondimenti conoscitivi e orientamenti gestionali. Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA), 2019. 61 pag.
Da Silveira Bueno, Rafael ; La Mantia, Tommaso ; Badalamenti, Emilio. / Boschi di neoformazione in Italia: approfondimenti conoscitivi e orientamenti gestionali. Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA), 2019. 61 pag.
@book{f44f52be305040e683dd459875cf0dd9,
title = "Boschi di neoformazione in Italia: approfondimenti conoscitivi e orientamenti gestionali",
abstract = "Nelle regioni meridionali, e in Sicilia in particolare, la fisionomia della vegetazione forestale post-abbandono {\`e} quella della macchia o arbusteto che difficilmente evolve verso un bosco propriamente detto. Il processo evolutivo della vegetazione spesso non raggiunge lo stadio di bosco non perch{\'e} le condizioni ambientali non lo consentano ma per due ragioni fondamentali: i disturbi, in particolare gli incendi e il pascolo, e le limitazioni nell’arrivo di propaguli, causate dalla mancanza di piante madri, dei dispersori dei semi o entrambi. Infatti, in contesti favorevoli (assenza di disturbi e arrivo dei propaguli) la vegetazione evolve sino al bosco. Le formazioni preforestali frutto dei processi di successione secondaria occupano superfici significative e sono conseguenza del fenomeno dell’abbandono dell’agricoltura iniziato alla seconda met{\`a} del secolo scorso e che ha interessato tutta l’Europa. Alcune azioni per ridurre i fattori negativi ed esaltare invece i vantaggi ambientali sono possibili per i boschi degli ambienti mediterranei. Tra queste, la trasformazione dei boschi di neoformazione in sistemi agroforestali, e pi{\`u} propriamente silvopastorali, utilizzando la parte aerea delle specie arboree e arbustive e mantenendo piccoli nuclei di specie spontanee utili alla fauna selvatica (a esempio, specie con frutti carnosi) senza lasciare che esse dominino la vegetazione erbacea. Ci{\`o} consentirebbe una valorizzazione delle superfici innanzitutto come pascoli, ma non si esclude l’utilizzazione come legna da ardere della componente arborea e, in certi casi, dei prodotti ottenibili (a esempio, manna, mandorle, carrube, nocciole). Altra possibilit{\`a} per non disperdere i vantaggi consisterebbe nel mettere a coltura gli ex coltivi adottando tecniche alternative che non disperdano il carbonio accumulato. Su questo aspetto esistono gi{\`a} esperienze: ci{\`o} potrebbe inoltre ridurre la conflittualit{\`a} tra gli enti gestori delle aree protette, restii a consentire un ritorno alla coltivazione, e gli agricoltori nonch{\'e} i sostenitori della necessit{\`a} di tutelare i paesaggi agrari.",
author = "{Da Silveira Bueno}, Rafael and {La Mantia}, Tommaso and Emilio Badalamenti",
year = "2019",
language = "Italian",
isbn = "978-88-3385-015-3",
publisher = "Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA)",

}

TY - BOOK

T1 - Boschi di neoformazione in Italia: approfondimenti conoscitivi e orientamenti gestionali

