ASPETTI CLINICI DELLA MALATTIA DIVERTICOLARE

Cappello Francesco, Romeo Marcello, Tomasello Giovanni

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

La malattia diverticolare è una patologia piuttosto frequente nella popolazione occidentale. E' stimato che il 30-40% dei pazienti sottoposti ad indagini strumentali sull'apparato digerente presentino diverticoli al colon. Questi, nel 75% dei casi sono del tutto asintomatici. la diverticolosi appare strettamente connessa allo stile di vita ed alle abitudini alimentari tipiche dei paesi occidentali. a seguito di questa preferenza geografica, gli autori anglosassoni definiscono questa condizione patologica "a disease of western civilization". La diverticolosi insorge solitamente nei soggetti adulti, il trend della malattia aumenta proporzionalmente con l'età; pur tuttavia, negli ultimi anni abbiamo osservato una invesrione di tendenza e un coinvolgimento delle fasce più giovani. in questo testo specialistico vengono affrontate da parte degli autori, aventi una diversa estrazione scientifico-accademica, quelle nozioni di ordine morfologico, fisiopatologico e clinico di malattia. Fra gli elementi causali della malattia diverticolare primeggia il ruolo della dieta povera di fibre connessa alla stitichezza e all'obesità. la debolezza congenita delle pareti coliche sembra esercitare un chiaro ruolo concausale. Il problema cruciale connesso alla presenza dei diverticoli è rappresentato dalla infiammazione mucosale del diverticolo (diverticolite). questa a sua volta può condurre a tutta una serie di complicanze che necessitano l'immediato ricovero ospedaliero e l'intervento chirurgico d'urgenza. la flogosi diverticolare si correla a precise modificazioni dell'ambiente endolumiinale quali l'aumento della pressione, la scarsa presenza di fibre e soprattutto alle alterazioni quali/quantitative della flora microbica residente, conosciuta come microbiota. le più aggiornate acquisizioni scientifiche dimostrano che l'aterazione del microbiota - definita disbiosi - rappresenta l'evento trigger responsabile della attivazione del sistema linfatico intestinale mucosale -GALT (Gut associated Limphoyd tissue). Ciò innesca la sequenza di eventi di ordine immunitario e bioumorale che sostengono con 2forza e vigore" la flogosi mucosale: il diverticolo si infiamma e compare la diverticolite. Il mantenimento dello stato di eubiosi intestinale, diventa pertanto la condizione imprescindibile per mantenere il corretto trofismo e benessere mucosale. Queste acquisizioni di ordine etio-fisiopatologico consentono di aprire nuovi scenari applicativi per intravedere, nella oscurità visibile, protocolii terapeutici estremamente biocompatibili e privi di effetti collaterali, atti a prevenire la diverticolite. L'impiego di batteri - definiti probiotici - essenziali per il benessere e la funzionalità intestinale, consente di mantenere quel corretto equilibrio microbico saprofita, che protegge la mucosa da eventi flogistici. sappiamo anche che la flogosi mucosale cronico-ricorrente implementa il rischio tumorale del tratto intestinale con la compartecipazione attiva della flora enteropatogena. Il fattivo impegno a mantenere quello stato di eubiosi intestinale, unitamente alla regolare introduzione di fibre con la dieta, rappresenta quindi il messaggio prioritario, l'end point, di questo sforzo editoriale.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteLA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON: aspetti anatomo-funzionali, caratteristiche cliniche e modulazione probiotica
Pagine37-56
Numero di pagine20
Stato di pubblicazionePublished - 2013

Serie di pubblicazioni

NomeDE ARTE MEDENDI

Cita questo

Cappello Francesco, Romeo Marcello, Tomasello Giovanni (2013). ASPETTI CLINICI DELLA MALATTIA DIVERTICOLARE. In LA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON: aspetti anatomo-funzionali, caratteristiche cliniche e modulazione probiotica (pagg. 37-56). (DE ARTE MEDENDI).

ASPETTI CLINICI DELLA MALATTIA DIVERTICOLARE. / Cappello Francesco, Romeo Marcello, Tomasello Giovanni.

