Apprendistato parigino

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

La mitologia della città di Parigi ritorna nelle due tarde opere cailloisiane tradotte in questo volume, Petit guide du xve arrondissement à l’usage des fantomes (1977) e Apprentissage de Paris (1978), nella forma di una scrittura non più meramente saggistica ma romanzesca e/o autobiografica. Per Caillois la lenta scoperta della “Babilonia moderna” diventa dunque inseparabile dalla conoscenza di se stesso e dalla relativa narrazione, è un percorso che arricchisce una vita intera e che si dimostrerà una componente indispensabile della scrittura autobiografica. L’architettura destinata ad accogliere i fantasmi che Caillois osserva nelle sue passeggiate parigine è dunque espressione del "fantastico architettonico", una nuova declinazione del fantastico già indagato dall'autore nella letteratura e nell'arte, nel mondo animale e minerale.In Storia di una metamorfosi racconta l'esperienza di attore protagonista nel film Petit guide du xve arrondissement à l’usage des fantomes, tratto dal suo saggio e girato da Pierre Desfons. Soltanto dopo aver girato le scene e dopo avere visto il film interamente realizzato, Caillois si rende conto infatti che anche la sua scrittura era non soltanto una narrazione fantastica ma anche profondamente autobiografica. Le conclusioni delle due opere qui tradotte si saldano allora perfettamente.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteRacconti parigini
Pagine241-256
Numero di pagine16
Stato di pubblicazionePublished - 2018

Cita questo

Coglitore, R. (2018). Apprendistato parigino. In Racconti parigini (pagg. 241-256)

Apprendistato parigino. / Coglitore, Roberta.

Racconti parigini. 2018. pag. 241-256.

Risultato della ricerca: Chapter

Coglitore, R 2018, Apprendistato parigino. in Racconti parigini. pagg. 241-256.
Coglitore R. Apprendistato parigino. In Racconti parigini. 2018. pag. 241-256
Coglitore, Roberta. / Apprendistato parigino. Racconti parigini. 2018. pagg. 241-256
@inbook{aa9af63e240a4cc6a203b282afb795b8,
title = "Apprendistato parigino",
abstract = "La mitologia della citt{\`a} di Parigi ritorna nelle due tarde opere cailloisiane tradotte in questo volume, Petit guide du xve arrondissement {\`a} l’usage des fantomes (1977) e Apprentissage de Paris (1978), nella forma di una scrittura non pi{\`u} meramente saggistica ma romanzesca e/o autobiografica. Per Caillois la lenta scoperta della “Babilonia moderna” diventa dunque inseparabile dalla conoscenza di se stesso e dalla relativa narrazione, {\`e} un percorso che arricchisce una vita intera e che si dimostrer{\`a} una componente indispensabile della scrittura autobiografica. L’architettura destinata ad accogliere i fantasmi che Caillois osserva nelle sue passeggiate parigine {\`e} dunque espressione del {"}fantastico architettonico{"}, una nuova declinazione del fantastico gi{\`a} indagato dall'autore nella letteratura e nell'arte, nel mondo animale e minerale.In Storia di una metamorfosi racconta l'esperienza di attore protagonista nel film Petit guide du xve arrondissement {\`a} l’usage des fantomes, tratto dal suo saggio e girato da Pierre Desfons. Soltanto dopo aver girato le scene e dopo avere visto il film interamente realizzato, Caillois si rende conto infatti che anche la sua scrittura era non soltanto una narrazione fantastica ma anche profondamente autobiografica. Le conclusioni delle due opere qui tradotte si saldano allora perfettamente.",
author = "Roberta Coglitore",
year = "2018",
language = "Italian",
isbn = "9788806239695",
pages = "241--256",
booktitle = "Racconti parigini",

}

TY - CHAP

T1 - Apprendistato parigino

AU - Coglitore, Roberta

PY - 2018

Y1 - 2018

N2 - La mitologia della città di Parigi ritorna nelle due tarde opere cailloisiane tradotte in questo volume, Petit guide du xve arrondissement à l’usage des fantomes (1977) e Apprentissage de Paris (1978), nella forma di una scrittura non più meramente saggistica ma romanzesca e/o autobiografica. Per Caillois la lenta scoperta della “Babilonia moderna” diventa dunque inseparabile dalla conoscenza di se stesso e dalla relativa narrazione, è un percorso che arricchisce una vita intera e che si dimostrerà una componente indispensabile della scrittura autobiografica. L’architettura destinata ad accogliere i fantasmi che Caillois osserva nelle sue passeggiate parigine è dunque espressione del "fantastico architettonico", una nuova declinazione del fantastico già indagato dall'autore nella letteratura e nell'arte, nel mondo animale e minerale.In Storia di una metamorfosi racconta l'esperienza di attore protagonista nel film Petit guide du xve arrondissement à l’usage des fantomes, tratto dal suo saggio e girato da Pierre Desfons. Soltanto dopo aver girato le scene e dopo avere visto il film interamente realizzato, Caillois si rende conto infatti che anche la sua scrittura era non soltanto una narrazione fantastica ma anche profondamente autobiografica. Le conclusioni delle due opere qui tradotte si saldano allora perfettamente.

AB - La mitologia della città di Parigi ritorna nelle due tarde opere cailloisiane tradotte in questo volume, Petit guide du xve arrondissement à l’usage des fantomes (1977) e Apprentissage de Paris (1978), nella forma di una scrittura non più meramente saggistica ma romanzesca e/o autobiografica. Per Caillois la lenta scoperta della “Babilonia moderna” diventa dunque inseparabile dalla conoscenza di se stesso e dalla relativa narrazione, è un percorso che arricchisce una vita intera e che si dimostrerà una componente indispensabile della scrittura autobiografica. L’architettura destinata ad accogliere i fantasmi che Caillois osserva nelle sue passeggiate parigine è dunque espressione del "fantastico architettonico", una nuova declinazione del fantastico già indagato dall'autore nella letteratura e nell'arte, nel mondo animale e minerale.In Storia di una metamorfosi racconta l'esperienza di attore protagonista nel film Petit guide du xve arrondissement à l’usage des fantomes, tratto dal suo saggio e girato da Pierre Desfons. Soltanto dopo aver girato le scene e dopo avere visto il film interamente realizzato, Caillois si rende conto infatti che anche la sua scrittura era non soltanto una narrazione fantastica ma anche profondamente autobiografica. Le conclusioni delle due opere qui tradotte si saldano allora perfettamente.

UR - http://hdl.handle.net/10447/349073

M3 - Chapter

SN - 9788806239695

SP - 241

EP - 256

BT - Racconti parigini

ER -