ARCHEOLOGIA E ALTRO

Aprile M

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

Il paesaggio è spesso considerato come lo scenario inerte e immutabile di una serie di eventi a esso esterni e, anzi, riguardati come negativi. Al paesaggio siciliano si sovrappone, in più, l’immagine - largamente accreditata presso gli altri, ma anche condivisa dai suoi abitanti - di una Sicilia assai poco reale. Bisogna, dunque, introdurre brevemente alcuni parametri utili a orientare il discorso, prima di entrarvi nel merito e di mostrarlo sotto una forma e da un punto di vista diversi da quelli usualmente praticati. E ciò allo scopo di fornire chiavi di lettura e riferimenti rispetto a luoghi, eventi e situazioni che si devono conoscere e approfondire in ragione di una corretta valutazione dei caratteri del paesaggio. I parametri sono due, il «luogo comune» e il «mito»: si intrecciano e condizionano a vicenda, intreccio e condizionamento difficili da rompere o disattendere. E perché non si muova solo su un piano strettamente teorico, il discorso sarà integrato da immagini della Sicilia tratte sia dal patrimonio iconografico aulico che da quello comune.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteSUL PAESAGGIO - questioni, riflessioni, metodologie di progetto
Pagine73-88
Stato di pubblicazionePublished - 2007

Cita questo

Aprile M (2007). ARCHEOLOGIA E ALTRO. In SUL PAESAGGIO - questioni, riflessioni, metodologie di progetto (pagg. 73-88)

ARCHEOLOGIA E ALTRO. / Aprile M.

SUL PAESAGGIO - questioni, riflessioni, metodologie di progetto. 2007. pag. 73-88.

Risultato della ricerca: Chapter

Aprile M 2007, ARCHEOLOGIA E ALTRO. in SUL PAESAGGIO - questioni, riflessioni, metodologie di progetto. pagg. 73-88.
Aprile M. ARCHEOLOGIA E ALTRO. In SUL PAESAGGIO - questioni, riflessioni, metodologie di progetto. 2007. pag. 73-88
Aprile M. / ARCHEOLOGIA E ALTRO. SUL PAESAGGIO - questioni, riflessioni, metodologie di progetto. 2007. pagg. 73-88
@inbook{30dfbe33600341e7ae68ea914a0352ae,
title = "ARCHEOLOGIA E ALTRO",
abstract = "Il paesaggio {\`e} spesso considerato come lo scenario inerte e immutabile di una serie di eventi a esso esterni e, anzi, riguardati come negativi. Al paesaggio siciliano si sovrappone, in pi{\`u}, l’immagine - largamente accreditata presso gli altri, ma anche condivisa dai suoi abitanti - di una Sicilia assai poco reale. Bisogna, dunque, introdurre brevemente alcuni parametri utili a orientare il discorso, prima di entrarvi nel merito e di mostrarlo sotto una forma e da un punto di vista diversi da quelli usualmente praticati. E ci{\`o} allo scopo di fornire chiavi di lettura e riferimenti rispetto a luoghi, eventi e situazioni che si devono conoscere e approfondire in ragione di una corretta valutazione dei caratteri del paesaggio. I parametri sono due, il «luogo comune» e il «mito»: si intrecciano e condizionano a vicenda, intreccio e condizionamento difficili da rompere o disattendere. E perch{\'e} non si muova solo su un piano strettamente teorico, il discorso sar{\`a} integrato da immagini della Sicilia tratte sia dal patrimonio iconografico aulico che da quello comune.",
keywords = "mito, icone, paesaggio",
author = "{Aprile M} and Marcella Aprile",
year = "2007",
language = "Italian",
isbn = "9788846487827",
pages = "73--88",
booktitle = "SUL PAESAGGIO - questioni, riflessioni, metodologie di progetto",

}

TY - CHAP

T1 - ARCHEOLOGIA E ALTRO

AU - Aprile M

AU - Aprile, Marcella

PY - 2007

Y1 - 2007

N2 - Il paesaggio è spesso considerato come lo scenario inerte e immutabile di una serie di eventi a esso esterni e, anzi, riguardati come negativi. Al paesaggio siciliano si sovrappone, in più, l’immagine - largamente accreditata presso gli altri, ma anche condivisa dai suoi abitanti - di una Sicilia assai poco reale. Bisogna, dunque, introdurre brevemente alcuni parametri utili a orientare il discorso, prima di entrarvi nel merito e di mostrarlo sotto una forma e da un punto di vista diversi da quelli usualmente praticati. E ciò allo scopo di fornire chiavi di lettura e riferimenti rispetto a luoghi, eventi e situazioni che si devono conoscere e approfondire in ragione di una corretta valutazione dei caratteri del paesaggio. I parametri sono due, il «luogo comune» e il «mito»: si intrecciano e condizionano a vicenda, intreccio e condizionamento difficili da rompere o disattendere. E perché non si muova solo su un piano strettamente teorico, il discorso sarà integrato da immagini della Sicilia tratte sia dal patrimonio iconografico aulico che da quello comune.

AB - Il paesaggio è spesso considerato come lo scenario inerte e immutabile di una serie di eventi a esso esterni e, anzi, riguardati come negativi. Al paesaggio siciliano si sovrappone, in più, l’immagine - largamente accreditata presso gli altri, ma anche condivisa dai suoi abitanti - di una Sicilia assai poco reale. Bisogna, dunque, introdurre brevemente alcuni parametri utili a orientare il discorso, prima di entrarvi nel merito e di mostrarlo sotto una forma e da un punto di vista diversi da quelli usualmente praticati. E ciò allo scopo di fornire chiavi di lettura e riferimenti rispetto a luoghi, eventi e situazioni che si devono conoscere e approfondire in ragione di una corretta valutazione dei caratteri del paesaggio. I parametri sono due, il «luogo comune» e il «mito»: si intrecciano e condizionano a vicenda, intreccio e condizionamento difficili da rompere o disattendere. E perché non si muova solo su un piano strettamente teorico, il discorso sarà integrato da immagini della Sicilia tratte sia dal patrimonio iconografico aulico che da quello comune.

KW - mito, icone, paesaggio

UR - http://hdl.handle.net/10447/21584

M3 - Chapter

SN - 9788846487827

SP - 73

EP - 88

BT - SUL PAESAGGIO - questioni, riflessioni, metodologie di progetto

ER -