LA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON: aspetti anatomo-funzionali, caratteristiche cliniche e modulazione probiotica. 2013. pag. 37-56 (DE ARTE MEDENDI).

Risultato della ricerca: Chapter

Cappello Francesco, Romeo Marcello, Tomasello Giovanni 2013, ASPETTI CLINICI DELLA MALATTIA DIVERTICOLARE. in LA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON: aspetti anatomo-funzionali, caratteristiche cliniche e modulazione probiotica. DE ARTE MEDENDI, pagg. 37-56.
Cappello Francesco, Romeo Marcello, Tomasello Giovanni. ASPETTI CLINICI DELLA MALATTIA DIVERTICOLARE. In LA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON: aspetti anatomo-funzionali, caratteristiche cliniche e modulazione probiotica. 2013. pag. 37-56. (DE ARTE MEDENDI).
Cappello Francesco, Romeo Marcello, Tomasello Giovanni. / ASPETTI CLINICI DELLA MALATTIA DIVERTICOLARE. LA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON: aspetti anatomo-funzionali, caratteristiche cliniche e modulazione probiotica. 2013. pagg. 37-56 (DE ARTE MEDENDI).
@inbook{ecdd6a288a8a4599a715fdd5dec74daa,
title = "ASPETTI CLINICI DELLA MALATTIA DIVERTICOLARE",
abstract = "La malattia diverticolare {\`e} una patologia piuttosto frequente nella popolazione occidentale. E' stimato che il 30-40{\%} dei pazienti sottoposti ad indagini strumentali sull'apparato digerente presentino diverticoli al colon. Questi, nel 75{\%} dei casi sono del tutto asintomatici. la diverticolosi appare strettamente connessa allo stile di vita ed alle abitudini alimentari tipiche dei paesi occidentali. a seguito di questa preferenza geografica, gli autori anglosassoni definiscono questa condizione patologica {"}a disease of western civilization{"}. La diverticolosi insorge solitamente nei soggetti adulti, il trend della malattia aumenta proporzionalmente con l'et{\`a}; pur tuttavia, negli ultimi anni abbiamo osservato una invesrione di tendenza e un coinvolgimento delle fasce pi{\`u} giovani. in questo testo specialistico vengono affrontate da parte degli autori, aventi una diversa estrazione scientifico-accademica, quelle nozioni di ordine morfologico, fisiopatologico e clinico di malattia. Fra gli elementi causali della malattia diverticolare primeggia il ruolo della dieta povera di fibre connessa alla stitichezza e all'obesit{\`a}. la debolezza congenita delle pareti coliche sembra esercitare un chiaro ruolo concausale. Il problema cruciale connesso alla presenza dei diverticoli {\`e} rappresentato dalla infiammazione mucosale del diverticolo (diverticolite). questa a sua volta pu{\`o} condurre a tutta una serie di complicanze che necessitano l'immediato ricovero ospedaliero e l'intervento chirurgico d'urgenza. la flogosi diverticolare si correla a precise modificazioni dell'ambiente endolumiinale quali l'aumento della pressione, la scarsa presenza di fibre e soprattutto alle alterazioni quali/quantitative della flora microbica residente, conosciuta come microbiota. le pi{\`u} aggiornate acquisizioni scientifiche dimostrano che l'aterazione del microbiota - definita disbiosi - rappresenta l'evento trigger responsabile della attivazione del sistema linfatico intestinale mucosale -GALT (Gut associated Limphoyd tissue). Ci{\`o} innesca la sequenza di eventi di ordine immunitario e bioumorale che sostengono con 2forza e vigore{"} la flogosi mucosale: il diverticolo si infiamma e compare la diverticolite. Il mantenimento dello stato di eubiosi intestinale, diventa pertanto la condizione imprescindibile per mantenere il corretto trofismo e benessere mucosale. Queste acquisizioni di ordine etio-fisiopatologico consentono di aprire nuovi scenari applicativi per intravedere, nella oscurit{\`a} visibile, protocolii terapeutici estremamente biocompatibili e privi di effetti collaterali, atti a prevenire la diverticolite. L'impiego di batteri - definiti probiotici - essenziali per il benessere e la funzionalit{\`a} intestinale, consente di mantenere quel corretto equilibrio microbico saprofita, che protegge la mucosa da eventi flogistici. sappiamo anche che la flogosi mucosale cronico-ricorrente implementa il rischio tumorale del tratto intestinale con la compartecipazione attiva della flora enteropatogena. Il fattivo impegno a mantenere quello stato di eubiosi intestinale, unitamente alla regolare introduzione di fibre con la dieta, rappresenta quindi il messaggio prioritario, l'end point, di questo sforzo editoriale.",
author = "{Cappello Francesco, Romeo Marcello, Tomasello Giovanni} and {Lo Monte}, {Attilio Ignazio} and Giovanni Tomasello",
year = "2013",
language = "Italian",
isbn = "978-88-98731-02-2",
series = "DE ARTE MEDENDI",
pages = "37--56",
booktitle = "LA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON: aspetti anatomo-funzionali, caratteristiche cliniche e modulazione probiotica",