AU - Da Silveira Bueno, Rafael

AU - La Mantia, Tommaso

AU - Badalamenti, Emilio

PY - 2019

Y1 - 2019

N2 - Nelle regioni meridionali, e in Sicilia in particolare, la fisionomia della vegetazione forestale post-abbandono è quella della macchia o arbusteto che difficilmente evolve verso un bosco propriamente detto. Il processo evolutivo della vegetazione spesso non raggiunge lo stadio di bosco non perché le condizioni ambientali non lo consentano ma per due ragioni fondamentali: i disturbi, in particolare gli incendi e il pascolo, e le limitazioni nell’arrivo di propaguli, causate dalla mancanza di piante madri, dei dispersori dei semi o entrambi. Infatti, in contesti favorevoli (assenza di disturbi e arrivo dei propaguli) la vegetazione evolve sino al bosco. Le formazioni preforestali frutto dei processi di successione secondaria occupano superfici significative e sono conseguenza del fenomeno dell’abbandono dell’agricoltura iniziato alla seconda metà del secolo scorso e che ha interessato tutta l’Europa. Alcune azioni per ridurre i fattori negativi ed esaltare invece i vantaggi ambientali sono possibili per i boschi degli ambienti mediterranei. Tra queste, la trasformazione dei boschi di neoformazione in sistemi agroforestali, e più propriamente silvopastorali, utilizzando la parte aerea delle specie arboree e arbustive e mantenendo piccoli nuclei di specie spontanee utili alla fauna selvatica (a esempio, specie con frutti carnosi) senza lasciare che esse dominino la vegetazione erbacea. Ciò consentirebbe una valorizzazione delle superfici innanzitutto come pascoli, ma non si esclude l’utilizzazione come legna da ardere della componente arborea e, in certi casi, dei prodotti ottenibili (a esempio, manna, mandorle, carrube, nocciole). Altra possibilità per non disperdere i vantaggi consisterebbe nel mettere a coltura gli ex coltivi adottando tecniche alternative che non disperdano il carbonio accumulato. Su questo aspetto esistono già esperienze: ciò potrebbe inoltre ridurre la conflittualità tra gli enti gestori delle aree protette, restii a consentire un ritorno alla coltivazione, e gli agricoltori nonché i sostenitori della necessità di tutelare i paesaggi agrari.

AB - Nelle regioni meridionali, e in Sicilia in particolare, la fisionomia della vegetazione forestale post-abbandono è quella della macchia o arbusteto che difficilmente evolve verso un bosco propriamente detto. Il processo evolutivo della vegetazione spesso non raggiunge lo stadio di bosco non perché le condizioni ambientali non lo consentano ma per due ragioni fondamentali: i disturbi, in particolare gli incendi e il pascolo, e le limitazioni nell’arrivo di propaguli, causate dalla mancanza di piante madri, dei dispersori dei semi o entrambi. Infatti, in contesti favorevoli (assenza di disturbi e arrivo dei propaguli) la vegetazione evolve sino al bosco. Le formazioni preforestali frutto dei processi di successione secondaria occupano superfici significative e sono conseguenza del fenomeno dell’abbandono dell’agricoltura iniziato alla seconda metà del secolo scorso e che ha interessato tutta l’Europa. Alcune azioni per ridurre i fattori negativi ed esaltare invece i vantaggi ambientali sono possibili per i boschi degli ambienti mediterranei. Tra queste, la trasformazione dei boschi di neoformazione in sistemi agroforestali, e più propriamente silvopastorali, utilizzando la parte aerea delle specie arboree e arbustive e mantenendo piccoli nuclei di specie spontanee utili alla fauna selvatica (a esempio, specie con frutti carnosi) senza lasciare che esse dominino la vegetazione erbacea. Ciò consentirebbe una valorizzazione delle superfici innanzitutto come pascoli, ma non si esclude l’utilizzazione come legna da ardere della componente arborea e, in certi casi, dei prodotti ottenibili (a esempio, manna, mandorle, carrube, nocciole). Altra possibilità per non disperdere i vantaggi consisterebbe nel mettere a coltura gli ex coltivi adottando tecniche alternative che non disperdano il carbonio accumulato. Su questo aspetto esistono già esperienze: ciò potrebbe inoltre ridurre la conflittualità tra gli enti gestori delle aree protette, restii a consentire un ritorno alla coltivazione, e gli agricoltori nonché i sostenitori della necessità di tutelare i paesaggi agrari.

UR - http://hdl.handle.net/10447/366743

UR - https://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/19648

M3 - Book

SN - 978-88-3385-015-3

BT - Boschi di neoformazione in Italia: approfondimenti conoscitivi e orientamenti gestionali

PB - Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA)

ER -