Analisi statistica dei casi di intossicazione rilevati al prontosoccorso dell’Ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani nelperiodo 2010-2014

Risultato della ricerca: Meeting Abstract

Abstract

Premesse e Scopo dello studio: Lo studio ha lo scopo di analizzarei casi di intossicazione presso il P.O. Sant’Antonio Abate di Trapani conl’obiettivo di stimare e identificare l’incidenza delle intossicazioni afferential Pronto Soccorso.Materiali e Metodi: Sono stati raccolti dati individuali in un campionedi 1220 soggetti, che presentavano un quadro sintomatologico da riferirein tutto o in parte all’intossicazione. Sono stati inclusi nello studioi casi da prodotti industriali, veleni per animali, antiparassitari, gase vapori tossici, prodotti domestici, cosmetici, farmaci, prodotti chimicinon farmaceutici, droghe e alcool, veleni animali e vegetali.Risultati: I maschi sono 810 (66,4%), mentre le femmine sono 410(33,6%). Le percentuali maggiormente rappresentative sono costituiteda: alcool il 34,34% per uso voluttuario (20-49 anni), e farmaci il19,18% non a scopo suicidario (con maggiore frequenza, l’amiodarone,la digitale, l’ACE-inibitori e i betabloccanti) (età >50 anni).ConclusionI: Questo studio rappresenta un tentativo di definire l’incidenzadelle intossicazioni con particolare riguardo a sostanze diabuso ma soprattutto a farmaci. Diventa ragionevole concludere comel’intervento del farmacista clinico per la valutazione della terapia farmacologicama soprattutto delle interazioni che stanno poi alla basedell’inefficacia terapeutica o peggio ancora del sovradosaggio comela casistica riportata, oltre che la presa in carico del paziente per migliorarnel’aderenza terapeutica possa ridurre l’incidenza delle intossicazioninei soggetti che ne fanno uso.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)117-117
Numero di pagine1
RivistaItalian Journal of Medicine
Volume9
Stato di pubblicazionePublished - 2015

Cita questo

@article{8696ffccf3c542349d762a66587a5e83,
title = "Analisi statistica dei casi di intossicazione rilevati al prontosoccorso dell’Ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani nelperiodo 2010-2014",
abstract = "Premesse e Scopo dello studio: Lo studio ha lo scopo di analizzarei casi di intossicazione presso il P.O. Sant’Antonio Abate di Trapani conl’obiettivo di stimare e identificare l’incidenza delle intossicazioni afferential Pronto Soccorso.Materiali e Metodi: Sono stati raccolti dati individuali in un campionedi 1220 soggetti, che presentavano un quadro sintomatologico da riferirein tutto o in parte all’intossicazione. Sono stati inclusi nello studioi casi da prodotti industriali, veleni per animali, antiparassitari, gase vapori tossici, prodotti domestici, cosmetici, farmaci, prodotti chimicinon farmaceutici, droghe e alcool, veleni animali e vegetali.Risultati: I maschi sono 810 (66,4{\%}), mentre le femmine sono 410(33,6{\%}). Le percentuali maggiormente rappresentative sono costituiteda: alcool il 34,34{\%} per uso voluttuario (20-49 anni), e farmaci il19,18{\%} non a scopo suicidario (con maggiore frequenza, l’amiodarone,la digitale, l’ACE-inibitori e i betabloccanti) (et{\`a} >50 anni).ConclusionI: Questo studio rappresenta un tentativo di definire l’incidenzadelle intossicazioni con particolare riguardo a sostanze diabuso ma soprattutto a farmaci. Diventa ragionevole concludere comel’intervento del farmacista clinico per la valutazione della terapia farmacologicama soprattutto delle interazioni che stanno poi alla basedell’inefficacia terapeutica o peggio ancora del sovradosaggio comela casistica riportata, oltre che la presa in carico del paziente per migliorarnel’aderenza terapeutica possa ridurre l’incidenza delle intossicazioninei soggetti che ne fanno uso.",
author = "Fabio Venturella",
year = "2015",
language = "Italian",
volume = "9",
pages = "117--117",
journal = "Italian Journal of Medicine",
issn = "1877-9344",
publisher = "PagePress",