}

TY - CHAP

T1 - ASPETTI CLINICI DELLA MALATTIA DIVERTICOLARE

AU - Cappello Francesco, Romeo Marcello, Tomasello Giovanni

AU - Lo Monte, Attilio Ignazio

AU - Tomasello, Giovanni

PY - 2013

Y1 - 2013

N2 - La malattia diverticolare è una patologia piuttosto frequente nella popolazione occidentale. E' stimato che il 30-40% dei pazienti sottoposti ad indagini strumentali sull'apparato digerente presentino diverticoli al colon. Questi, nel 75% dei casi sono del tutto asintomatici. la diverticolosi appare strettamente connessa allo stile di vita ed alle abitudini alimentari tipiche dei paesi occidentali. a seguito di questa preferenza geografica, gli autori anglosassoni definiscono questa condizione patologica "a disease of western civilization". La diverticolosi insorge solitamente nei soggetti adulti, il trend della malattia aumenta proporzionalmente con l'età; pur tuttavia, negli ultimi anni abbiamo osservato una invesrione di tendenza e un coinvolgimento delle fasce più giovani. in questo testo specialistico vengono affrontate da parte degli autori, aventi una diversa estrazione scientifico-accademica, quelle nozioni di ordine morfologico, fisiopatologico e clinico di malattia. Fra gli elementi causali della malattia diverticolare primeggia il ruolo della dieta povera di fibre connessa alla stitichezza e all'obesità. la debolezza congenita delle pareti coliche sembra esercitare un chiaro ruolo concausale. Il problema cruciale connesso alla presenza dei diverticoli è rappresentato dalla infiammazione mucosale del diverticolo (diverticolite). questa a sua volta può condurre a tutta una serie di complicanze che necessitano l'immediato ricovero ospedaliero e l'intervento chirurgico d'urgenza. la flogosi diverticolare si correla a precise modificazioni dell'ambiente endolumiinale quali l'aumento della pressione, la scarsa presenza di fibre e soprattutto alle alterazioni quali/quantitative della flora microbica residente, conosciuta come microbiota. le più aggiornate acquisizioni scientifiche dimostrano che l'aterazione del microbiota - definita disbiosi - rappresenta l'evento trigger responsabile della attivazione del sistema linfatico intestinale mucosale -GALT (Gut associated Limphoyd tissue). Ciò innesca la sequenza di eventi di ordine immunitario e bioumorale che sostengono con 2forza e vigore" la flogosi mucosale: il diverticolo si infiamma e compare la diverticolite. Il mantenimento dello stato di eubiosi intestinale, diventa pertanto la condizione imprescindibile per mantenere il corretto trofismo e benessere mucosale. Queste acquisizioni di ordine etio-fisiopatologico consentono di aprire nuovi scenari applicativi per intravedere, nella oscurità visibile, protocolii terapeutici estremamente biocompatibili e privi di effetti collaterali, atti a prevenire la diverticolite. L'impiego di batteri - definiti probiotici - essenziali per il benessere e la funzionalità intestinale, consente di mantenere quel corretto equilibrio microbico saprofita, che protegge la mucosa da eventi flogistici. sappiamo anche che la flogosi mucosale cronico-ricorrente implementa il rischio tumorale del tratto intestinale con la compartecipazione attiva della flora enteropatogena. Il fattivo impegno a mantenere quello stato di eubiosi intestinale, unitamente alla regolare introduzione di fibre con la dieta, rappresenta quindi il messaggio prioritario, l'end point, di questo sforzo editoriale.

