Borges: Libro-Mondo e Spazio-Tempo

Risultato della ricerca: Book

Abstract

La continua tensione che esiste tra la pulsione decifratrice dell’uomo e l’incomprensibilità delle leggi che regolano l’universo è la base dialettica su cui si costruisce il discorso, dalla dinamica sapienziale, che sta alla base della metafora del Libro-mondo, nella sua più precisa accezione di Liber Naturae. Nel caso di Galileo la metafora del libro mondo serviva ad affermare, con la propria potenza dirompente, il tentativo di codificare una nuova concezione della scienza e della natura. Una nuova visione del mondo si affermava attraverso l’opposizione tra la lettura diretta del libro della natura e quella indiretta rappresentata dai libri di Aristotele. Borges utilizza la stessa metafora adoperata da Galileo per denunziare la falsa trasparenza dei meccanismi sottesi allo stesso Cosmos galileiano e rappresentare il dubbio ontologico che ne deriva. L’oscillazione continua tra realtà, finzione e sogno, tipica di tutta la produzione borgesiana - dalle poesie, ai saggi, ai racconti fino ai cuentos ensayos - proviene dalle sfuggenti proprietà che il Reale assume nel momento in cui vengono messi in discussione i principi fondamentali del paradigma interpretativo su cui si regge. In questo libro, Emanuele Leonardi «registra nell’opera di Borges una fine orditura scientifica e teorizza che la scienza, o per lo meno determinate episteme scientifiche, sono presenti, reggono e alterano la sua testualità, la animano e le conferiscono una densità che, qualora le si trascuri, risulterebbe incomprensibile. Emanuele Leonardi traccia così le relazioni tra Borges e la scienza e presenta un Borges galileiano, come se Borges avesse visto ciò che Galileo vide, o fosse penetrato nel mondo di Bertrand Russel e di Eddington, ipotesi assolutamente plausibile, visto che le opere di questi filosofi-scienziati furono divulgate nel momento in cui Borges trascendeva i limiti di una percezione localista e si apriva ad un registro di segni diversi e più inquietanti.
Lingua originaleItalian
EditoreIla palma
Numero di pagine126
ISBN (stampa)978-887704-672-7
Stato di pubblicazionePublished - 2010

Cita questo

Borges: Libro-Mondo e Spazio-Tempo. / Leonardi, Emanuele.

Ila palma, 2010. 126 pag.

Risultato della ricerca: Book

@book{3fe59fbab1384196a2c4be3b19217a66,
title = "Borges: Libro-Mondo e Spazio-Tempo",
abstract = "La continua tensione che esiste tra la pulsione decifratrice dell’uomo e l’incomprensibilit{\`a} delle leggi che regolano l’universo {\`e} la base dialettica su cui si costruisce il discorso, dalla dinamica sapienziale, che sta alla base della metafora del Libro-mondo, nella sua pi{\`u} precisa accezione di Liber Naturae. Nel caso di Galileo la metafora del libro mondo serviva ad affermare, con la propria potenza dirompente, il tentativo di codificare una nuova concezione della scienza e della natura. Una nuova visione del mondo si affermava attraverso l’opposizione tra la lettura diretta del libro della natura e quella indiretta rappresentata dai libri di Aristotele. Borges utilizza la stessa metafora adoperata da Galileo per denunziare la falsa trasparenza dei meccanismi sottesi allo stesso Cosmos galileiano e rappresentare il dubbio ontologico che ne deriva. L’oscillazione continua tra realt{\`a}, finzione e sogno, tipica di tutta la produzione borgesiana - dalle poesie, ai saggi, ai racconti fino ai cuentos ensayos - proviene dalle sfuggenti propriet{\`a} che il Reale assume nel momento in cui vengono messi in discussione i principi fondamentali del paradigma interpretativo su cui si regge. In questo libro, Emanuele Leonardi «registra nell’opera di Borges una fine orditura scientifica e teorizza che la scienza, o per lo meno determinate episteme scientifiche, sono presenti, reggono e alterano la sua testualit{\`a}, la animano e le conferiscono una densit{\`a} che, qualora le si trascuri, risulterebbe incomprensibile. Emanuele Leonardi traccia cos{\`i} le relazioni tra Borges e la scienza e presenta un Borges galileiano, come se Borges avesse visto ci{\`o} che Galileo vide, o fosse penetrato nel mondo di Bertrand Russel e di Eddington, ipotesi assolutamente plausibile, visto che le opere di questi filosofi-scienziati furono divulgate nel momento in cui Borges trascendeva i limiti di una percezione localista e si apriva ad un registro di segni diversi e pi{\`u} inquietanti.",
keywords = "Borges, epistemologia, spazio, tempo, argentina, liber naturae, libro-mondo.",
author = "Emanuele Leonardi",
year = "2010",
language = "Italian",
isbn = "978-887704-672-7",
publisher = "Ila palma",

