Antropizzazione costiera e posizione della linea di riva: la spiaggia di san leone (Agrigento)

Viola, S.

Risultato della ricerca: Paper

Abstract

In questo lavoro viene descritto un metodo di studio applicato al monitoraggio di una spiaggia dalle particolari caratteristiche dinamiche, causate proprio dal crescente sviluppo antropico avuto negli ultimi 50 anni. Il caso studio è la spiaggia di San Leone (37°15′41″N 13°35′20″E) appartenente all’Unità Fisiografica n.10 e localizzata a sud della città di Agrigento, tra le foce del fiume Akragas a NW e la foce del fiume Naro a SE (Fig. 1). Dagli anni '70 ad oggi, la spiaggia è stata oggetto di molti cambiamenti che hanno prodotto disequilibri nelle dinamiche litoranee che si sono evidenziate nel tempo attraverso avanzamenti e/o arretramenti della linea e aree ad alta criticità da erosione. La spiaggia sabbiosa di San Leone non è un caso unico ma piuttosto rappresenta le condizioni in cui oggi si trovano diverse spiagge antropizzate, nelle quali le forti oscillazioni della linea di riva sia nel lungo (ultimi decenni) che nel breve periodo (stagionali), indicano grandi variabilità dei fenomeni fisici connessi.
Lingua originaleItalian
Stato di pubblicazionePublished - 2016

Cita questo

@conference{e0866a8efcc94b55b631cff7c3a53b35,
title = "Antropizzazione costiera e posizione della linea di riva: la spiaggia di san leone (Agrigento)",
abstract = "In questo lavoro viene descritto un metodo di studio applicato al monitoraggio di una spiaggia dalle particolari caratteristiche dinamiche, causate proprio dal crescente sviluppo antropico avuto negli ultimi 50 anni. Il caso studio {\`e} la spiaggia di San Leone (37°15′41″N 13°35′20″E) appartenente all’Unit{\`a} Fisiografica n.10 e localizzata a sud della citt{\`a} di Agrigento, tra le foce del fiume Akragas a NW e la foce del fiume Naro a SE (Fig. 1). Dagli anni '70 ad oggi, la spiaggia {\`e} stata oggetto di molti cambiamenti che hanno prodotto disequilibri nelle dinamiche litoranee che si sono evidenziate nel tempo attraverso avanzamenti e/o arretramenti della linea e aree ad alta criticit{\`a} da erosione. La spiaggia sabbiosa di San Leone non {\`e} un caso unico ma piuttosto rappresenta le condizioni in cui oggi si trovano diverse spiagge antropizzate, nelle quali le forti oscillazioni della linea di riva sia nel lungo (ultimi decenni) che nel breve periodo (stagionali), indicano grandi variabilit{\`a} dei fenomeni fisici connessi.",
author = "{Viola, S.} and {Lo Re}, Carlo and Giuseppe Ciraolo and Giorgio Manno and Massimiliano Monteforte",
year = "2016",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - Antropizzazione costiera e posizione della linea di riva: la spiaggia di san leone (Agrigento)

AU - Viola, S.

AU - Lo Re, Carlo

AU - Ciraolo, Giuseppe

AU - Manno, Giorgio

AU - Monteforte, Massimiliano

PY - 2016

Y1 - 2016

N2 - In questo lavoro viene descritto un metodo di studio applicato al monitoraggio di una spiaggia dalle particolari caratteristiche dinamiche, causate proprio dal crescente sviluppo antropico avuto negli ultimi 50 anni. Il caso studio è la spiaggia di San Leone (37°15′41″N 13°35′20″E) appartenente all’Unità Fisiografica n.10 e localizzata a sud della città di Agrigento, tra le foce del fiume Akragas a NW e la foce del fiume Naro a SE (Fig. 1). Dagli anni '70 ad oggi, la spiaggia è stata oggetto di molti cambiamenti che hanno prodotto disequilibri nelle dinamiche litoranee che si sono evidenziate nel tempo attraverso avanzamenti e/o arretramenti della linea e aree ad alta criticità da erosione. La spiaggia sabbiosa di San Leone non è un caso unico ma piuttosto rappresenta le condizioni in cui oggi si trovano diverse spiagge antropizzate, nelle quali le forti oscillazioni della linea di riva sia nel lungo (ultimi decenni) che nel breve periodo (stagionali), indicano grandi variabilità dei fenomeni fisici connessi.

AB - In questo lavoro viene descritto un metodo di studio applicato al monitoraggio di una spiaggia dalle particolari caratteristiche dinamiche, causate proprio dal crescente sviluppo antropico avuto negli ultimi 50 anni. Il caso studio è la spiaggia di San Leone (37°15′41″N 13°35′20″E) appartenente all’Unità Fisiografica n.10 e localizzata a sud della città di Agrigento, tra le foce del fiume Akragas a NW e la foce del fiume Naro a SE (Fig. 1). Dagli anni '70 ad oggi, la spiaggia è stata oggetto di molti cambiamenti che hanno prodotto disequilibri nelle dinamiche litoranee che si sono evidenziate nel tempo attraverso avanzamenti e/o arretramenti della linea e aree ad alta criticità da erosione. La spiaggia sabbiosa di San Leone non è un caso unico ma piuttosto rappresenta le condizioni in cui oggi si trovano diverse spiagge antropizzate, nelle quali le forti oscillazioni della linea di riva sia nel lungo (ultimi decenni) che nel breve periodo (stagionali), indicano grandi variabilità dei fenomeni fisici connessi.

UR - http://hdl.handle.net/10447/201216

UR - http://amsacta.unibo.it/id/eprint/5400

M3 - Paper

ER -