AB - La malattia diverticolare è una patologia piuttosto frequente nella popolazione occidentale. E' stimato che il 30-40% dei pazienti sottoposti ad indagini strumentali sull'apparato digerente presentino diverticoli al colon. Questi, nel 75% dei casi sono del tutto asintomatici. la diverticolosi appare strettamente connessa allo stile di vita ed alle abitudini alimentari tipiche dei paesi occidentali. a seguito di questa preferenza geografica, gli autori anglosassoni definiscono questa condizione patologica "a disease of western civilization". La diverticolosi insorge solitamente nei soggetti adulti, il trend della malattia aumenta proporzionalmente con l'età; pur tuttavia, negli ultimi anni abbiamo osservato una invesrione di tendenza e un coinvolgimento delle fasce più giovani. in questo testo specialistico vengono affrontate da parte degli autori, aventi una diversa estrazione scientifico-accademica, quelle nozioni di ordine morfologico, fisiopatologico e clinico di malattia. Fra gli elementi causali della malattia diverticolare primeggia il ruolo della dieta povera di fibre connessa alla stitichezza e all'obesità. la debolezza congenita delle pareti coliche sembra esercitare un chiaro ruolo concausale. Il problema cruciale connesso alla presenza dei diverticoli è rappresentato dalla infiammazione mucosale del diverticolo (diverticolite). questa a sua volta può condurre a tutta una serie di complicanze che necessitano l'immediato ricovero ospedaliero e l'intervento chirurgico d'urgenza. la flogosi diverticolare si correla a precise modificazioni dell'ambiente endolumiinale quali l'aumento della pressione, la scarsa presenza di fibre e soprattutto alle alterazioni quali/quantitative della flora microbica residente, conosciuta come microbiota. le più aggiornate acquisizioni scientifiche dimostrano che l'aterazione del microbiota - definita disbiosi - rappresenta l'evento trigger responsabile della attivazione del sistema linfatico intestinale mucosale -GALT (Gut associated Limphoyd tissue). Ciò innesca la sequenza di eventi di ordine immunitario e bioumorale che sostengono con 2forza e vigore" la flogosi mucosale: il diverticolo si infiamma e compare la diverticolite. Il mantenimento dello stato di eubiosi intestinale, diventa pertanto la condizione imprescindibile per mantenere il corretto trofismo e benessere mucosale. Queste acquisizioni di ordine etio-fisiopatologico consentono di aprire nuovi scenari applicativi per intravedere, nella oscurità visibile, protocolii terapeutici estremamente biocompatibili e privi di effetti collaterali, atti a prevenire la diverticolite. L'impiego di batteri - definiti probiotici - essenziali per il benessere e la funzionalità intestinale, consente di mantenere quel corretto equilibrio microbico saprofita, che protegge la mucosa da eventi flogistici. sappiamo anche che la flogosi mucosale cronico-ricorrente implementa il rischio tumorale del tratto intestinale con la compartecipazione attiva della flora enteropatogena. Il fattivo impegno a mantenere quello stato di eubiosi intestinale, unitamente alla regolare introduzione di fibre con la dieta, rappresenta quindi il messaggio prioritario, l'end point, di questo sforzo editoriale.

UR - http://hdl.handle.net/10447/86906

M3 - Chapter

SN - 978-88-98731-02-2

T3 - DE ARTE MEDENDI

SP - 37

EP - 56

BT - LA MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON: aspetti anatomo-funzionali, caratteristiche cliniche e modulazione probiotica

ER -