Architettura e nobiltà. I Palazzi del Settento a Palermo

Risultato della ricerca: Book

Abstract

Il volume si basa su una lunga ricerca d'archivio, svolta in circa tre anni, e sintetizzata in una corposa appendice documentaria inserita alla fine del testo, grazie alla quale è stato possibile dare una innovativa svolta allo studio delle dimore aristocratiche del centro storico di Palermo realizzate tra Seicento e Settecento. L'inedito supporto documentale, associato ai rilievi di alcuni dei palazzi più significativi, in alcuni casi realizzati ex novo dallo stesso autore (palazzo Cutò e palazzo Valguarnera Gangi) ha consentito infatti, per la prima volta in tale ambito storiografico, di ricostruire nel dettaglio l'assetto originario delle dimore, la destinazione d'uso degli ambienti e i criteri funzionali che ne regolavano la fruizione, allineando gli studi rivolti ai palazzi nobiliari di Palermo ad un livello conoscitivo già raggiunto in altri ambiti italiani ed europei. La studio svolto, sviluppando un taglio metodologico non ancora applicato in ambito locale, ha inoltre affrontato, in un ampio capitolo iniziale, il rapporto tra l'attività edificatoria rivolta all'architettura residenziale e il coevo quadro politico ed economico, ponendo in luce il legame tra la variabilità delle strategie costruttive e lo svolgersi delle vicende storiche che coinvolsero la classe dirigente siciliana del tempo, con particolare riferimento alla nobiltà parlamentare, individuata come la principale committente delle dimore più prestigiose oggetto di studio. Adeguato spazio è stato infine dedicato alla contestualizzazione del dibattito più strettamente architettonico, allo scopo di rilevare le continue e spesso complesse tangenze tra le esperienze siciliane e quelle italiane ed europee, riuscendo così, al contempo, ad individuare con efficacia i contributi più originali e i gradi di libertà raggiunti dalle architetture della capitale dell'isola nel più ampio quadro della cultura architettonica del Seicento e del Settecento.
Lingua originaleItalian
EditoreEdizioni Caracol
Numero di pagine299
ISBN (stampa)9788898546688
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Cita questo

Architettura e nobiltà. I Palazzi del Settento a Palermo. / Piazza, Stefano.

Edizioni Caracol, 2017. 299 pag.

Risultato della ricerca: Book

@book{3f8892343299486aa6f47a087f122941,
title = "Architettura e nobilt{\`a}. I Palazzi del Settento a Palermo",
abstract = "Il volume si basa su una lunga ricerca d'archivio, svolta in circa tre anni, e sintetizzata in una corposa appendice documentaria inserita alla fine del testo, grazie alla quale {\`e} stato possibile dare una innovativa svolta allo studio delle dimore aristocratiche del centro storico di Palermo realizzate tra Seicento e Settecento. L'inedito supporto documentale, associato ai rilievi di alcuni dei palazzi pi{\`u} significativi, in alcuni casi realizzati ex novo dallo stesso autore (palazzo Cut{\`o} e palazzo Valguarnera Gangi) ha consentito infatti, per la prima volta in tale ambito storiografico, di ricostruire nel dettaglio l'assetto originario delle dimore, la destinazione d'uso degli ambienti e i criteri funzionali che ne regolavano la fruizione, allineando gli studi rivolti ai palazzi nobiliari di Palermo ad un livello conoscitivo gi{\`a} raggiunto in altri ambiti italiani ed europei. La studio svolto, sviluppando un taglio metodologico non ancora applicato in ambito locale, ha inoltre affrontato, in un ampio capitolo iniziale, il rapporto tra l'attivit{\`a} edificatoria rivolta all'architettura residenziale e il coevo quadro politico ed economico, ponendo in luce il legame tra la variabilit{\`a} delle strategie costruttive e lo svolgersi delle vicende storiche che coinvolsero la classe dirigente siciliana del tempo, con particolare riferimento alla nobilt{\`a} parlamentare, individuata come la principale committente delle dimore pi{\`u} prestigiose oggetto di studio. Adeguato spazio {\`e} stato infine dedicato alla contestualizzazione del dibattito pi{\`u} strettamente architettonico, allo scopo di rilevare le continue e spesso complesse tangenze tra le esperienze siciliane e quelle italiane ed europee, riuscendo cos{\`i}, al contempo, ad individuare con efficacia i contributi pi{\`u} originali e i gradi di libert{\`a} raggiunti dalle architetture della capitale dell'isola nel pi{\`u} ampio quadro della cultura architettonica del Seicento e del Settecento.",
author = "Stefano Piazza",
year = "2017",
language = "Italian",
isbn = "9788898546688",
publisher = "Edizioni Caracol",

