ANALISI DEGLI EFFETTI DEL CAMPO MAGNETICO SULLO STATO TENSIONALE INDOTTO IN PIASTRE DI ACCIAIO FORATE

Risultato della ricerca: Other

Abstract

Si è considerata una piastra forata di materiale ferromagnetico opportunamente accoppiata da bobine di filo di rame smaltato alimentato da un alimentatore DC a 30V. Essa è stata analizzata agli ElementiFiniti e successivamente sono state eseguite sperimentazioni per la validazione dei risultati ottenuti. Dopo aver levigato la piastra sono stati installati due estensimetri per misurare la deformazione lungo l’asse x e lungo l’asse z. Si sono ottenuti i valori di deformazione di 5µm in direzione z e -2µm in direzione x. Il confronto numerico-sperimentale mostra che i risultati di laboratorio sono più bassi di quelli numerici, mentre segni e ordini di grandezza sono gli stessi. Si conclude che i risultati dell’analisi FEM possono essere considerati accettabili a causa dell’ortogonalità del piano delle spire rispetto al piano della piastra e a causa del coefficiente di impacchettamento del rame.
Lingua originaleItalian
Numero di pagine0
Stato di pubblicazionePublished - 2012

Cita questo

@conference{0c9e15be255d4a15806072fc215b3b49,
title = "ANALISI DEGLI EFFETTI DEL CAMPO MAGNETICO SULLO STATO TENSIONALE INDOTTO IN PIASTRE DI ACCIAIO FORATE",
abstract = "Si {\`e} considerata una piastra forata di materiale ferromagnetico opportunamente accoppiata da bobine di filo di rame smaltato alimentato da un alimentatore DC a 30V. Essa {\`e} stata analizzata agli ElementiFiniti e successivamente sono state eseguite sperimentazioni per la validazione dei risultati ottenuti. Dopo aver levigato la piastra sono stati installati due estensimetri per misurare la deformazione lungo l’asse x e lungo l’asse z. Si sono ottenuti i valori di deformazione di 5µm in direzione z e -2µm in direzione x. Il confronto numerico-sperimentale mostra che i risultati di laboratorio sono pi{\`u} bassi di quelli numerici, mentre segni e ordini di grandezza sono gli stessi. Si conclude che i risultati dell’analisi FEM possono essere considerati accettabili a causa dell’ortogonalit{\`a} del piano delle spire rispetto al piano della piastra e a causa del coefficiente di impacchettamento del rame.",
keywords = "deformazioni, induzione magnetica, piastra forata",
author = "{Virzi' Mariotti}, Gabriele and Marannano, {Giuseppe Vincenzo} and Gabriele Barbaraci",
year = "2012",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - ANALISI DEGLI EFFETTI DEL CAMPO MAGNETICO SULLO STATO TENSIONALE INDOTTO IN PIASTRE DI ACCIAIO FORATE

AU - Virzi' Mariotti, Gabriele

AU - Marannano, Giuseppe Vincenzo

AU - Barbaraci, Gabriele

PY - 2012

Y1 - 2012

N2 - Si è considerata una piastra forata di materiale ferromagnetico opportunamente accoppiata da bobine di filo di rame smaltato alimentato da un alimentatore DC a 30V. Essa è stata analizzata agli ElementiFiniti e successivamente sono state eseguite sperimentazioni per la validazione dei risultati ottenuti. Dopo aver levigato la piastra sono stati installati due estensimetri per misurare la deformazione lungo l’asse x e lungo l’asse z. Si sono ottenuti i valori di deformazione di 5µm in direzione z e -2µm in direzione x. Il confronto numerico-sperimentale mostra che i risultati di laboratorio sono più bassi di quelli numerici, mentre segni e ordini di grandezza sono gli stessi. Si conclude che i risultati dell’analisi FEM possono essere considerati accettabili a causa dell’ortogonalità del piano delle spire rispetto al piano della piastra e a causa del coefficiente di impacchettamento del rame.

AB - Si è considerata una piastra forata di materiale ferromagnetico opportunamente accoppiata da bobine di filo di rame smaltato alimentato da un alimentatore DC a 30V. Essa è stata analizzata agli ElementiFiniti e successivamente sono state eseguite sperimentazioni per la validazione dei risultati ottenuti. Dopo aver levigato la piastra sono stati installati due estensimetri per misurare la deformazione lungo l’asse x e lungo l’asse z. Si sono ottenuti i valori di deformazione di 5µm in direzione z e -2µm in direzione x. Il confronto numerico-sperimentale mostra che i risultati di laboratorio sono più bassi di quelli numerici, mentre segni e ordini di grandezza sono gli stessi. Si conclude che i risultati dell’analisi FEM possono essere considerati accettabili a causa dell’ortogonalità del piano delle spire rispetto al piano della piastra e a causa del coefficiente di impacchettamento del rame.

KW - deformazioni

KW - induzione magnetica

KW - piastra forata

UR - http://hdl.handle.net/10447/64467

UR - http://www.aiasnet.it/Convegno/Convegno/Memorie-inviate

M3 - Other

ER -