Applicazione di Tecniche non distruttive per la valutazione delle proprietà fisico-meccaniche dei frutti

Risultato della ricerca: Other contribution

Abstract

Negli ultimi decenni, la richiesta e il consumo crescente di prodotti alimentari di qualità hanno motivato la ricerca e lo sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche in campo agroalimentare. L’applicazione di metodi e sistemi tecnologicamente avanzati ha garantito il raggiungimento, lungo tutta la filiera, di elevati standard di qualità e di sicurezza degli alimenti. In campo ortofrutticolo è di fondamentale importanza, soprattutto nella fase di postraccolta, monitorare lo stato di salute dei prodotti deperibili trasportati poiché diversi fattori influenzano le caratteristiche organolettiche e nutrizionali dei prodotti.Oltre alle tecniche di spettroscopia NIR, il cui utilizzo nel settore nell’agroindustria èampiamente documentato nella letteratura scientifica, in questa tesi particolare attenzione èstata rivolta alla sfera strumentata, tecniche non invasive e non distruttive per il controllodella qualità dei prodotti ortofrutticoli.Le prospettive di sviluppo di questa attività di ricerca sono quelle di ottimizzarel’integrazione delle informazioni ottenute dall’applicazione delle tecniche spettroscopichecon quelle derivanti dalle tecniche analitiche standard, e di correlare i risultati delle analisidistruttive e non distruttive con i parametri di qualità. L’utilizzo della sfera strumentata inlinea permetterebbe di migliorare il monitoraggio dei danni da urto subiti dai frutti nellelinee di lavorazione ai fini dell’ottimizzazione delle linee produttive e della lungaconservazione del prodotto.Accanto agli innegabili vantaggi derivanti dall’uso delle strumentazioni NIR e sferastrumentata non si può prescindere di fare un cenno anche agli elementi che ad oggi nelimitano una diffusione a tutti i livelli della catena di produzione e distribuzione. Accantoalla problematica dell’attendibilità dei risultati, alla quale le prove sperimentali stannocercando di fornire una risposta, si pongono altre importanti questioni quali la necessità dipersonale specializzato adeguatamente formato all’utilizzo degli strumenti,all’interpretazione dei risultati e non ultimo il problema dei costi che rappresenta un limitesoprattutto nella diffusione delle strumentazioni “in linea”.Certamente andranno portate avanti altre sperimentazioni per approfondire le performancesdegli strumenti. Ed è proprio da queste considerazioni che può scaturire una spinta per unamaggiore diffusione di queste tecnologie, diffusione auspicabile in tutti gli step dellafiliera, dal campo alla vendita, al fine di ottenere garanzie di qualità del prodotto sempremaggiori.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine91
Stato di pubblicazionePublished - 2017

Cita questo

@misc{753ffe8e91b8418c8a666d58d03580ce,
title = "Applicazione di Tecniche non distruttive per la valutazione delle propriet{\`a} fisico-meccaniche dei frutti",
abstract = "Negli ultimi decenni, la richiesta e il consumo crescente di prodotti alimentari di qualit{\`a} hanno motivato la ricerca e lo sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche in campo agroalimentare. L’applicazione di metodi e sistemi tecnologicamente avanzati ha garantito il raggiungimento, lungo tutta la filiera, di elevati standard di qualit{\`a} e di sicurezza degli alimenti. In campo ortofrutticolo {\`e} di fondamentale importanza, soprattutto nella fase di postraccolta, monitorare lo stato di salute dei prodotti deperibili trasportati poich{\'e} diversi fattori influenzano le caratteristiche organolettiche e nutrizionali dei prodotti.Oltre alle tecniche di spettroscopia NIR, il cui utilizzo nel settore nell’agroindustria {\`e}ampiamente documentato nella letteratura scientifica, in questa tesi particolare attenzione {\`e}stata rivolta alla sfera strumentata, tecniche non invasive e non distruttive per il controllodella qualit{\`a} dei prodotti ortofrutticoli.Le prospettive di sviluppo di questa attivit{\`a} di ricerca sono quelle di ottimizzarel’integrazione delle informazioni ottenute dall’applicazione delle tecniche spettroscopichecon quelle derivanti dalle tecniche analitiche standard, e di correlare i risultati delle analisidistruttive e non distruttive con i parametri di qualit{\`a}. L’utilizzo della sfera strumentata inlinea permetterebbe di migliorare il monitoraggio dei danni da urto subiti dai frutti nellelinee di lavorazione ai fini dell’ottimizzazione delle linee produttive e della lungaconservazione del prodotto.Accanto agli innegabili vantaggi derivanti dall’uso delle strumentazioni NIR e sferastrumentata non si pu{\`o} prescindere di fare un cenno anche agli elementi che ad oggi nelimitano una diffusione a tutti i livelli della catena di produzione e distribuzione. Accantoalla problematica dell’attendibilit{\`a} dei risultati, alla quale le prove sperimentali stannocercando di fornire una risposta, si pongono altre importanti questioni quali la necessit{\`a} dipersonale specializzato adeguatamente formato all’utilizzo degli strumenti,all’interpretazione dei risultati e non ultimo il problema dei costi che rappresenta un limitesoprattutto nella diffusione delle strumentazioni “in linea”.Certamente andranno portate avanti altre sperimentazioni per approfondire le performancesdegli strumenti. Ed {\`e} proprio da queste considerazioni che pu{\`o} scaturire una spinta per unamaggiore diffusione di queste tecnologie, diffusione auspicabile in tutti gli step dellafiliera, dal campo alla vendita, al fine di ottenere garanzie di qualit{\`a} del prodotto sempremaggiori.",
author = "Maria Alleri",
year = "2017",
language = "Italian",
type = "Other",

