Antonio Presti e la Land Art in Sicilia

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

L’arte e i processi di sviluppo della società e del territorio sembrano non avere nessun dato, oggetto, fine in comune. Sono state le avanguardie artistiche seguite alla pop art a far uscire con gesto provocatorio l’arte dai musei e dagli atelier e ad esporla platealmente sul territorio, imponendola alla fruizione anche dei non interessati o dei più distratti: nei casi più estremi di land art ampie superfici territoriali, parti di città, intere isole sono diventati fatto artistico, impossibile da occultare.Fiumara d’Arte, il più grande museo all’aperto d’arte contemporanea d’Europa, la cui realizzazione è iniziata a partire dagli anni ’80 con opere di scultori di fama internazionale, occupa e si integra territorialmente con la fiumara di Tusa, nella stretta valle fluviale che dai Monti Nebrodi si apre sulla costa settentrionale della Sicilia. Fiumara d’Arte nasce dall’impegno di Antonio Presti, impegno rivolto ad iniziative di carattere sociale e culturale e finalizzate al riscatto delle identità delle comunità attraverso la riappropriazione colta e consapevole del proprio territorio.Fiumara d’Arte è un eccezionale episodio di land art in cui il sistema territoriale e gli interventi artistici costituiscono un percorso unico, reale, intenso, inscindibile: il rapporto arte/territorio è verificato con successo, il fiume è asta di penetrazione nel territorio ed è percorso museale.Di contro, il rapporto arte/società fallisce; visitano le opere più fruitori provenienti dall’estero che siciliani; molti sono i siciliani che non conoscono Fiumara d’Arte.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteCittà nell'emergenza
Pagine213-216
Numero di pagine4
Stato di pubblicazionePublished - 2008

Serie di pubblicazioni

Nometenercittà

Cita questo

Badami, A. (2008). Antonio Presti e la Land Art in Sicilia. In Città nell'emergenza (pagg. 213-216). (tenercittà).

Antonio Presti e la Land Art in Sicilia. / Badami, Angela.

Città nell'emergenza. 2008. pag. 213-216 (tenercittà).

Risultato della ricerca: Chapter

Badami, A 2008, Antonio Presti e la Land Art in Sicilia. in Città nell'emergenza. tenercittà, pagg. 213-216.
Badami A. Antonio Presti e la Land Art in Sicilia. In Città nell'emergenza. 2008. pag. 213-216. (tenercittà).
Badami, Angela. / Antonio Presti e la Land Art in Sicilia. Città nell'emergenza. 2008. pagg. 213-216 (tenercittà).
@inbook{555a7f60453840669de3a61f1cd5806c,
title = "Antonio Presti e la Land Art in Sicilia",
abstract = "L’arte e i processi di sviluppo della societ{\`a} e del territorio sembrano non avere nessun dato, oggetto, fine in comune. Sono state le avanguardie artistiche seguite alla pop art a far uscire con gesto provocatorio l’arte dai musei e dagli atelier e ad esporla platealmente sul territorio, imponendola alla fruizione anche dei non interessati o dei pi{\`u} distratti: nei casi pi{\`u} estremi di land art ampie superfici territoriali, parti di citt{\`a}, intere isole sono diventati fatto artistico, impossibile da occultare.Fiumara d’Arte, il pi{\`u} grande museo all’aperto d’arte contemporanea d’Europa, la cui realizzazione {\`e} iniziata a partire dagli anni ’80 con opere di scultori di fama internazionale, occupa e si integra territorialmente con la fiumara di Tusa, nella stretta valle fluviale che dai Monti Nebrodi si apre sulla costa settentrionale della Sicilia. Fiumara d’Arte nasce dall’impegno di Antonio Presti, impegno rivolto ad iniziative di carattere sociale e culturale e finalizzate al riscatto delle identit{\`a} delle comunit{\`a} attraverso la riappropriazione colta e consapevole del proprio territorio.Fiumara d’Arte {\`e} un eccezionale episodio di land art in cui il sistema territoriale e gli interventi artistici costituiscono un percorso unico, reale, intenso, inscindibile: il rapporto arte/territorio {\`e} verificato con successo, il fiume {\`e} asta di penetrazione nel territorio ed {\`e} percorso museale.Di contro, il rapporto arte/societ{\`a} fallisce; visitano le opere pi{\`u} fruitori provenienti dall’estero che siciliani; molti sono i siciliani che non conoscono Fiumara d’Arte.",
keywords = "arte pubblica, arte urbana, fruizione, land art, pianificazione del territorio, sviluppo culturale, valorizzazione dei beni culturali",
author = "Angela Badami",
year = "2008",
language = "Italian",
isbn = "978-88-6017-046-0; 978-88-6017-046-0",
series = "tenercitt{\`a}",
pages = "213--216",
booktitle = "Citt{\`a} nell'emergenza",

