Barocco perduto, barocco dimenticato

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Quaranta anni ci separano dal 1968 e la distanza è ormai tale da farciscorgere relazioni, intrecci, combinazioni che i protagonisti del tempoforse non sono riusciti a intravedere. Probabilmente non c’è altro checasualità nella coincidenza tra un terremoto devastante e la “riscoperta”,o meglio la ribalta pubblica, del barocco siciliano, ottenuta attraversoil contributo di sir Anthony Blunt. Eppure questa concomitanza cronologica fortuita finisce perassumere oggi significati imprevedibili. Se la strada intrapresa è stata orientata verso l’abbandono deicentri e verso la sufficienza con cui si è guardato al passato (conalcune eccezioni e grazie in particolare a benemeriti studiosi locali),oggi il percorso può essere ripreso con altri strumenti e con aspettativelimitate alla salvaguardia della memoria e al poco che resta.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteBelice 1968-2008: barocco perduto, barocco dimenticato
Pagine7-11
Numero di pagine5
Stato di pubblicazionePublished - 2008

Cita questo