Architettura per interno solo

    Risultato della ricerca: Articlepeer review

    Abstract

    Per una volta, bisognava ribaltare il punto di osservazione. Entrare nel merito del progetto centrando l’oggetto assieme a tutte le sue implicazioni materiali, e presupporne delle relazioni con l’esterno non più in forza della continuità o biunivocità proprie di un corpo estroverso e introverso a un tempo (quale è quello dell'architettura per la città). Per una volta, l’entità fisica – e spirituale – il cui interno ed esterno dovevano costituire il centro del progetto, il fulcro stesso dell’architettura da allestire – trasformare, riusare, risignificare – poteva [doveva] essere “solo” il visitatore di Fiumara d’Arte [...].
    Lingua originaleItalian
    pagine (da-a)67-70
    Numero di pagine4
    RivistaE.JOURNAL
    Volume15
    Stato di pubblicazionePublished - 2013

    Cita questo