}

TY - BOOK

T1 - Borges: Libro-Mondo e Spazio-Tempo

AU - Leonardi, Emanuele

PY - 2010

Y1 - 2010

N2 - La continua tensione che esiste tra la pulsione decifratrice dell’uomo e l’incomprensibilità delle leggi che regolano l’universo è la base dialettica su cui si costruisce il discorso, dalla dinamica sapienziale, che sta alla base della metafora del Libro-mondo, nella sua più precisa accezione di Liber Naturae. Nel caso di Galileo la metafora del libro mondo serviva ad affermare, con la propria potenza dirompente, il tentativo di codificare una nuova concezione della scienza e della natura. Una nuova visione del mondo si affermava attraverso l’opposizione tra la lettura diretta del libro della natura e quella indiretta rappresentata dai libri di Aristotele. Borges utilizza la stessa metafora adoperata da Galileo per denunziare la falsa trasparenza dei meccanismi sottesi allo stesso Cosmos galileiano e rappresentare il dubbio ontologico che ne deriva. L’oscillazione continua tra realtà, finzione e sogno, tipica di tutta la produzione borgesiana - dalle poesie, ai saggi, ai racconti fino ai cuentos ensayos - proviene dalle sfuggenti proprietà che il Reale assume nel momento in cui vengono messi in discussione i principi fondamentali del paradigma interpretativo su cui si regge. In questo libro, Emanuele Leonardi «registra nell’opera di Borges una fine orditura scientifica e teorizza che la scienza, o per lo meno determinate episteme scientifiche, sono presenti, reggono e alterano la sua testualità, la animano e le conferiscono una densità che, qualora le si trascuri, risulterebbe incomprensibile. Emanuele Leonardi traccia così le relazioni tra Borges e la scienza e presenta un Borges galileiano, come se Borges avesse visto ciò che Galileo vide, o fosse penetrato nel mondo di Bertrand Russel e di Eddington, ipotesi assolutamente plausibile, visto che le opere di questi filosofi-scienziati furono divulgate nel momento in cui Borges trascendeva i limiti di una percezione localista e si apriva ad un registro di segni diversi e più inquietanti.

AB - La continua tensione che esiste tra la pulsione decifratrice dell’uomo e l’incomprensibilità delle leggi che regolano l’universo è la base dialettica su cui si costruisce il discorso, dalla dinamica sapienziale, che sta alla base della metafora del Libro-mondo, nella sua più precisa accezione di Liber Naturae. Nel caso di Galileo la metafora del libro mondo serviva ad affermare, con la propria potenza dirompente, il tentativo di codificare una nuova concezione della scienza e della natura. Una nuova visione del mondo si affermava attraverso l’opposizione tra la lettura diretta del libro della natura e quella indiretta rappresentata dai libri di Aristotele. Borges utilizza la stessa metafora adoperata da Galileo per denunziare la falsa trasparenza dei meccanismi sottesi allo stesso Cosmos galileiano e rappresentare il dubbio ontologico che ne deriva. L’oscillazione continua tra realtà, finzione e sogno, tipica di tutta la produzione borgesiana - dalle poesie, ai saggi, ai racconti fino ai cuentos ensayos - proviene dalle sfuggenti proprietà che il Reale assume nel momento in cui vengono messi in discussione i principi fondamentali del paradigma interpretativo su cui si regge. In questo libro, Emanuele Leonardi «registra nell’opera di Borges una fine orditura scientifica e teorizza che la scienza, o per lo meno determinate episteme scientifiche, sono presenti, reggono e alterano la sua testualità, la animano e le conferiscono una densità che, qualora le si trascuri, risulterebbe incomprensibile. Emanuele Leonardi traccia così le relazioni tra Borges e la scienza e presenta un Borges galileiano, come se Borges avesse visto ciò che Galileo vide, o fosse penetrato nel mondo di Bertrand Russel e di Eddington, ipotesi assolutamente plausibile, visto che le opere di questi filosofi-scienziati furono divulgate nel momento in cui Borges trascendeva i limiti di una percezione localista e si apriva ad un registro di segni diversi e più inquietanti.

KW - Borges, epistemologia, spazio, tempo, argentina, liber naturae, libro-mondo.

UR - http://hdl.handle.net/10447/65249

M3 - Book

SN - 978-887704-672-7

BT - Borges: Libro-Mondo e Spazio-Tempo

PB - Ila palma

ER -