}

TY - GEN

T1 - Applicazione di Tecniche non distruttive per la valutazione delle proprietà fisico-meccaniche dei frutti

AU - Alleri, Maria

PY - 2017

Y1 - 2017

N2 - Negli ultimi decenni, la richiesta e il consumo crescente di prodotti alimentari di qualità hanno motivato la ricerca e lo sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche in campo agroalimentare. L’applicazione di metodi e sistemi tecnologicamente avanzati ha garantito il raggiungimento, lungo tutta la filiera, di elevati standard di qualità e di sicurezza degli alimenti. In campo ortofrutticolo è di fondamentale importanza, soprattutto nella fase di postraccolta, monitorare lo stato di salute dei prodotti deperibili trasportati poiché diversi fattori influenzano le caratteristiche organolettiche e nutrizionali dei prodotti.Oltre alle tecniche di spettroscopia NIR, il cui utilizzo nel settore nell’agroindustria èampiamente documentato nella letteratura scientifica, in questa tesi particolare attenzione èstata rivolta alla sfera strumentata, tecniche non invasive e non distruttive per il controllodella qualità dei prodotti ortofrutticoli.Le prospettive di sviluppo di questa attività di ricerca sono quelle di ottimizzarel’integrazione delle informazioni ottenute dall’applicazione delle tecniche spettroscopichecon quelle derivanti dalle tecniche analitiche standard, e di correlare i risultati delle analisidistruttive e non distruttive con i parametri di qualità. L’utilizzo della sfera strumentata inlinea permetterebbe di migliorare il monitoraggio dei danni da urto subiti dai frutti nellelinee di lavorazione ai fini dell’ottimizzazione delle linee produttive e della lungaconservazione del prodotto.Accanto agli innegabili vantaggi derivanti dall’uso delle strumentazioni NIR e sferastrumentata non si può prescindere di fare un cenno anche agli elementi che ad oggi nelimitano una diffusione a tutti i livelli della catena di produzione e distribuzione. Accantoalla problematica dell’attendibilità dei risultati, alla quale le prove sperimentali stannocercando di fornire una risposta, si pongono altre importanti questioni quali la necessità dipersonale specializzato adeguatamente formato all’utilizzo degli strumenti,all’interpretazione dei risultati e non ultimo il problema dei costi che rappresenta un limitesoprattutto nella diffusione delle strumentazioni “in linea”.Certamente andranno portate avanti altre sperimentazioni per approfondire le performancesdegli strumenti. Ed è proprio da queste considerazioni che può scaturire una spinta per unamaggiore diffusione di queste tecnologie, diffusione auspicabile in tutti gli step dellafiliera, dal campo alla vendita, al fine di ottenere garanzie di qualità del prodotto sempremaggiori.

AB - Negli ultimi decenni, la richiesta e il consumo crescente di prodotti alimentari di qualità hanno motivato la ricerca e lo sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche in campo agroalimentare. L’applicazione di metodi e sistemi tecnologicamente avanzati ha garantito il raggiungimento, lungo tutta la filiera, di elevati standard di qualità e di sicurezza degli alimenti. In campo ortofrutticolo è di fondamentale importanza, soprattutto nella fase di postraccolta, monitorare lo stato di salute dei prodotti deperibili trasportati poiché diversi fattori influenzano le caratteristiche organolettiche e nutrizionali dei prodotti.Oltre alle tecniche di spettroscopia NIR, il cui utilizzo nel settore nell’agroindustria èampiamente documentato nella letteratura scientifica, in questa tesi particolare attenzione èstata rivolta alla sfera strumentata, tecniche non invasive e non distruttive per il controllodella qualità dei prodotti ortofrutticoli.Le prospettive di sviluppo di questa attività di ricerca sono quelle di ottimizzarel’integrazione delle informazioni ottenute dall’applicazione delle tecniche spettroscopichecon quelle derivanti dalle tecniche analitiche standard, e di correlare i risultati delle analisidistruttive e non distruttive con i parametri di qualità. L’utilizzo della sfera strumentata inlinea permetterebbe di migliorare il monitoraggio dei danni da urto subiti dai frutti nellelinee di lavorazione ai fini dell’ottimizzazione delle linee produttive e della lungaconservazione del prodotto.Accanto agli innegabili vantaggi derivanti dall’uso delle strumentazioni NIR e sferastrumentata non si può prescindere di fare un cenno anche agli elementi che ad oggi nelimitano una diffusione a tutti i livelli della catena di produzione e distribuzione. Accantoalla problematica dell’attendibilità dei risultati, alla quale le prove sperimentali stannocercando di fornire una risposta, si pongono altre importanti questioni quali la necessità dipersonale specializzato adeguatamente formato all’utilizzo degli strumenti,all’interpretazione dei risultati e non ultimo il problema dei costi che rappresenta un limitesoprattutto nella diffusione delle strumentazioni “in linea”.Certamente andranno portate avanti altre sperimentazioni per approfondire le performancesdegli strumenti. Ed è proprio da queste considerazioni che può scaturire una spinta per unamaggiore diffusione di queste tecnologie, diffusione auspicabile in tutti gli step dellafiliera, dal campo alla vendita, al fine di ottenere garanzie di qualità del prodotto sempremaggiori.

UR - http://hdl.handle.net/10447/238447

M3 - Other contribution

ER -