}

TY - JOUR

T1 - Analisi statistica dei casi di intossicazione rilevati al prontosoccorso dell’Ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani nelperiodo 2010-2014

AU - Venturella, Fabio

PY - 2015

Y1 - 2015

N2 - Premesse e Scopo dello studio: Lo studio ha lo scopo di analizzarei casi di intossicazione presso il P.O. Sant’Antonio Abate di Trapani conl’obiettivo di stimare e identificare l’incidenza delle intossicazioni afferential Pronto Soccorso.Materiali e Metodi: Sono stati raccolti dati individuali in un campionedi 1220 soggetti, che presentavano un quadro sintomatologico da riferirein tutto o in parte all’intossicazione. Sono stati inclusi nello studioi casi da prodotti industriali, veleni per animali, antiparassitari, gase vapori tossici, prodotti domestici, cosmetici, farmaci, prodotti chimicinon farmaceutici, droghe e alcool, veleni animali e vegetali.Risultati: I maschi sono 810 (66,4%), mentre le femmine sono 410(33,6%). Le percentuali maggiormente rappresentative sono costituiteda: alcool il 34,34% per uso voluttuario (20-49 anni), e farmaci il19,18% non a scopo suicidario (con maggiore frequenza, l’amiodarone,la digitale, l’ACE-inibitori e i betabloccanti) (età >50 anni).ConclusionI: Questo studio rappresenta un tentativo di definire l’incidenzadelle intossicazioni con particolare riguardo a sostanze diabuso ma soprattutto a farmaci. Diventa ragionevole concludere comel’intervento del farmacista clinico per la valutazione della terapia farmacologicama soprattutto delle interazioni che stanno poi alla basedell’inefficacia terapeutica o peggio ancora del sovradosaggio comela casistica riportata, oltre che la presa in carico del paziente per migliorarnel’aderenza terapeutica possa ridurre l’incidenza delle intossicazioninei soggetti che ne fanno uso.

AB - Premesse e Scopo dello studio: Lo studio ha lo scopo di analizzarei casi di intossicazione presso il P.O. Sant’Antonio Abate di Trapani conl’obiettivo di stimare e identificare l’incidenza delle intossicazioni afferential Pronto Soccorso.Materiali e Metodi: Sono stati raccolti dati individuali in un campionedi 1220 soggetti, che presentavano un quadro sintomatologico da riferirein tutto o in parte all’intossicazione. Sono stati inclusi nello studioi casi da prodotti industriali, veleni per animali, antiparassitari, gase vapori tossici, prodotti domestici, cosmetici, farmaci, prodotti chimicinon farmaceutici, droghe e alcool, veleni animali e vegetali.Risultati: I maschi sono 810 (66,4%), mentre le femmine sono 410(33,6%). Le percentuali maggiormente rappresentative sono costituiteda: alcool il 34,34% per uso voluttuario (20-49 anni), e farmaci il19,18% non a scopo suicidario (con maggiore frequenza, l’amiodarone,la digitale, l’ACE-inibitori e i betabloccanti) (età >50 anni).ConclusionI: Questo studio rappresenta un tentativo di definire l’incidenzadelle intossicazioni con particolare riguardo a sostanze diabuso ma soprattutto a farmaci. Diventa ragionevole concludere comel’intervento del farmacista clinico per la valutazione della terapia farmacologicama soprattutto delle interazioni che stanno poi alla basedell’inefficacia terapeutica o peggio ancora del sovradosaggio comela casistica riportata, oltre che la presa in carico del paziente per migliorarnel’aderenza terapeutica possa ridurre l’incidenza delle intossicazioninei soggetti che ne fanno uso.

UR - http://hdl.handle.net/10447/126432

M3 - Meeting Abstract

VL - 9

SP - 117

EP - 117

JO - Italian Journal of Medicine

JF - Italian Journal of Medicine

SN - 1877-9344

ER -