}

TY - BOOK

T1 - Architettura e nobiltà. I Palazzi del Settento a Palermo

AU - Piazza, Stefano

PY - 2017

Y1 - 2017

N2 - Il volume si basa su una lunga ricerca d'archivio, svolta in circa tre anni, e sintetizzata in una corposa appendice documentaria inserita alla fine del testo, grazie alla quale è stato possibile dare una innovativa svolta allo studio delle dimore aristocratiche del centro storico di Palermo realizzate tra Seicento e Settecento. L'inedito supporto documentale, associato ai rilievi di alcuni dei palazzi più significativi, in alcuni casi realizzati ex novo dallo stesso autore (palazzo Cutò e palazzo Valguarnera Gangi) ha consentito infatti, per la prima volta in tale ambito storiografico, di ricostruire nel dettaglio l'assetto originario delle dimore, la destinazione d'uso degli ambienti e i criteri funzionali che ne regolavano la fruizione, allineando gli studi rivolti ai palazzi nobiliari di Palermo ad un livello conoscitivo già raggiunto in altri ambiti italiani ed europei. La studio svolto, sviluppando un taglio metodologico non ancora applicato in ambito locale, ha inoltre affrontato, in un ampio capitolo iniziale, il rapporto tra l'attività edificatoria rivolta all'architettura residenziale e il coevo quadro politico ed economico, ponendo in luce il legame tra la variabilità delle strategie costruttive e lo svolgersi delle vicende storiche che coinvolsero la classe dirigente siciliana del tempo, con particolare riferimento alla nobiltà parlamentare, individuata come la principale committente delle dimore più prestigiose oggetto di studio. Adeguato spazio è stato infine dedicato alla contestualizzazione del dibattito più strettamente architettonico, allo scopo di rilevare le continue e spesso complesse tangenze tra le esperienze siciliane e quelle italiane ed europee, riuscendo così, al contempo, ad individuare con efficacia i contributi più originali e i gradi di libertà raggiunti dalle architetture della capitale dell'isola nel più ampio quadro della cultura architettonica del Seicento e del Settecento.

AB - Il volume si basa su una lunga ricerca d'archivio, svolta in circa tre anni, e sintetizzata in una corposa appendice documentaria inserita alla fine del testo, grazie alla quale è stato possibile dare una innovativa svolta allo studio delle dimore aristocratiche del centro storico di Palermo realizzate tra Seicento e Settecento. L'inedito supporto documentale, associato ai rilievi di alcuni dei palazzi più significativi, in alcuni casi realizzati ex novo dallo stesso autore (palazzo Cutò e palazzo Valguarnera Gangi) ha consentito infatti, per la prima volta in tale ambito storiografico, di ricostruire nel dettaglio l'assetto originario delle dimore, la destinazione d'uso degli ambienti e i criteri funzionali che ne regolavano la fruizione, allineando gli studi rivolti ai palazzi nobiliari di Palermo ad un livello conoscitivo già raggiunto in altri ambiti italiani ed europei. La studio svolto, sviluppando un taglio metodologico non ancora applicato in ambito locale, ha inoltre affrontato, in un ampio capitolo iniziale, il rapporto tra l'attività edificatoria rivolta all'architettura residenziale e il coevo quadro politico ed economico, ponendo in luce il legame tra la variabilità delle strategie costruttive e lo svolgersi delle vicende storiche che coinvolsero la classe dirigente siciliana del tempo, con particolare riferimento alla nobiltà parlamentare, individuata come la principale committente delle dimore più prestigiose oggetto di studio. Adeguato spazio è stato infine dedicato alla contestualizzazione del dibattito più strettamente architettonico, allo scopo di rilevare le continue e spesso complesse tangenze tra le esperienze siciliane e quelle italiane ed europee, riuscendo così, al contempo, ad individuare con efficacia i contributi più originali e i gradi di libertà raggiunti dalle architetture della capitale dell'isola nel più ampio quadro della cultura architettonica del Seicento e del Settecento.

UR - http://hdl.handle.net/10447/328394

M3 - Book

SN - 9788898546688

BT - Architettura e nobiltà. I Palazzi del Settento a Palermo

PB - Edizioni Caracol

ER -