Applicazione alla verifica delle reti di condotte in una rivisitazione del capitolo del moto uniforme turbolento nelle correnti liquide

Benfratello, G;

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

Una formula pseudo lineare esprime l’equazione del moto uniforme turbolento di un liquido viscoso, e consente di risolvere fedelmente, senza iterazioni né ricorsi a grafici o a tabelle, entrambi i “problemi di verifica” delle correnti nei tubi e si presta bene al “problema di progetto”. Il risultato è dovuto al ruolo di un nuovo parametro che aggiunto a quello che surroga la scabrezza relativa costituisce una coppia caratterizzante il sistema tubo scabro - liquido viscoso. Entrambi intervengono nella legge di resistenza di Colebrook-White ridotta ad una forma facile a ricordarsi e avente il significato concettuale di misurare il rapporto fra due variabili numeriche: esse sono proporzionali alla cadente effettiva e alla cadente che competerebbe ceteris paribus al regime assolutamente turbolento. Dapprima la memoria propone tale nuova procedura per la soluzione dei problemi in un tubo, più semplice di altre in uso, nell’ambito di una generale rivisitazione del capitolo del moto delle correnti fluide in pressione nei suoi aspetti più operativi. La procedura è poi applicata nel calcolo di verifica di due reti idriche, per saggiarne l'attitudine all’ impiego attraverso il confronto con il tradizionale metodo della linearizzazione.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2012

Cita questo

@conference{e61680f337fb4753b0b20219b09a27af,
title = "Applicazione alla verifica delle reti di condotte in una rivisitazione del capitolo del moto uniforme turbolento nelle correnti liquide",
abstract = "Una formula pseudo lineare esprime l’equazione del moto uniforme turbolento di un liquido viscoso, e consente di risolvere fedelmente, senza iterazioni n{\'e} ricorsi a grafici o a tabelle, entrambi i “problemi di verifica” delle correnti nei tubi e si presta bene al “problema di progetto”. Il risultato {\`e} dovuto al ruolo di un nuovo parametro che aggiunto a quello che surroga la scabrezza relativa costituisce una coppia caratterizzante il sistema tubo scabro - liquido viscoso. Entrambi intervengono nella legge di resistenza di Colebrook-White ridotta ad una forma facile a ricordarsi e avente il significato concettuale di misurare il rapporto fra due variabili numeriche: esse sono proporzionali alla cadente effettiva e alla cadente che competerebbe ceteris paribus al regime assolutamente turbolento. Dapprima la memoria propone tale nuova procedura per la soluzione dei problemi in un tubo, pi{\`u} semplice di altre in uso, nell’ambito di una generale rivisitazione del capitolo del moto delle correnti fluide in pressione nei suoi aspetti pi{\`u} operativi. La procedura {\`e} poi applicata nel calcolo di verifica di due reti idriche, per saggiarne l'attitudine all’ impiego attraverso il confronto con il tradizionale metodo della linearizzazione.",
keywords = "Reti di condotte, legge di resistenza, regime turbolento misto",
author = "{Benfratello, G;} and Ferreri, {Giovanni Battista} and {Lo Re}, Carlo",
year = "2012",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Applicazione alla verifica delle reti di condotte in una rivisitazione del capitolo del moto uniforme turbolento nelle correnti liquide

AU - Benfratello, G;

AU - Ferreri, Giovanni Battista

AU - Lo Re, Carlo

PY - 2012

Y1 - 2012

N2 - Una formula pseudo lineare esprime l’equazione del moto uniforme turbolento di un liquido viscoso, e consente di risolvere fedelmente, senza iterazioni né ricorsi a grafici o a tabelle, entrambi i “problemi di verifica” delle correnti nei tubi e si presta bene al “problema di progetto”. Il risultato è dovuto al ruolo di un nuovo parametro che aggiunto a quello che surroga la scabrezza relativa costituisce una coppia caratterizzante il sistema tubo scabro - liquido viscoso. Entrambi intervengono nella legge di resistenza di Colebrook-White ridotta ad una forma facile a ricordarsi e avente il significato concettuale di misurare il rapporto fra due variabili numeriche: esse sono proporzionali alla cadente effettiva e alla cadente che competerebbe ceteris paribus al regime assolutamente turbolento. Dapprima la memoria propone tale nuova procedura per la soluzione dei problemi in un tubo, più semplice di altre in uso, nell’ambito di una generale rivisitazione del capitolo del moto delle correnti fluide in pressione nei suoi aspetti più operativi. La procedura è poi applicata nel calcolo di verifica di due reti idriche, per saggiarne l'attitudine all’ impiego attraverso il confronto con il tradizionale metodo della linearizzazione.

AB - Una formula pseudo lineare esprime l’equazione del moto uniforme turbolento di un liquido viscoso, e consente di risolvere fedelmente, senza iterazioni né ricorsi a grafici o a tabelle, entrambi i “problemi di verifica” delle correnti nei tubi e si presta bene al “problema di progetto”. Il risultato è dovuto al ruolo di un nuovo parametro che aggiunto a quello che surroga la scabrezza relativa costituisce una coppia caratterizzante il sistema tubo scabro - liquido viscoso. Entrambi intervengono nella legge di resistenza di Colebrook-White ridotta ad una forma facile a ricordarsi e avente il significato concettuale di misurare il rapporto fra due variabili numeriche: esse sono proporzionali alla cadente effettiva e alla cadente che competerebbe ceteris paribus al regime assolutamente turbolento. Dapprima la memoria propone tale nuova procedura per la soluzione dei problemi in un tubo, più semplice di altre in uso, nell’ambito di una generale rivisitazione del capitolo del moto delle correnti fluide in pressione nei suoi aspetti più operativi. La procedura è poi applicata nel calcolo di verifica di due reti idriche, per saggiarne l'attitudine all’ impiego attraverso il confronto con il tradizionale metodo della linearizzazione.

KW - Reti di condotte, legge di resistenza, regime turbolento misto

UR - http://hdl.handle.net/10447/78857

M3 - Paper

ER -