Archiviazione o cestinazione delle pseudo notizie di reato: un problema ancora irrisolto

Risultato della ricerca: Article

Abstract

L'Autrice affronta il problema della c.d. cestinazione del pubblico ministero, quale strada alternativa a quella ortodossa dell'archiviazione. Sono messi in risalto i rischi connessi a un potere autonomo, privo di un qualsiasi controllo, né giurisdizionale né gerarchico, in capo al pubblico ministero di cestinare quelle informative che prima facie non sembrano rivestire alcuna rilevanza penale. Potere che sembra trovare un riconoscimento nell'istituzione del registro, il c.d. mod. 45, ove il titolare dell'azione penale è tenuto a iscrivere le c.d. pseudo notizie di reato. La violazione del principio di obbligatorietà sancito dall'art. 112 Cost. sembra potersi paventare laddove sia lasciata alla discrezionalità dell'organo inquirente la scelta se iscrivere l'informativa pervenuta in procura nel registro mod. 45 o in quello previsto dall'art. 335 c.p.p. Solo in tale ultimo caso, infatti, cominciano a decorrere i tempi delle indagini preliminari, che verrebbero, invece, aggirati nell'ipotesi di un uso strumentale del registro delle altre notizie di reato (mod. 45).
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)3464-3475
Numero di pagine12
RivistaCASSAZIONE PENALE
Stato di pubblicazionePublished - 2000

Cita questo

@article{463d24bfb57f42fca4b35e87f3d885de,
title = "Archiviazione o cestinazione delle pseudo notizie di reato: un problema ancora irrisolto",
abstract = "L'Autrice affronta il problema della c.d. cestinazione del pubblico ministero, quale strada alternativa a quella ortodossa dell'archiviazione. Sono messi in risalto i rischi connessi a un potere autonomo, privo di un qualsiasi controllo, n{\'e} giurisdizionale n{\'e} gerarchico, in capo al pubblico ministero di cestinare quelle informative che prima facie non sembrano rivestire alcuna rilevanza penale. Potere che sembra trovare un riconoscimento nell'istituzione del registro, il c.d. mod. 45, ove il titolare dell'azione penale {\`e} tenuto a iscrivere le c.d. pseudo notizie di reato. La violazione del principio di obbligatoriet{\`a} sancito dall'art. 112 Cost. sembra potersi paventare laddove sia lasciata alla discrezionalit{\`a} dell'organo inquirente la scelta se iscrivere l'informativa pervenuta in procura nel registro mod. 45 o in quello previsto dall'art. 335 c.p.p. Solo in tale ultimo caso, infatti, cominciano a decorrere i tempi delle indagini preliminari, che verrebbero, invece, aggirati nell'ipotesi di un uso strumentale del registro delle altre notizie di reato (mod. 45).",
keywords = "Azione penale - Pubblico ministero - Controllo giurisdizionale - Pseudonotixe di reato - Registro mod. 45 - Obbligatoriet{\`a} dell'azione penale - Discrezionalit{\`a} - Tempi di indagine",
author = "Caterina Scaccianoce",
year = "2000",
language = "Italian",
pages = "3464--3475",
journal = "CASSAZIONE PENALE",
issn = "1125-856X",

}

TY - JOUR

T1 - Archiviazione o cestinazione delle pseudo notizie di reato: un problema ancora irrisolto

AU - Scaccianoce, Caterina

PY - 2000

Y1 - 2000

N2 - L'Autrice affronta il problema della c.d. cestinazione del pubblico ministero, quale strada alternativa a quella ortodossa dell'archiviazione. Sono messi in risalto i rischi connessi a un potere autonomo, privo di un qualsiasi controllo, né giurisdizionale né gerarchico, in capo al pubblico ministero di cestinare quelle informative che prima facie non sembrano rivestire alcuna rilevanza penale. Potere che sembra trovare un riconoscimento nell'istituzione del registro, il c.d. mod. 45, ove il titolare dell'azione penale è tenuto a iscrivere le c.d. pseudo notizie di reato. La violazione del principio di obbligatorietà sancito dall'art. 112 Cost. sembra potersi paventare laddove sia lasciata alla discrezionalità dell'organo inquirente la scelta se iscrivere l'informativa pervenuta in procura nel registro mod. 45 o in quello previsto dall'art. 335 c.p.p. Solo in tale ultimo caso, infatti, cominciano a decorrere i tempi delle indagini preliminari, che verrebbero, invece, aggirati nell'ipotesi di un uso strumentale del registro delle altre notizie di reato (mod. 45).

AB - L'Autrice affronta il problema della c.d. cestinazione del pubblico ministero, quale strada alternativa a quella ortodossa dell'archiviazione. Sono messi in risalto i rischi connessi a un potere autonomo, privo di un qualsiasi controllo, né giurisdizionale né gerarchico, in capo al pubblico ministero di cestinare quelle informative che prima facie non sembrano rivestire alcuna rilevanza penale. Potere che sembra trovare un riconoscimento nell'istituzione del registro, il c.d. mod. 45, ove il titolare dell'azione penale è tenuto a iscrivere le c.d. pseudo notizie di reato. La violazione del principio di obbligatorietà sancito dall'art. 112 Cost. sembra potersi paventare laddove sia lasciata alla discrezionalità dell'organo inquirente la scelta se iscrivere l'informativa pervenuta in procura nel registro mod. 45 o in quello previsto dall'art. 335 c.p.p. Solo in tale ultimo caso, infatti, cominciano a decorrere i tempi delle indagini preliminari, che verrebbero, invece, aggirati nell'ipotesi di un uso strumentale del registro delle altre notizie di reato (mod. 45).

KW - Azione penale - Pubblico ministero - Controllo giurisdizionale - Pseudonotixe di reato - Registro mod. 45 - Obbligatorietà dell'azione penale - Discrezionalità - Tempi di indagine

UR - http://hdl.handle.net/10447/282360

M3 - Article

SP - 3464

EP - 3475

JO - CASSAZIONE PENALE

JF - CASSAZIONE PENALE

SN - 1125-856X

ER -