}

TY - CHAP

T1 - Antonio Presti e la Land Art in Sicilia

AU - Badami, Angela

PY - 2008

Y1 - 2008

N2 - L’arte e i processi di sviluppo della società e del territorio sembrano non avere nessun dato, oggetto, fine in comune. Sono state le avanguardie artistiche seguite alla pop art a far uscire con gesto provocatorio l’arte dai musei e dagli atelier e ad esporla platealmente sul territorio, imponendola alla fruizione anche dei non interessati o dei più distratti: nei casi più estremi di land art ampie superfici territoriali, parti di città, intere isole sono diventati fatto artistico, impossibile da occultare.Fiumara d’Arte, il più grande museo all’aperto d’arte contemporanea d’Europa, la cui realizzazione è iniziata a partire dagli anni ’80 con opere di scultori di fama internazionale, occupa e si integra territorialmente con la fiumara di Tusa, nella stretta valle fluviale che dai Monti Nebrodi si apre sulla costa settentrionale della Sicilia. Fiumara d’Arte nasce dall’impegno di Antonio Presti, impegno rivolto ad iniziative di carattere sociale e culturale e finalizzate al riscatto delle identità delle comunità attraverso la riappropriazione colta e consapevole del proprio territorio.Fiumara d’Arte è un eccezionale episodio di land art in cui il sistema territoriale e gli interventi artistici costituiscono un percorso unico, reale, intenso, inscindibile: il rapporto arte/territorio è verificato con successo, il fiume è asta di penetrazione nel territorio ed è percorso museale.Di contro, il rapporto arte/società fallisce; visitano le opere più fruitori provenienti dall’estero che siciliani; molti sono i siciliani che non conoscono Fiumara d’Arte.

AB - L’arte e i processi di sviluppo della società e del territorio sembrano non avere nessun dato, oggetto, fine in comune. Sono state le avanguardie artistiche seguite alla pop art a far uscire con gesto provocatorio l’arte dai musei e dagli atelier e ad esporla platealmente sul territorio, imponendola alla fruizione anche dei non interessati o dei più distratti: nei casi più estremi di land art ampie superfici territoriali, parti di città, intere isole sono diventati fatto artistico, impossibile da occultare.Fiumara d’Arte, il più grande museo all’aperto d’arte contemporanea d’Europa, la cui realizzazione è iniziata a partire dagli anni ’80 con opere di scultori di fama internazionale, occupa e si integra territorialmente con la fiumara di Tusa, nella stretta valle fluviale che dai Monti Nebrodi si apre sulla costa settentrionale della Sicilia. Fiumara d’Arte nasce dall’impegno di Antonio Presti, impegno rivolto ad iniziative di carattere sociale e culturale e finalizzate al riscatto delle identità delle comunità attraverso la riappropriazione colta e consapevole del proprio territorio.Fiumara d’Arte è un eccezionale episodio di land art in cui il sistema territoriale e gli interventi artistici costituiscono un percorso unico, reale, intenso, inscindibile: il rapporto arte/territorio è verificato con successo, il fiume è asta di penetrazione nel territorio ed è percorso museale.Di contro, il rapporto arte/società fallisce; visitano le opere più fruitori provenienti dall’estero che siciliani; molti sono i siciliani che non conoscono Fiumara d’Arte.

KW - arte pubblica

KW - arte urbana

KW - fruizione

KW - land art

KW - pianificazione del territorio

KW - sviluppo culturale

KW - valorizzazione dei beni culturali

UR - http://hdl.handle.net/10447/37100

M3 - Chapter

SN - 978-88-6017-046-0; 978-88-6017-046-0

T3 - tenercittà

SP - 213

EP - 216

BT - Città nell'emergenza

ER -